L’invocazione al mulo ribelle

Pietro Gibellini, rec. a La préte de Bbacucche, cit., in «Diverse lingue» (Udine) , 3, 1987.

Nato a Mattinata presso Foggia nel 1949, e medico a Torino, Granatiero ha esordito con poesie in lingua (Sul mare i lembi senza cimose, 1967; La lunga veglia, 1968; Un grido di gioia, 1972; Stormire, 1974) passando poi alla poesia dialettale (A ll’acchjitte, Italscambi 1976 e U iréne, presentazione di Giovanni Tesio, Roma, dell’Arco, 1983). Proprio dell’Arco e Tesio lo segnalano a un’attenzione più vasta, includendolo il primo nell’antologia Primavera della poesia in dialetto (Roma 1979-81), il secondo in quella mondadoriana Le parole di legno (Milano 1984).

In una attenta prefazione Tesio rileva come il nuovo poemetto in terzine (con frequenti rime al mezzo) intitolato alla ‘Pietra di Bacucco’ – di cui il n. 2 di «Diverse lingue» ha anticipato alcuni versi – rappresenti uno sviluppo nella continuità della precedente poesia di Granatiero, legato al dialetto dei genitori e dei nonni (non all’idioma d’uso), e orientato a una concezione anche tecnica dell’arte in cui trova corrispondenza il mondo poetico dell’autore – costellazioni, presepe, trebbiatura – sicché «l’antropologia è pretesto e occasione di poesia». Riportiamo alcune terzine finali, una invocazione al mulo ribelle che non vuol farsi catturare dal bambino, dove «la tenera e drammatica filastrocca prende aria di magica preghiera»:

E ppigghie la currèiše
e u mule cambešèiše.
E ll’accarézze mbrónde

e ll’allisce lu crine:
«Mule, fatte pegghié.
Cambiše quanne è cré…

Mule, mó te l’accónde,
si’ mmanze e nne llu sé:
è stéte lu cuddére

che fé li ppremeture,
è stéte lu scurriše
sòupe li ppragne amére…

è stéte u sòule fòrte…
la mòsche… la paùre…
Mule, fatte purté,

ca túrne quanne è cré.
Nò ffatije e nnò mmòrte,
alli stíedde te pòrte.

Mule, šéme, c’attàneme
aspètte, e ssule sule,
mule, tènghe paùre…

Mule, šéme, ca n’àneme
aspètte, nûle nûle
šéme p’i Trè pPasture…».

E prendo la cavezza / e il mulo pascola. / E gli carezzo la fronte // e gli pettino la criniera. / «Mulo, fatti prendere. / Pascoli domani… // Mulo, ora te lo racconto, / sei mite e non lo sai: / è stato il collare // che fa le escoriazioni, / è stato lo scudiscio / sulle piaghe amare… // è stato il sole forte… / la mosca… la paura… / Mulo, fatti guidare, // ché torni domani. / Né a fatica né a morte, / alle stelle ti porto. // Mulo, andiamo, ché mio padre / aspetta e, da solo, / mulo, ho paura… // Mulo, andiamo, ché un’anima / aspetta, di nuvola in nuvola / andiamo, con i Tre Pastori…».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...