Vigliacci

Rustucciume

a mio padre

E nzunzù nzúnne frısce
pagghie ramíre vréscıe,
sartàscıene sccattısce
ch’u júrne sfatulèısce.

Po’ scı′tte lu scurrısce
e u mule scalpescıèısce,
scòtele, frısce, udèısce,
penzenne allu mutrısce.

Iréne e rustucciumë
p’lu tume ie scupettèısce,
vulısce de fresccume.

Murèısce nen-gambısce,
s’u tímbe n-ge mbagghièısce
e u uínde nen-garrısce.

Vigliacci – Eppure ancora frigge paglia lamiera brace, padella di scoppiettii che il giorno frantuma. Poi getti lo scudiscio e il mulo scalpita, si scuote, freme, gode, pensando al voltolarsi. Grano e vigliacci con arbusto di timo spazzolo, voglia di frescura. Ombra non pascola, se il cielo non ha nuvole e il vento non le spinge. (F. Granatiero)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...