Jaspre è la terre e assutte,
la terre addòu sò nnéte.
Ie ce starrìi cujéte,
dajindre a quíddi irutte,

o sótt’i stídde arréte
all’aria nette i nnútte,
nò spírte, sperse ndutte
nd’annu mére de préte

o, citte, nd’i zappine,
pe nnu vulisc̣e scchitte
de ripe e d’aria fine.

Po’ urrìe, cum’e l’andiche,
na chiote pe rreggitte
sótta n’àrue de fiche.

Rifugio – Aspra è la terra e asciutta, la terra dove sono nato. Io ci starei quieto, dentro a quelle grotte, o sotto le stelle di nuovo all’aria nitida le notti, non ramingo, sperduto del tutto in un mare di pietre, o, silenzioso, tra i pini, con un desiderio soltanto di rocce e d’aria fina. Poi vorrei, come gli antichi, una tomba per ricetto sotto un albero di fico. [da Iréve]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...