Omaggio a W. Szymborska

La cepódde

La cepódde è n’ata còuse.
Ne ndene caledume.
Tutta quande cepódde
fine a lla cepuddume.
Cepuddute dafore
cepuddòuse fine a u core,
putarrije uardàrece dajindre
senza pegghié pavure.
Dajindre a nuie mestèrie e vúsche
de pedde appene accumugghiete,
dajindre de mbírne,
iride natumije,
ma nde la cepódda-cepódde,
nínde famurre ndurcegghiete.
Iésse ogni vòletë cchiù allanute,
fine nfunne e de quédda vije.

Secutive è la cepódde.
Arreiesciute è la cepódde.
Nd’ a vune ecche sté l’àlete,
nde la cchiù irosse la cchiù peccenénnë,
nd’ a quédda doppe quédda appírse,
sì, la terze e lla quarte,
mmere jindre de carrére.
N’ecche a una vòuce chemboste.
La cepódde, d’accorde:
la cchiù bella vendre d’u munne.
A lòusa sòu de léje
sòla sòule ce arravogghie atturne.
Nd’ a nuie – irasse, nírve, vèine,
mucche e umme ngumbuseiòune.
E a nuie ce fó neietë
la ciucciarije de la perfezzijòune.

Cebula, da Vista con granello di sabbia di WISŁAVA SZYMBORSKA (1923). La cipolla è un’altra cosa./ Interiora non ne ha./ Completamente cipolla/ fino alla cipollità./ Cipolluta di fuori,/ cipollosa fino al cuore,/ potrebbe guardarsi dentro/ senza provare timore.// In noi ignoto e selve/ di pelle appena coperti,/ interni d’inferno,/ violenta anatomia,/ ma nella cipolla-cipolla,/ non visceri ritorti./ Lei più e più volte nuda,/ fin nel fondo e così via.// Coerente è la cipolla,/ riuscita è la cipolla. Nell’una ecco sta l’altra,/ nella maggiore la minore,/ nella seguente la successiva,/ cioè la terza e la quarta. Una centripeta fuga./ Un’eco in coro composta.// La cipolla, d’accordo:/ il più bel ventre del mondo./ A propria lode di aureole/ da sé si avvolge in tondo./ In noi – grasso, nervi, vene,/ muchi e secrezione./ E a noi resta negata/ l’idiozia della perfezione. (traduzione italiana di P. Marchesani, in W. S., Vista con granello di sabbia, Milano, Biblioteca Adelphi, 2005)

v. 12 iride, “grida ”; 23 mmere jindre de carrére, “verso dentro di corsa”; 27 leie, “aureole”, propriamente, al singolare, “alone della luna”; 30 mucche e umme ngunbusijòune, “muchi e gemizi in confusione”. (da F. Granatiero, Giargianese)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...