Vórle ndla stréte sótte
la lune, a u scurde, a u cchiére,
véve alla vocche, a notte
a notte, u pulmunére.

Lupe e nne llupe mmére
gni llustre, a i pporte vótte,
ce rascche i cúeste e sgótte
frite de chiúeve, amére,

sanghe e túesche. E nne scchéme
cchiù: scàlefe, ou ce ammocche,
la terre, u scurzulére.

Lundéne vumme, iréme,
vove véve alla vocche,
u famurre-lu-mére.

Il lupo mannaro – Urla nella strada sotto / la luna, al buio, al chiaro, / bava alla bocca, nel cuore / della notte, il lupo mannaro. // Lupo e non lupo verso / ogni lume, alle porte urta, / si raschia la schiena e sgorga / ferita da chiodi, amara, // sangue e tossico. E non ulula / più: scalda, dove si accascia, / la terra, il mucchio di malli. // Lontano geme, grama, / bue bava alla bocca, / il ventre del mare. (F. Granatiero)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...