Dialetto di San Fele

ASSUNTA FINIGUERRA
[L’uómmene pe mmé so state chiuove]

L’uómmene pe mmé so state chiuove
cadàvere de sole sope ô fiume
circhie de fuoche p’allazzà ’a lune
e àrdele cume appene ’a guardaie

Si tene nu mualepunde criste mije
falle murì mò ca è peccenénne
accussì pregaie notte e juórne mamme
penzanne de fermà ’a malasorte

Oie mammarella mije, destine e cazze
ósce so na farfalla mbusumuate
na fémmene ca nun pote cambià ’a mute
pecché ru ssuale de prete nge ha fattë

qual’amore, quala morte, nesciune
me pote aiutuà, so acqua passate
rame de presche da u viénde snervate
e fenute pe cunduannë a restà nvite

Gli uomini per me sono stati chiodi / cadaveri di sole sopra il fiume / cerchi di fuoco per stringere la luna /e bruciarla non appena la guardavo // Se avrà una mala vita cristo mio / falla morire adesso ancor bambina / così mamma pregava giorno e notte / pensando di fermar la malasorte // O mammarella mia, destino e cazzo / oggi sono una farfalla inamidata / una donna che non può cambiar la muta / perché il sale di pietra gliela ha resa // quale amore, quale morte, nessuno / può aiutarmi, sono acqua passata / ramo di pesco dal vento snervato / e finito per condanna  a stare in vita

______

La pronuncia di Assunta Finiguerra (di San Fele, Pz) è in Finiguerra, il testo si trova a pag. 21 di Solije, Roma, Zona Editrice, 2003, da cui si trascrive in grafia DAM (manuale).

Annunci

One thought on “Dialetto di San Fele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...