Dialetto di Taranto

CLAUDIO DE CUIA
Nu suenne

M’a sonne sembe sta vecchia cambane
ca sunanne lundane ’a Vémmarìje
’a salutave ’a sere d’ogni dijë
ndr’a scjelature de na tramundane.

Stu suenne ch’ògnê nottë me trapane
u core come céndra sturtegghiate.
Cè jjè mascjìjë ca m’ha ngatenate
o receddije de vuce da lundane?

Vogghie cu saccë c’indre a ttanta fridde,
ca l’àneme se chiatre acchiane acchiane,
nò së sende candà manghe nu gridde.

Scjuéche e resatë de peccinne fore
iènghiene stu recuerde ca rumane
achiuse indr’o ferone… ca iè u core!

Un sogno – Me la sogno sempre questa vecchia campana / che suonando lontano l’Ave Maria / la salutavo la sera d’ogni giorno / nella gelatura d’una tramontana. // Questo sogno che ogni notte mi perfora / il cuore come chiodo storto. / Che è magia che mi ha incatenato / o mormorio di voci da lontano? // Voglio sapere se dentro a tanto freddo, / che l’anima si ghiaccia lentamente, / non si sente cantare neanche un grillo. // Giochi e risate di fanciulli fuori / riempiono questo ricordo che rimane / chiuso nel salvadanaio… che è il cuore!

_______

Testo trascritto in grafia DAM (manuale) dalla voce di Claudio De Cuia, cd allegato a Voci del tempo / la Puglia dei poeti dialettali, a cura di Sergio D’Amaro, Note linguistiche di Francesco Granatiero, Bari, Gelsorosso, 2011, da cui proviene anche la traduzione.

La a in sillaba libera di parola piana tende ad [ä].

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...