Dialetto di Taranto

CLAUDIO DE CUIA
Nu suenne

M-a sonne sembe sta vecchia cambane
ca sunanne lundane ’a Vémmarìje
’a salutave ’a sere d’ogni dijë
ndr-a scjlature de na tramundane.

Stu suenne ch’ògni nottë me trapane
u core come céndra sturtegghiate.
Cè jjè mascîjë ca m’ha ngatenate
o receddije de vuce da lundane?

Vogghie cu saccë c’indre a tanta fridde,
ca l’àneme se chiatre acchiane acchiane,
nò së sende candà manghe nu gridde.

Scjuéche e resate de peccinne fore
iènghiene stu recuerde ca rumane
achiuse indr’ ô ferone… ca iè u core!

Un sogno – Me la sogno sempre questa vecchia campana / che suonando lontano l’Ave Maria / la salutavo la sera d’ogni giorno / nella gelatura d’una tramontana. // Questo sogno che ogni notte mi perfora / il cuore come chiodo storto. / Che è magia che mi ha incatenato / o mormorio di voci da lontano? // Voglio sapere se dentro a tanto freddo, / che l’anima si ghiaccia lentamente, / non si sente cantare neanche un grillo. // Giochi e risate di fanciulli fuori / riempiono questo ricordo che rimane / chiuso nel salvadanaio… che è il cuore!

_______

Testo trascritto in grafia DAM (manuale) dalla voce di Claudio De Cuia, cd allegato a Voci del tempo / la Puglia dei poeti dialettali, a cura di Sergio D’Amaro, Note linguistiche di Francesco Granatiero, Bari, Gelsorosso, 2011, da cui proviene anche la traduzione.

La a in sillaba libera di parola piana tende ad [ä].

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...