Come si scrive (e legge) il dialetto

TRASCRIZIONE DEI DIALETTI MERIDIONALI

di Francesco Granatiero

Il dialetto pugliese (Capitanata, Terra di Bari e parte delle province di Brindisi e Taranto), ma anche lucano, abruzzese, molisano, calabrese settentrionale, campano che non si riconosce nella scrittura del napoletano, si scrive (e legge) come l’italiano, con qualche precisazione.

La e senza accento, come nel francese petit, è usata per indicare la cosiddetta e muta (abr.-mol. ggiuvenitte “giovinetti”, bbalecune “balconi”, remenute “rivenuto”, abr. capefuoche “alari”, lèmete “limite”,garg. pedecine “picciuolo”, nùneme “mio nonno”, pecceninne “piccolo”, bar. ndesecà “irrigidire”, Brindisi vùffelu “mannello di spighe”, Matera attòneme “mio padre”).

L’accento grave indica i suoni aperti di è, come nell’it. festa (abr.vènde “vento”, sècule “secolo”, Campobasso funèstra “finestra”, apulo-fogg. fèste, sètte, vunnèdde “gonna”, fazzelètte “fazzolétto”,Trani patrèune “padrone”,bar. cemenère “fumaiolo”,Taranto strammuèttele “strambotto”), e di ò, come in notte (abr.-mol. addò “dove”, nòstre, Agnone sespòire “sospiro”,garg. nòtte, sòreve “sorba”, sòrete “tua sorella”, pappelònne “ragnatela”, sòule “sole”, Bitonto meddòiche “mollica”, Ruvo fòuse “fuso”, Taranto sfacciòmme “mascherone”).

L’accento acuto indica i suoni chiusi di é, come in sera (abr. vénge “vincere”, sapé “sapere”, arréte “di nuovo”, garg. vijéte “beato”, préte “pietra”, Matt. chiéve “chiave”, quédde “quella”, frédde “fredda”, métte “mettere”, stréte “strada”, Sannicandro séra, séccia “seppia”, Peschici véine “vino”), e di ó, come in sole (abr. sótt’a ssóle “sotto il sole”, pungecóse “pungente”, póche “poco”, garg. cóle “gazza”, canóssce “conoscere”, tónne “rotonda”, petrócce “pietruzza”, mbrónde “in fronte”,Bari sórge “topo”).

Le vocali i e u, il cui accento ha solo valore tonico, recano ormai l’accento grave (così, più) in luogo dell’antico accento acuto (cosípiú). In molti dialetti dell’area meridionale le vocali E e O brevi latine danno origine a dittonghi discendenti del tipo ìe (Bari malacìedde, Bitonto acìedde, Alberobello cappìedde) e ùe (Foggia mùerte, Garg. mer. bbùene, Trinitapoli stùezze “tozzi”, raciùeppe “racimoli”, Terra di Bari bbùune, accanto all’ascendente bbuéne). Le pronunce pìede “piedi” e fùeke “fuoco” sono spesso (Garg. mer.) assai vicine a quelle delle vocali semplici, solo un po’ più cupe e allungate, tanto che i parlanti scrivono semplicemente pide e fuche. Credo che in questi casi si possa rispolverare l’accento acuto e scrivere víne (píte “piedi”, fídde “fette”, martídde “martello”, cambanídde “campanello”, prívete “preti”) e fúche (cúste pl. “schiena”, paddútte “palla di neve”, múdde “molle”, múnece “monaci”, vú’ “vuoi”), così da distinguere, per esempio a Monte Sant’Angelo e Mattinata, víne “vieni” da vine “vino” (pr.vijne/véine), vínde “vento -i” e “vienti” (vínde pigghie “vieni a prenderti”) da vìnde “venti”, jísse “esci” da jisse “lui”, sí’ “ascolta” da si’ “sei” e “sì”, cúdde “collo” da cudde “quello”, ecc., lasciando all’accento grave la sua funzione tonica (accussì “così”, necchiù “basta!”, cerìngule “cirro di vite”, frùsckule “bestiola”). Ciò vale ovviamente solo in quei centri dove gli esiti di “vieni” e “vino” sono nettamente distinti nella pronuncia (cfr. Vocabolario dei dialetti garganici).

Nelle parole piane, i e u seguiti da consonante semplice sono normalmente allungati e più o meno alterati, a seconda dei parlanti: Agnone criatìure “creatura”, Peschici néide “nido”, Matt. nite/néite, sule/söule “solo”, Manfr. nïte “nido”, matüne “mattoni”, Bisceglie chestìume “costume”, Alberobello stéipe “stipo”, Trani paghèure “paura”. Allo stesso modo le vocali corrispondenti alle e e o chiuse dell’italiano: Trani zappatàure, Bitonto nàuce “noce”, Vico stasciàune “stagione”. Spesso tali alterazioni sono poco avvertite dagli stessi parlanti, che perciò non le trascrivono (marine, farine, matine, prudite “prurito”, lupe, venute, jute “andato”, cruce “croci”, cravune “carboni”).

Con j si indica la i di noia (jute “andata”, chiéje “piaga”, pejòune “giumella”, majéle “maiale”, jatte “gatta”, fijéte “fiato”, fanóje “falò”). Questa, così come la u di uovo (w), in fine di parola spesso è seguita da una vocale del tutto muta, e allora fa tutt’uno con la vocale che precede. Cfr. napol. (S. Di Giacomo) faie [faj] “fai”, nuie [nuj] “noi”, méie [méj] “mie”; cfr. Matt. suwe [suw] “suo, suoi”, mije [mij] “mio, miei”.

Nel Gargano, ma anche nel resto della Puglia, la s iniziale o intervocalica ha suono sordo, comenell’it. sale  e mese (séle, mèise, statije “estate”), in genere anche davanti a r (Matt. s-ruwidzie “servizio”, Celle di San Vito s-ruàje “sole”, cfr. il fr. soleil). Davanti a consonante sonora (sbenghié “svincolare”, sdanghe “stanga”, sbuluté “slogare”, sganghéte “sdentato”, sdrèje “strega”), così come davanti a m, n e l (smammé “svezzare” ecc.) e nel digramma dz (zeta sonora) suona come nell’it. sberla.

Il digramma sci ha spesso, diversamente dall’it. striscia, un suono semplice, non rafforzato, come nel napoletano busciardo o come la c di bacio in bocca toscana. In tal caso (come G. G. Belli), si può scrivere sci, raddoppiando il suono italiano (garg. casce “cacio” vs cassce “cassa”).* Il digramma seguito da consonante è reso con sc, non solo in sck (šc del nap. šcarpa), ormai entrato nella consuetudine di tutta la Puglia (Matt. sckappe / sccappe “schiappa”, Sckappòune “Schiappone” top., sckuppètte “schioppo”, abbusckué “buscare”, friscke “fresco”, muscke “spalla”, Trinitapoli rascke“raschi”, Monopoli sckute “sputa”), ma anche in scqu (Matt. abbuscqué “buscare”, Trinitapoli scquàcquele “papaveri”). Il suono [š] può essere seguito, oltre che da k (sccappe, scquàcquele), anche da p (Vieste scputà) e da t (abr. sctèlle).

Il suono di zeta sordo, comenell’it. marzo [martso], è reso con z (marze, scòrze “scorza”, zippele “stecco”, zangòune “legno appuntito”, vùleze “bolso”, saleze “salsa”, cíleze “gelso”). Lo stesso suono rafforzato, con zz [tts], come nell’it. piazza (pazze “pazzo”, menuzze “minuzzolo”, perrúzze “pagnottella fatta con la raschiatura della madia”, scazzeché “stuzzicare”, pazzijé “scherzare”, pazziie “pazzia, stravaganza”).

Il nesso consonantico nz si legge invece come nell’it. pranzo [prandzo] (scunzé “sconciare, disturbare”, penzíre “pensiero”, canze “tregua”, pacijenzuse “paziente”, cumbedènze “confidenza”, spranze “speranza”); altrimenti è reso con ts (cantsone). Il nesso rz suona come nell’it. marzo [martso] (marze, scòrze), sennò è scritto rdz e si pronuncia come nell’it. garza (jardzòune “garzone”, vèrdze “verza”, jardze “guancia”, jardzéle “schiaffo sulla guancia”). La geminata di azzurro è resa con dz (vedzarre “bizzarro”, mídze “mezzo”, medzéne “mediano”) ed ha pronuncia rafforzata. In caso contrario si può ricorrere a ‘z (mè’ze “mezzo”).

Il rafforzamento sintattico va sempre scritto (a cchése “a casa”), in quanto i dialetti si comportano in maniera diversa dall’italiano. Anticamente il fenomeno veniva contrassegnato da un punto: lla potente spada… o·dDio (M. Buonarroti). La lingua di oggi lo registra solo in caso di univerbazione: tressette, cosiddetto, soprattutto. Se si pensa che in bocca al contadino di una volta il nome faceva tutt’uno con l’articolo, si sarebbe tentati di scrivere il sintagma con rafforzamento come se si trattasse di un’unica parola (ullatte e uppéne attè, ell’acque amMatté“il latte e il pane a te, e l’acqua a Matteo”). Analoga considerazione vale per il sandhi (nendéne i dínde “non ha i denti”, nembote scì “non può andare”), tanto più che il primo elemento (la sillaba ne) spesso cade lasciando traccia del fenomeno nel secondo (ndéne “non ha”, mbote “non può”). L’uso del punto (a·cchése, u·ppéne, u·llatte) nei dialetti potrebbe differenziare il rafforzamento sintattico dal raddoppiamento iniziale proprio della singola parola (llòrge “orologio”, cchjíse < ECCLESIA “chiesa”, cqua < ECCUM HAC “qua”) e da quello cosiddetto enfatico (rrè “re”, rròbbe “roba”).

Le vocali toniche a, i, o (suono chiuso) e u di parola piana si possono non accentare (agghianne “ghiande”, cavadde “cavallo”, stritte “stretto”, cumbitte “confetto”, muline “mulino”, pedecine “picciuolo”, pepucce “tarallino”, feleture “tappo”, fodde “folla” e “fretta”, amore “amore” e “sapore”). In tal caso le parole non accentate s’intendono piane. Addirittura si potrebbero non accentare neanche le parole sdrucciole con vocali postoniche mutole (puzzele “becco”, cingele “racimolo”, feliscene “fuliggine”, tarandele “ragno”, polece “pulce”). In quest’ultimo caso, essendo la e non accentata sempre atona, l’accento tonico non potrebbe che cadere sull’ultima vocale distinta.

In vari dialetti ci sarà poi la necessità di ricorrere a vocali con segni diacritici particolari, come ä (Apricena päne), å (Foggia påne), ö (Manfr. söle), ë (Manfr. pëne “pena”), ü (Manfr. feletüre “tappo”) ecc. Altrettanto vale per qualche specifica consonante, come il chi greco, che si può rappresentare con h’ (Rignano Garganico h’iore “fiore”). Tuttavia, quando questi suoni seguono una regola precisa e facilmente deducibile, si può semplificare la scrittura riportando la regola in una nota. A Foggia, per esempio, si può scrivere pane con a senza alcun segno diacritico: è sufficiente avvisare il lettore che la A tonica, intatta in sillaba chiusa (lambe, panne, tàcchere), è invece turbata (in un suono tra å e ö) in sillaba libera di parola piana (cane, fafe, patanare).

_______

* Ma cfr. Una scrittura per ogni paese?
E infine vai a Grafia DAM

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...