Pancalieri, il Mulino (foto di Germano)
Pancalieri, il Mulino (foto di Germano)

F. Granatiero

Natéle cafòune

(dal piemontese di GIOVANNI TESIO, Natal campagnin)

Geseppe e Marìe
cerchenne la vie
truarranne a u camine
nepoche refine?

Marìe puputèisc̣e
a u fréte de l’alme:
«Ssu scì m’arrepèisc̣e
e tutte i’ m’assalme».

Geseppe ’a chenẓòule:
«Marì, nne sté’ sòule,
nu sforze e cchiuddà
truuéme chisà

nu poste a repére,
nepoche d’abbínde,
ma sc̣éme pl’attínde
chisà nu pagghiére…»

Marìe – terresc̣éte –
ndla stelle cunfite,
ma reste pla stréte
angore ng’ la fite.

Mo sende u bommine
che vótte da nẓine
e l’acque ch’ascénnene
(lu sàpene i ffémmene).

Capuzze che vótte
cchiù fforte mo cigghie,
è rósse la notte
Madonne che figghie:

«È néte, lu uì,
lu ninne aspettéte,
ma cume amma fé?
Gesè, ’u amma sc̣ì?…»

Geseppe despèire
ndla notte cchiù nnotte
ma tutte na botte
la stelle cumbére.

La stelle che mmanne
la lustra cchiù vvive
da sòup’la capanne
jè léne ch’arrive

e i duie emigrande
po’ tròvene nfine
pli stinde e li stande
l’abbínde e… u bommine

che chiange sccamenne
(la mamme l’ammande)
e doppe ce ngande
po’ suche la ménne.

Famigghie lucende
de funge sò i stídde
plu uuìne che ferve
già frezzecarídde.

E l’àngele càlene
da tutte li vvanne
e chiàmene e tràsene
da jindre li ccàsere.

Pasture e cafune
massére e uagnune
da u llítte ce menne
e mmìtene a ’scénne.

E ogni ffamigghie
presc̣éte alla luce
ce fé maravigghie
d’u ninne che luce.

Natéle cum’éve
Natéle pla nève
Natéle u Uagnòune
Natéle cafòune.
 
Natale campagnolo – Giuseppe e Maria che cercano la via, troveranno al cammino un po’ di sollievo? Maria bisbiglia al compagno dell’anima: “Questo andare mi sfibra e tutta mi sconforto”. Giuseppe la consola: “Maria, non sei sola, uno sforzo e più in là troveremo chissà un posto a riparo, un po’ di riposo, ma andiamo guardinghi chissà c’è un pagliaio”. Maria – stremata – nella stella confida, ma resta per strada temendo di non farcela. Ora sente il bambino che spinge dal grembo, c’è l’acqua che scende (lo sanno le donne). Testolina che spinge acuisce il dolore, è rossa la notte Maria nel parto: “È nato, eccolo, il bimbo aspettato, ma come faremo? Giuseppe, dove andiamo?…” Giuseppe si dispera nella notte più nera, ma tutta ad un tratto una stella appare. La stella che manda la luce più viva sulla capanna è lana che arriva e i due emigranti trovano infine dopo tanti stenti la tregua e… il bambino che piange gridando (la mamma lo ammanta) e dopo s’incanta poi succhia la tetta. Famigliole lucenti di funghi son le stelle col vino che ferve già frugoletto. E gli angeli scendono da tutte le parti e chiamano ed entrano in tutte le case. Pastori e contadini, massaie e ragazzini saltano dal letto e invitano a scendere. E ogni famiglia godendo alla luce si meraviglia del bimbo che splende. Natale di una volta, Natale con la neve, Natale del bambino, Natale campagnolo.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...