Vricce šcarde chiangune

Vricce šcarde chiangune
pe lu zucquette scheve
nd’a nnu sprefunne ireve
e accudatòure pešcune

zavórre chechelune
retagghie e quande n’eve
la terre pe nna chieve
macere ie schepe a une

a une, aggiocche affrónde
tagghie e tagghie la prete

a botte de mazzòule,

ca l’oua vasé mbrónde
passenne pe lu uete

la sferre de lu sòule.

Ciottoli selci lastroni con il piccone scavo in un fondo di voragine e mezzepietre massi schegge macigni ritagli e quanti ne ha di sassi la terra per una chiave di muro a secco scarto a uno a uno, in modo che combaci taglio a taglio la pietra a colpi di mazzuola, che in fronte la baci passando per il varco la spera del sole.
________

Da: FRANCESCO GRANATIERO, Iréve, Comunità Montana del Gargano, Quaderno n. 6, Foggia, Grenzi, 1995

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...