Dialetto di Trinitapoli

GRAZIA STELLA ELIA
Ieie e ll’arve de l’aleve

Cràite ca picca defferénze passe
tra maie e ll’arve de l’aléve.
Iéie stàuche jinde a cchidd’arve.

U vínde me rusecàisce u còure
e së ne vè.

Sò u delàure, i nòtere,
l’anne de pöne;
l’àneme de pröte, ndurcegghiöte,
raspelénde e liscë;
la paceiénze e lla scumbedénze.

Me sénde figghie,
repodda derétte
de chidde attànere.

Io e gli ulivi – Credo che poca differenza  passa / tra me e gli ulivi. / Io sono dentro quegli alberi. // Il vento mi rode il cuore / e se ne va. / Sono il dolore, i nodi / gli anni di pene; / l’anima di pietra, attorcigliata, / ruvida e liscia; / la pazienza e la sconfidenza. // Mi sento figlia, / discendente diretta / di quei padri.

_____

Il testo in dialetto di Trinitapoli (Ba) viene trascritto in grafia DAM (scarica il manuale) dalla voce di Grazia Stella Elia, cd allegato a Voci del tempo / la Puglia dei poeti dialettali, a cura di Sergio D’Amaro, Note linguistiche di Francesco Granatiero, Bari, Gelsorosso, 2011, da cui si riporta la traduzione.

Advertisements

One thought on “Dialetto di Trinitapoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...