Jabbamíende

… if I could draw my pains
Through rhymess vexation, I should them allay…

JOHN DONNE, Songs and Sonets

Tatà, sò jjabbamíende
che nen-ẓé, ca lu sgobbe
nn’i pote, sò ttremíende
ssa dote (ate ca rrobbe!),

ma tu sé ca nò vvíende
nò cchépevíende arrobbe
(vejéta jisse a Ggiobbe!)
na varde patemíende.

Sé u scúeffle che ce chioppe,
nò u fúeche dónne scappe,
nè u ddoppe che m’accappe:

Rosanne jére troppe,
cudde accúeste l’accoppe
e Criste ce li sccoppe!

Scherzetti. Papà, sono scherzetti che non sai, che la gobba non sopporta, sono tormenti questa dote (altro che roba!), ma tu sai che né vento né inghiottitoio rubano (beato lui, Giobbe!) un basto di patimenti. Sai il crollo che ci piovve, non il fuoco da cui scappo, né il dopo dove incappo: Rosanna era troppo, quegli accanto la doppia e Cristo ce li accoppa!

Da: Francesco Granatiero, Passéte [«Usta»/«Passato»], Interlinea, Novara, 2008

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...