È l’anima, straniera, sulla terra.
Georg Trakl

Ou jèi chése, u reggitte
de l’àneme? Da attàneme,
ou sò nnéte, mo spíerte
e demíerte, frustíere
retorne, chilappure
chichédùne me sépe.

Ou mo stéche nen-ẓacce
se véche spatrejune
o stéche a stritte. Certe,
nesciune a mmè me cacce,
ma sende ca l’assíette
sprefónne sótte i píete.

L’àneme nd’u tramote
sté annatavanne, sote.
Auméne pe nna serte
pembeduricchie i ssíerpe
assuche l’umme ngúerpe,
la péne che me serre.

Altrove – Dov’è casa mia, il rifugio dell’anima? Da mio padre, dove sono nato, ora randagio e sperduto, straniero ritorno, chissà qualcuno mi riconosca. Dove ora sto non so se vado senza meta o mi trovo stretto. Certo, nessuno mi caccia, ma sento che la base sprofonda sotto i piedi. L’anima nel terremoto è altrove, immobile. Almeno con un serto di bacche di tàmaro asciugo il gemere in corpo, la pena che mi serra.

Da F. Granatiero, Scùerzele/Spoglia, pref. Donato Valli, postf. Achille Serrao, Roma, Cofine, 2002.

Stradella

Stradella di Monte Saraceno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...