Dialetto di Ceglie Messapica

PIETRO GATTI
A terra meie

chiesa_rurale_della_madonna_della_grotta_di_ceglie_messapica
Chiesa rurale della Madonna della Grotta (da Wikipedia)

’A terra mea bbone,
come se dìsce alle muerte de case,
c’angore vìvene atturne:
le rape forte i ambunne
d’a gramégne, ca na ppué scappà tutte sane,
scapuzzate a fatijë, i ppo sobbe alle mascjere
d’appeccià u tiembe de fiche,
’a sera tarde, i sccattarizze de cardune
i vambë sembe cchiù ierte a serpiendë de fueche
i iùcchele i zumbë de le peccinne,
ca u core te rite chjine de priésce
scurdànnese pe nnu picche.
– Le fafarazze none, p’a cuscîne –.

’A terra meie,
cu ttanda recuerde d’u tiembe lundane assé,
tutte appennute ô cendrone arrudzunute,
com’a ggiacchette
jind’a case d’u povuriedde;
– u tiembe d’a pegnate de fafe
ambanate de presse
cu nnu féle de uégghie a cruscjécchie,
apparate jind’a scutedda cchiù grannë
a mundagnë cu feddë de pane andustate,
gallarije alla scherze, agnune ô cchiù prestë,
i cca po scuffulàvene p’a fame,
cu nna rise abbuttate, na sbende;
le granne cu cqueda facce agghiuse
come a nnu cùnzele de gne serë;
u tiembe d’u farre,
quanne ’a cepodde spresciute ind’a frezzole
ggià te bbenghiave cu ’ardore;
’a ggiacchette d’u tate, d’u nanne, sarà,
fatte ci cchiù sapë a cë festë
i nesciunë mu nge penze, vutate a cappottë
– ca pare nu pusce –,
pe ll’ate da u frate ggià grannescjiéddë;
ca fete angore de tande fatije, cu ’a mariola strazzate,
ca manghe putive mette nu picche de fronne i cartinë,
all’ùrteme da stenne annande ’a porte, ’a vernate,
i ppo da venne ’o pèzzeviécchie
pe nnu fesckette de cinge.

’A terra meie,
asccuate cu raggë d’o sole,
cu ll’arsure andiche, ca manghe u sudore
de megghiare i megghiarë de zappature
maie ì riusciutë cu stute.
Angore ngun’ate iesse ’a demèneche a messë,
cu tóttë ’a spadde angurcate anderre,
rumase pe sembë alla tagghiole de na fatije
senze nesciuna rèchie,
cu ’a catene accurtesciute alla pesare d’a chiofe
amare.

’A terra meie,
tótte nu culore de sanghe seccate da sembe,
chiene de pètre de tutte nu munnu sgarrate
– o pure iòssere de quanda muerte? –
anzieme cu ’a malededzione
d’a stese de le pendemare;
sembe alla ripe d’a vite,
vruvugnose come a nnu peccinne
cu ’a vestezzodda corte d’a sorsa ggià mortë;
all’abbanduene de tutte;
lassate p’a speranze de nu cré sarà cchiù mégghië,
ma u core sté grete ’a porta scaranzate
come ci u muerte ì iassute da case ave picche,
a chiange pe tuttë, cu lorë ca rumànene;
cu nnu suenne cumbuse de retuerne,
ma quanne? i cci sape.
Lassanne u castieddu gnure andugnate
come a nnu cuèrvele mbardzamate;
u castiedde d’a reggina preggiuniere
c’aspette u prìngepe guerriere
de le fatte d’a nanne quanne ierme peccinne.

’A terra mea bbone, c’aspette – da quande! –
cu ’a paceienze d’a fame
assettute sobbe ’o scalone, senze na mane d’aiute,
cu nna pavure de fame
ca le dìchene angore: «iagghie pàsce!»
ca se pó movë, nu ggiurne arraggiate,
iasanne u bbastone all’affese, alle nzurte.

’A terra mea bbone, ca m’ha ’rruccate
senze cu niendë le diche,
strengènnese n’atu picche,
nu bbuenu làrie jind’o uelu frische
scavate cu nnu sccasce senza sparagne,
alluvate ’o frutte d’a vigne
p’a secónda nache,
tanda cchiù grannë d’u bbesuégne,
assé cchiù d’a prime!
pe më fà dorme cumbengiute ambàsce
jinde a ccudu suennu cchiù luenghë
dùsce cchiù d’u lùrtumu segghiutte
de nu chiande accurdate da ’a mamme.

’A terra meie, toste e sdegnose sole de cuere,
ggelose de chiange,
de le smorfie de rise ind’a fatture d’u miere
sarà pe nna’ sendë i nna’ vetë,
sembe cchiù stangate, cchiù solë, cchiù afflitte
– percé? –.

Mendre ca mórre de scemiudde tegnuse
sgràmene alle muruscjane d’u viende
muzzucanne l’arie a bbacande, o pure a scurlà cille,
senza penzà cu së gràttene armene,
rusucate da ’a mmitie iuna l’ate.

’A terra mea vere, ’a terra iaspra meie,
c’avaste picca rùdzene d’a zappe
cu tornë n’ata vòte sarvagge
cu lle vasapiete i lle sccràsce;
’a terre c’u coru mie agghiuse,
udiate cu ttutt’u bbene de tótta l’àneme,
u sangu mije ambunne.
Ca riumésce amarore de fele,
ca na nge iave forze manghe iàsce cu cangë,
angandate jind’a morte de gne ggiurne
come a nna véstia malate sobbe ’o stagghie
tótta lassate alla tambe e ’o sulenzie d’u scure.

La terra mia – La terra mia buona, / come si dice ai morti di casa, / che ancora vivono attorno: / le radici tenaci e profonde / della gramigna, che non puoi svellere intere, / strappate a fatica, e poi sui cumuli di stoppia / da incendiare al tempo dei fichi, / a sera tarda: e scoppiettii di cardi / e vampe sempre più alte a serpenti di fuoco / e strilli e salti dei ragazzi, / che il cuore ti ride colmo di allegrezza / dimenticandosi per un poco. / – I fusti di fava no, per la cucina –. // La terra mia, / con tanti ricordi del tempo molto lontano, / tutti appesi al grosso chiodo arrugginito, / come la giacca / in casa del povero; / – il tempo della pignatta delle fave / rimestate in fretta / con un filo di olio in misera croce, / approntate e lisciate nella scodella più grande / montagna con fette di pane raffermo, / gallerie per gioco, ognuno al più presto, / e che poi crollavano per la fame, / con una risata gonfia, una gomitata; / i grandi con quel volto chiuso / come a un consòlo d’ogni sera; / il tempo del farro, / quando la cipolla soffritta nel calderotto / già ti saziava con l’odore; / la giacca di tata, del nonno, forse, / fatta chi più sa per quale festa / e nessuno ora ci pensa, rimediata a cappotto / – che pare uno spauracchio –, / per l’altro dal fratello già più grandicello; / che puzza ancora di tante fatiche, con la tasca lacera, / che nemmeno potevi metterci un poco di trinciato e cartine, / per ultimo da stendere davanti alla porta, d’inverno, / e poi da cedere allo straccivendolo / per un (pupazzo col) fischietto di creta. // La terra mia, / bruciata con rabbia dal sole, / con l’arsura antica, che nemmeno il sudore / di migliaia e migliaia di zappatori / mai è riuscito a spegnere. / Ancora qualcun altro esce la domenica per messa, / col dorso incurvato tutto verso terra, / rimasto per sempre alla trappola di una fatica / senza nessuna requie, / con la catena accorciata alla pietra (da trebbia) della zolla / amara. // La terra mia, / tutta un colore del sangue rappreso da sempre, / piena di pietre di tutto un mondo crollato / – oppure ossa di quanto morti? – / insieme con la maledizione / della distesa delle rocce; / sempre sul ciglio della vita, / vergognosa come un fanciullo / con la vesticciola della sorella già morta; / nell’abbandono di tutti; / lasciata per la speranza di un domani forse migliore, / ma il cuore sta dietro la porta socchiusa / come se il morto sia uscito da casa da poco, / a piangere per tutti, con loro che rimangono; / con un sogno confuso di ritorno, / ma quando? e chi sa. / Lasciando il castello scuro accigliato / come un corvo imbalsamato; / il castello della regina prigioniera / che attende il principe guerriero / delle favole della nonna quando eravamo fanciulli. // La terra mia buona, che aspetta – da quanto! – / con la pazienza della fame / seduta sul gradino, senza una mano d’aiuto, / con una paura di fame / che le dicano ancora: “abbi pace!” / che si può muovere, un giorno arrabbiato, / levando il bastone all’offesa, agli scherni. // La terra mia buona, che mi ha lasciato da parte / senza che niente le abbia detto, / stringendosi un altro poco, / un buon tratto nel bolo fresco / scavato con uno scasso senza risparmio, / sottratto al frutto della vigna / per la seconda culla, / tanto più ampia del bisognevole, / assai più della prima! / per farmi addormentare persuaso in pace / dentro quel sonno più lungo / dolce più dell’ultimo singhiozzo / di un pianto consolato dalla mamma. // La terra mia, dura e sgradevole solo nella spessa pelle, / schiva di piangere, / delle smorfie di riso nella fattura del vino / forse per non sentire e non vedere, / sempre più stanca, più sola, più attristata, / – perché ? – / Mentre che frotte di piccole scimmie tignose / strillano alle ombre del vento / mordendo l’aria a vuoto, oppure a farneticare pettegole, / senza curare di grattarsi almeno, / rose dall’invidia l’una l’altra. // La terra mia vera, la terra aspra mia, / che basta poca ruggine della zappa / perché torni un’altra volta selvatica / con i baciapiedi e i rovi; / la terra col cuore mio rinchiuso, / odiata con tutto l’amore di tutta l’anima, / il sangue mio profondo. / Che rumina amarezza di fiele, / che non ha forza neppure per mutar giagitura, / attonita nella morte d’ogni giorno / come una bestia malata sullo stabbio / prostrata nel tanfo e nel silenzio del buio.

_______

Dialetto di Ceglie Messapica (Br). Il testo viene trascritto in grafia DAM (scarica il manuale), con adattamenti, sulla falsariga dell’edizione del 1982 (Memorie d’ajere i dde josce, Cavallino di Lecce, Capone, 1982) dalla voce di Pietro Gatti, cd allegato a Voci del tempo / la Puglia dei poeti dialettali, a cura di Sergio D’Amaro, Note linguistiche di Francesco Granatiero, Bari, Gelsorosso, 2011.

Pietro Gatti rende la congz. «e» con [i], anche se si tratta piuttosto di un [é] molto stretto. Il rafforzamento delle consonanti iniziali viene dal Poeta scritto tutte le volte che ricorre.

Advertisements

One thought on “Dialetto di Ceglie Messapica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...