Omaggio a Tonino Guerra

I bu

Andé a di acsè mi bu ch’i vaga véa,
che quèl chi à fat i à fat,
che adèss u s’èra préima se tratour.

E’ pianz e’ cór ma tótt, ènca mu mè,
avdai ch’i à lavurè dal mièri d’ann
e adèss i à d’andè véa a tèsta basa
dri ma la córda lònga de’ mazèll.

I vúve

Va’ dice a i vúve mie c’anna smammé,
ca quédde c’hanne fatte hanne fatte,
ca mo ce fé prime p’lu trattòure.

E chiangë u core a tuttë, pure a mmè,
a vvedé c’hanne sccumete megghiere d’anne
e mmo ce n’anna scı p’la còute a mídzzë i jamme
irete la corda longhe d’u macelle.

I BUOI. Andate a dire cosí ai miei buoi che vadano via, che quello che hanno fatto hanno fatto, che adesso si fa prima col trattore. Piange il cuore a tutti, anche a me, vedere che hanno lavorato per migliaia d’anni e adesso devono andare via a testa bassa dietro la corda lunga del macello.

v. 6 a tèsta basa, “a testa bassa”, è tradotto p’la còute a mídzzë i jamme, “con la coda tra le gambe”.

da Francesco Granatiero, Giargianese. Poesia in altre lingue. 109 versioni in dialetto apulo garganico, Foggia, Grenzi, 2006

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...