Artèteche

Ije ne n-zacce cché aspecche,
annatavanne steche,
annusuleisce l’ecche
e ammujine m’anneche,

ije dónne venghe veche
ed àlete ne m-mécche
a u fúche che m’allécche,
ca sembe cerche l’eche

nde la pagghjizze u core
– l’eche che còuse angore
panne pe nnu vejàteche, –

ije, artèteche a i mmene,
l’affónne mborme ràteche
nd’a nna terra lundene.

Smania. Io non so che aspetto, altrove vivo, ascolto l’eco e il frastuono mi annega, da dove vengo vado e altro non metto al fuoco che mi lecca, ché sempre cerco l’ago nel pagliaio del cuore – l’ago che cuci ancora panni per un viatico, – io, smania nelle mani, le affondo come radici in una terra lontana. (F. Granatiero)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...