Dialetto di Tursi

ALBINO PIERRO
Amore

Amore,
amore duce e anniputente,
pure si mo le tegne u core amère,
te sente, amore, granne cchiù d’u mère,
te sente a tutt’i banne com’ e ll’arie
c’arravògghiete i cose e lle fè legge
e cchiù ’ucente assèi d’i ’ummenarie.

Amore,
amore belle com’u sóue,
chille ca si’ nun sacce e nun le trove
cche të chiamè secure, na paróue,
ma sacce c’assemìgghiete a la rise
d-a Maronna cuntente mparavise,
e ca si me verìse menze morte
m’accarezzàise duce cche nnu cante
ca lle fè molle i pétre e ca ne tòcchete
u core a li brijante.

Amore,
amore funne cchiù d’u céhe,
ca me grapìse ll’occhie nd’i matine,
stu munne mo me pàrete cechète
come na palla nivre de carvone,
e fùjete nnaterne arrahugghiète
senze de se vutè com’a nu surde
e ié le curre appresse e fazze i picce
d’i uagnenelle mahète.

Amore,
amore forte cchiù d’u vente
ca srarechìte ll’àrbere e lle sciòllete
i chèse e ca lle lìmete i muntagne,
dannille sempe a tutte quante i cose
ne picche de stu fiète de giajante
e po’ na ’uce aguèle com’u ’ampe
ca s’abbràzzete i spine mmenz’i rose.

Amore,
amore granne cchiù d’u mère;
amore,
amore forte cchiù d’u vente,
nun te scurdè ca pure nd’i turmente
ce agghie vruscjète e vrôsce nda stu foche
come a frasca ntreccète all’ate frasche
pure cche chillë ca me guardàine storte
e pure mo me uèrene già mortë.

Amore,
amore duce e anniputente,
com’agghia fè cche nnu rengradziamente?

Amore – Amore, amore dolce e onnipotente, pure se adesso ho il cuore amaro, ti sento, amore, grande più del mare, ti sento da per tutto come l’aria che avvolge le cose e le fa leggere e più lucenti assai delle luminarie. Amore, amore bello più del sole, ciò che tu sei non so e non la trovo per chiamarti, sicuro, una parola, ma so che rassomigli al sorriso della Madonna contenta nel Paradiso e che se mi vedevi mezzo morto mi accarezzavi dolcemente con un canto che intenerisce le pietre e tocca il cuore ai briganti. Amore, amore profondo più del cielo, che mi aprivi gli occhi nei mattini, adesso questo mondo mi sembra cieco come una palla nera di carbone e fugge in eterno accartocciato, senza voltarsi, come un sordo, e io gli corro appresso e faccio le bizze come i bambini malati. Amore, amore forte più del vento che sradica gli alberi e fa crollare le case e che leviga le montagne, daglielo sempre a tutte quante le cose un poco di questo respiro di gigante e poi una luce uguale come il lampo che abbraccia le spine fra le rose. Amore, amore grande più del mare; amore forte più del vento, non scordarti che pure fra i tormenti io ci ho bruciato e brucio in questo fuoco, come la frasca intrecciata alle altre frasche, pure con quelli che mi guardavano ostili e pure adesso mi vorrebbero già morto. Amore, amore dolce e onnipotente, come posso ringraziarti?

________

Il testo viene trascritto in grafia DAM (manuale) partendo da Albino Pierro, I ’nnammurète, Roma, «il nuovo Cracas», 1963, pp. 89-91 (poi in A. Pierro, Un pianto nascosto. Antologia poetica 1946-1983, Torino, Einaudi, 1986, pp. 36-37). Per la corretta pronuncia ci si è avvalsi della lettura fatta dallo stesso Pierro a Tursi coram populo e registrata in un filmato ora sul web: Pierro.   
Pierro rende con [i] la mutola pretonica (e a volte anche postonica) e omette, tranne in qualche caso, il raddoppiamento sintattico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...