Natal campagnin

di GIOVANNI TESIO

Giusep e Maria
a serco la via:
ch’a treuvo an sò viage
’n pòche ëd solage?

Maria a-j bësbìa
a Giusep s’un finage:
“Son bele sfinìa
im perdo ’d corage”.

Giusep la consola:
“Maria, fé ’ncora
në sfòrs che pì ’n là
trovroma na trà,

trovroma na sosta,
trovroma la strà,
n’arpar butà an vista
trovroma na ca”.

Maria – già fàit –
confida ant la stèila
ma a resta an së l’avàit
e a tëm ëd nen fèila.

A sent ël bambin
ch’a-j toca i cantin
as deurvo le eve
(voi fomne lo seve).

Testin-a ch’a possa
a cisso ij dolor
la neuit as fa rossa
Madòna ant ij pior:

“A l’é ’mbelessì
’l cit chi spetoma
ma come faroma?
Giusep, për piasì…”.

Giusep as dëspera
ant la neuit pì nuitera
ma tut ant un nen
la stèila as na ven.

La stèila ch’a gita
la lus pì giolita
ëdzor na caban-a
a spantia soa lan-a

e ij doi emigrant
a treuvo a la fin
apress tanti stent
la sosta e… un citin

ch’a crìa e ch’a piora
(soa mare lo anvlupa)
e dòpo chèich ora
a ciucia la pupa.

Famiòle lusente
a bruso ant ël cel
a mosso frissante
sò vin barivel.

E j’àngej a calo
dëdsà e dëdlà
e a ciamo e a s’ëncalo
d’intré ant le ca.

Pastor e masoé
massere e matèt
dësvìo ant ij let
e anvito a cal.

E tuti as na van
a gòde la lus
bin baravantan-a
d’un cit ch’a bërlus.

Natal d’una vòta
Natal con la fiòca
Natal dël Bambin
Natal campagnin.

Natale campagnolo (trad. Francesco Granatiero) – Giuseppe e Maria cercano la via: troveranno nel viaggio n po’ di sollievo? Maria bisbiglia a Giuseppe su un confine: “Sono proprio sfinita, mi perdo d’animo”. Giuseppe la consola: “Maria, fa’ ancora uno sforzo che più in là troveremo il bandolo, avremo una tregua, troveremo la strada, un riparo in vista, troveremo una casa”. Maria – stremata – confida nella stella, ma resta dubbiosa e teme di non farcela. Sente il bambino che tocca le minugia, si aprono le acque (voi donne sapete). Testolina che spinge acuisce il dolore, la notte si fa rossa la Madonna in pianto: “Eccolo qui il bimbo che aspettiamo, ma come faremo? Giuseppe, per favore…” Giuseppe si dispera nella notte più buia, ma tutta ad un tratto arriva la stella. La stella che getta la luce più viva sopra la capanna spande la sua lana e i due emigranti trovano infine dopo tanti stenti il riposo e… un bambino che grida e che piange (sua madre lo avvolge) e dopo qualche ora succhia la tetta. Famigliole lucenti bruciano nel cielo, spumano frizzanti il loro vino frugoletto. E gli angeli scendono di qua e di là e chiamano e osano entrar nelle case. Pastori e margari, massaie e ragazzi si destan nei letti e invitano a scendere. E tutti se ne vanno a godere la luce ben misteriosa d’un bimbo che splende. Natale d’una volta, Natale con la neve, Natale del Bambino, Natale campagnolo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...