Dialetto di Lanciano

GIUSEPPE ROSATO
Nu scacazzélle

 Nu scacazzélle mbusse all’oie, nu cìtele,
nu frichì, nu scacchiate,
nu quatranédde, nu bardasciunotte,
nu sckiavuttelle… Quanda
cose sò sctate, e mmo ché ssò? Nu vécchie…
Ècche ché ssò. Da tutte cheli nume
ché mm’ha passate ngolle, scta paròle
soltante: ma ’ccuscjì
ssodite, ’ccuscjì bbelle arecapate
ca prime de cagnarle n’atra vote
me le vojje tené quande cchiù allonghe.

Un bamboccio – Un bamboccio bagnato all’olio, un bambinetto, / un bambino, un marmocchio, / un ragazzino, un ragazzotto, / un giovinottello… Quante / cose sono stato, e adesso che sono? / Un vecchio… / ecco che cosa sono. Da tutti quei nomi / che mi sono passati addosso, questa parola / soltanto: ma così / definita, così bella e scelta bene / che prima di cambiarla di nuovo / me la voglio tenere il più a lungo possibile.

________

Il testo in dialetto di Lanciano (Ch) viene trascritto in grafia DAM (manuale) direttamente dalla voce del poeta. Ma cfr. anche la lettura di Elia Iezzi di Lanciano: Rosato. La traduzione è ripresa da una nota al filmato.

Advertisements

One thought on “Dialetto di Lanciano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...