Dialetto di Trebisacce (Cs)

FRANCESCO GRANATIERO
A bbènedezziòne

Alla nonna di mia figlia sposa

Da Torine, Mamma Ji’,
pe ll’ùrteme viagge à’ vuste
purtate a Trèbbesàcce.

’A paròle che decìvese
pe ffessià ’ qquille d’u paìse
jèrede ce agguàcchiese?

Papà Santine pazziàvede
ca mmèce de cqua e llà
decìvese ccane e llane.

I’ gucchieiave strattagliune
supre i mure e renenelle
sutte i ciaramile.

Mò vune ’i quille guagnune
che jucàvene c’u carrùscele
o all’ammucciatelle

jè ggranne e ghiè bbílle
e stade a ccane, cu rRaffaelle:
se vòne bbène e se spòsene.

Tu, mamma Ji’, da llane
(dìceme, ce agguàcchiese?),
danne ’a bbènedezziòne.

La benedizione. Da Torino, mamma Irma,/ per l’ultimo viaggio hai voluto/ che ti portassero a Trebisacce.// La parola che dicevi/ per burlare quelli del paese/ era il loro ci vedi?// Papà Santino scherzava/ perché invece di qua e / dicevi cane e lana.// Io adocchiavo gechi/ sopra i muri e rondini/ sotto le tegole.// Ora uno di quei ragazzi/ che giocavano con la trottola/ o a nascondino// è grande e bello/ e sta qua, con Raffaella:/ si vogliono bene e si sposano.// Tu, mamma Irma, di / (dimmi, ci vedi?),/ da’ loro la benedizione.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...