Dieci poesie per Mattinata

Foto di Antonio Lupoli

Francesco Granatiero, Dieci poesie per Mattinata

A chi mi chiedesse che cosa è per me Matenete, Mattinata, io ora non saprei rispondere, o non vorrei. Un bavaglio di pudore, na scclocche, una mordacchia, mi impedirebbe la parola, perché dovrei parlare di me, della mia gioia, ma soprattutto del mio disagio. Dovrei fare i conti con ciò che ho perduto nell’adolescenza, dopo e dopo ancora, con ciò che il mio cuore – non sia greve – può oggi riportare, dal fondo di una grava, al suo paese. Ecco, ho scelto dieci sarcenedde, dieci piccole fascine, dal mio basto di parole, dieci bassorilievi pazientemente scavati dall’utero alla tomba. Ed è a loro che ora chiedo che cosa è per me Mattinata. Mattinata è la terra aspra dove sono nato, di grotte e di stelle, la terra dove mi perdo in un mare di pietre, il rifugio della mia anima. Mattinata è l’angolo della cucina, la buffetta con la tovaglia bianca e l’acqua santa nel bicchiere, la palma benedetta e la gugliata di refe nella cruna, illuminate da una lampada votiva. È la bestia nel sottano che attende una mano con la misura di orzo e avena. È una macchina da cucire nella penombra, l’accelerazione del pedale, il dolce peso di due occhi assorti dietro l’ago. Mattinata è la terra di gramigna e loglio, che io mi porto dentro, la terra dove scavare per spegnere la mia febbre, il belato della capra della mia infanzia, con le stimmate alle orecchie, il belato che piove su un mondezzaio di parole. Mattinata è la vitalba che avvinghia un tronco. È risveglio, guaìto. È la terra che mi porto in petto come fosse il sole, un sole alto e un sole che sbircia dal varco di pietre di mille muri a secco, un sole che viene dal profondo, col mosto della memoria. Mattinata è la terra che non ho e di cui morendo vorrei farmi un’abbuffata. Mattinata è la terra degli ulivi dove sempre torno, la voce altrove, annatavanne, che è sussurro di dentro, imperioso comando.

Rivoli (To), 10 febbraio 2007

Reggitte

Iaspre è la terre e assutte,
la terre addoue sò netë.
Ie ce starrìe cuiete,
dajindre a quíddi irutte,

o sótte i stídde arrete
all’aria nette i nnútte,
nò spírte, sperse ndutte
nd’a nnu mere de prete,

o, citte, nd’i zappine,
pe nnu vulìsce scchitte
de ripe e d’aria fine.

Po’ urrìe, cum’e ll’andiche,
na chiote pe reggittë
sótta n’àrue de fiche.

Rifugio. Aspra è la terra e asciutta, la terra dove sono nato. Io ci starei quieto, dentro a quelle grotte, o sotto le stelle di nuovo all’aria nitida le notti, non ramingo, sperduto del tutto in un mare di pietre, o, silenzioso, tra i pini, con un desiderio soltanto di rocce e d’aria fina. Poi vorrei, come gli antichi, una tomba per ricetto sotto un albero di fico.

Verso 13: chiote, “tomba” a forma di utero, dove il corpo è deposto in atteggiamento fetale. Riferimento alla necropoli di Monte Saraceno, Mattinata.

Da U iréne, “Il grano”, pref. di Giovanni Tesio, Mario dell’Arco, Roma 1983.

Pasqua Abbufanije

P’i múrte la tuuagghia
bianghe, la lambe, l’acqua
sande nde lu bucchíre,

la palma abbénedìtte,
lu ppene, l’eche, l’azze
la rèife nde la crone.

Po’ ierete la porte
la calezette nzúnne
pe ll’ostie, la cupete,

i ffechesécche, i nnuce,
i ffróttere atterrete,
i purtejalle… Attàneme

ascénne pe la luce
nde la stadde, vurnèisce
li vvestie a úrsce e vèine

senza sparagne, ch’àneme
de múrte ce currife
s’annemele ce lagne.

Epifania. Per i morti la tovaglia bianca, la lampada votiva, l’acqua santa nel bicchiere, la palma benedetta, il pane, l’ago, la gugliata di refe nella cruna. Poi dietro la porta la calza in sogno con l’ostia ripiena, il torrone, i fichisecchi, le noci, le mandorle tostate, le arance… Mio padre scende con la lucerna nella stalla, governa le bestie a orzo e avena senza risparmio, ché anima di morto si corruccia se animale si lagna.

v. 11: atterrete, (mandorle) “tostate” e intrise di zucchero o miele.

Da Énece, “Nidiandolo”, pref. di Pietro Gibellini, Campanotto, Udine 1994.

Dajindre

Na terra iarse, sòule,
senza fati’ o paròule,
tutte iraménghie e scjúgghie,
ie me la porte all’úgghie.

E nòune, affunne affunne,
dajindre ie me la porte,
cume fosse lu munne,
cume fosse la morte.

Na terre tutte prete,
citte, cuiete e sòule,
ie me la porte mbítte
cume fosse lu sòule.

Dentro. Una terra arsa, sola, senza fatica o parola, tutta gramigna e loglio, io me la porto addosso. E no, profondamente, dentro io me la porto, come fosse il mondo, come fosse la morte.Una terra tutta pietre, zitta, quieta e sola, io me la porto in petto come fosse il sole.

v. 4: purté a ll’úgghie, “portare come otre d’olio”, portare a cavalluccio.

Da Énece, “Nidiandolo”, cit.

Cafúrchie irótte ireve

Ie che veche truuènne
cafúrchie irótte iréve
affunne pe d-ascénne
a stuté quéssa freve

e nd’u mmucòure scheve
p’i mmene, pe la pénne,
cchéd èi che veche acchienne
a u funne de ssa cheve?

Pot’esse ca na fosse
cravótte, nd’i famurre
la terre, scurde e mbósse,

opure n’atu sòule
ie scioppe, n’at’adzurre
e a lla morte paròule.

Tane grotte voragini. Io che vado cercando tane grotte voragini profonde per scendere a spegnere questa febbre e nell’humus scavo con le mani, con la penna, che cosa vado cercando al fondo di questa cava? Può essere che una fossa io scavi, nelle viscere della terra, umida e scura, oppure un altro sole scippo, un altro azzurro e alla morte parole.

v. 2: cafúrchie, “tana”, propriamente “tugurio, abitazione interrata e angusta”; v. 10: famurre, “viscere”, propriamente “viscere fumanti”.

Da Énece, “Nidiandolo”, cit.

Paròule círche, singhe…

Paròule círche, singhe,
mírche d’u tímbe, che mbítte
púrte e mmocche cume
la crepe l’ocche a lli rrécchie,

scurdete, arratechete,
cungreiete pe ll’arte
e lla fatije ch’accite,
andiche andiche (pòuse,
fezze, pòleve, lénga
frascête?) chi l’appure
accume acchiete, nete
andecòreie, morte
e ne mortë, dajindre
nu sorte munuzzele
– muste de la memòreie.

Parole cerchi, segni, màrchi del tempo, che in petto porti e in bocca come la capra le incisure alle orecchie, scordate, radicate, concreate con l’arte e la fatica che spossa, antichissime (posa, feccia, polvere, lingua abortita?) chissà come ritrovate, rinate remote, morte e non morte, dentro un grande mondezzaio – mosto della memoria.

Da Énece, “Nidiandolo”, cit.

Vricce sccarde chiangune…

Vricce sccarde chiangune
pe lu zucquette scheve
nd’a nnu sprefunne iréve
e accudatòure pesccune

zavórre chechelune
retagghie e quande n’eve
la terre pe nna chieve
macere ie schepe a une

a une, aggiocche affrónde
tagghie e tagghie la prete
a botte de mazzòule,

ca l’oua vasé mbrónde
passenne pe lu uéte
la sferre de lu sòule.

Ciottoli selci lastroni con il piccone scavo in un fondo di voragine e mezzepietre massi schegge macigni ritagli e quanti ne ha di sassi la terra per una chiave di muro a secco scarto a uno a uno, in modo che combaci taglio a taglio la pietra a colpi di mazzuola, che in fronte la baci passando per il varco la spera del sole.

Da Iréve, “Voragine”, Comunità Montana del Gargano, Foggia 1995.

Fuqualite

a Giovanni Tesio

Vreccite, quatragnite,
crusteme iarse o mbósse,
bianghite, terra rósse
o nérie, fuqualite,

puzzuleme, irassite,
terre, terre oue ce nfosse
lu uerme, terra irosse
o fine, oue me mettita

mettite – cerevídde
vocche úcchie còrie core
veddiche ógne vedídde –

terre – nínde tavute –
ie quann’èi che me more
me n’eja fé n’assute.

Terra di selci. Terra sassosa, terra argillosa, crostame arido o umido, magreta, terra rossa o nera, terra di selci, terra calcarea, grasceta, terra, terra dove s’infossa il lombrico, terra grossa o minuta, dovunque mi mettiate – cervello bocca occhi cuoio cuore ombelico artigli budella – terra – niente bara – io quando muoio devo farmene un’abbuffata.

Da Scúerzele [“Spoglia”], pref. di Donato Valli, postfaz. di Achille Serrao, Cofine, Roma 2002.

Veddecòuse

M’ajípre repetorie
de súnne, verevune
de murèisce andecorie,
rupulìsce vaddune

d’acqua chiere o de morie,
de spete stídde lune,
sderrupe rumetorie
de chiande spatreiune,

oh, vedídde arravúgghie,
veddecòuse, cherdòune
sdravúgghie, de veddiche,

terra mèi, metra andiche,
me chemmúgghie ceppòune,
mborme gghiatte me spúgghie.

Vitalba. Mi apri strapiombi di sogni, gorghi di ombre primordiali, travolgi torrenti d’acqua chiara o di morchia, di spade stelle lune, dirupi eremi di pianti sperduti, oh, budella ravvolgi, vitalba, cordone svolgi, d’ombelico, terra mia, utero antico, mi ricopri ceppo, come guaìto mi spogli.

Da Passéte, “Usta/Passato”, nota di Giovanni Tesio, Interlinea, Novara 2008.

La màchene che ce còuse…

La màchene che ce còuse
nd’u lume e scurde de la tendine,
la mene ch’aggire u vulandine
e llu pete che nàzzeche,
la mene ch’accumbagne la pezze
e ll’úcchie tue (ammuccete)
irete all’eche pla rèife.

La macchina da cucire nella penombra delle tendine, la mano che gira il volantino e il piede che culla, la mano che accompagna la stoffa e gli occhi tuoi (nascosti) dietro l’ago col refe.

Da Bbommine, “Fiori d’asfodelo/Bambino”, pref. di Franco Pappalardo La Rosa, Joker, Novi Ligure 2006.

Cúrpe

Cúrpe d’aulive apírte,
medóddere squartete,
vrazze de stradzie adírte
pe déterë senghete

e storte, ndurcegghiete
a ss’àneme ndesírte,
ch’ie pozza sté cuiete,
necchiù spírte e demírte,

che pozza acchié reggitte
nd’i ffrite vostre andiche,
che pozza acchié na vòuce,

nu frìzzeche, nu ccitte
– pezzuche, piche o cròuce
ch’arrive a llu ueddiche.

Tronchi. Tronchi d’ulivo aperti, midolla squarciate, braccia di strazio aderte con dita segnate e storte, aggrovigliate quest’anima deserta, ch’io possa stare quieto, non più randagio e oppresso, che possa trovar ricetto nelle ferite vostre antiche, che possa trovare una voce, un sussurro, un silenzio – piantatoio, piccone o croce che arrivi all’ombelico.

cúrpe, “tronco” e, ovviamente, “corpo”.

Da Passéte, “Usta/Passato”, cit.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...