Dialetto di Peschici

La Zeza

PADRE
Zeza Zeza, ché i’ mmò iesce,
statte attende a sta figliola,
ché tu si’ ’a mamme e dàlli na bona scuòla,
non la facenne uscire
e némméno praticare
ché quille ché no nzape ci pò imparare,
ci pò imparare oinè!

MADRE (Zeza)
Maritille belle mije,
tu non gn-ì penzanne a queste,
ché a Vunginzelle e ll’hé cresciute jine
e i’ sembe ce u stenghe a dice:
Figghiola mia, tu si’ nnurata,
ché ppiù di un tésòro saraie prezzata,
saraie stimata, oinè!

PADRE
Ma sò stato avvisato
da la genda de sto chentorne
ché cqua passégge n’abbate de notte e giorne,
di notte e giorne, oinè!

MADRE
Ma li genda di sta strade,
a nuie ce vonna tutte male,
ca tutte ssi còuse a tè venne a raccuntare,
e tenga da coglie na bella bastunate,
da molto tembe e cé l’ho préparàtë,
l’hé préparàte, oinè!

PADRE
Sinde, sinde, Signori mièie,
sinde, sinde, ché mmi succèide,
nnandi ssa brutta mbèisa di muglièire.
Ieri sèire so iutë â case
e ’ppicce u lume de la cannèila,
u mbise de don Necóule sótt’u lette stèive.
Allà ché cë facèive, oinè?

MADRE
Ca te pozze menì nu cangre
jinde a cu brutte nase!
Lu sa’ cca don Necole iè u patrune ’a case.
Iè menutë a cercà i denare
de la terza passata.
Se gn-eve pe Vungenzellë ieve carcerate,
jive arrestate, oinè!

PADRE
Ora ché i’ mmò iesce,
tu lu saie ché i’ so nuratë,
ché angore me fa’ trascî che sta ngurnate,
pure ch’i corne ngape, oinè. (bis)

MADRE
La voglie fà scialare
pe cendë nnammurate,
che prìngepë e marchese e che ll’abbate,
pura ch’i suldate, oinè!

FIGLIA (Vincenzella)
Mamma, mamme, ché ffa’ cquaffore?
Sola sóule tu sta’ a lavare.
Pecché non tràsce jinde a cucinare?
Ca se vena lu gnore padre
e non trova cucenate,
quille fa ’rrebbellà tutte sta strade,
tutte sta cuntrade, oinè!

MADRE
Figghia, figghia, tu dice bóune,
tràsce jinda pure tu,
ca se vene lu gnore padre te dà lli tua,
ché prima ti caròuse
e doppa ti spertòuse,
cert’ è ché ti la fa na bona ndòuse,
na bona ndòuse, oinè!

FIGLIA
Mamma, mamme, no nzò cchi viéne,
fossa quillu don Necóule,
me pare ca mmò iesce dalla scóule,
ca se jissa me vulesse,
e i’ pure me lu pigghiarrije,
nnanze a stu mbise de padre non ge starrije,
non ge starrije, oinè!

PADRE
Statte ndrete tu, don Necóule,
t’hé ’ccappate jinde ’a tagghióule.

DON NICOLA
E mò t’hé fà vedé chi è don Necóule,
e pegghiàteme u sccuppettóune
e pegghiàteme u cacafóuche
ché mò t’agghia sparà jinde a stu lóuche,
jinde a stu lóuche, oinè!

FIGLIA
Mio caro don Nicóule,
non m’ammazzanne a tate,
non mi la fà tenè mmende sta jurnate.
T’agghie ditta sì ’llu jì,
t’agghie ditta sì ’llu fà,
ca jisse a forze a tè m’aveva dane,
m’aveva dane, oinè!

Ma ché aie tu, gnore padre,
ca nan me vú fà maretà,
ma pò t’hé fà vedè ché të sacce fane,
ché të sacce fane, oinè!

PADRE
Ché m’hâ fà tu, scrufella!
Giuste da mè vú iesse accise!
Qualeché diàvelë ngape te l’ha saccheiatë,
te l’ha feccatë, oinè!

DON NICOLA
Quanne passe p-a casa mije,
se non passe che lla creianze,
su spite te l’héi feccà inde alla panze,
inde alla panze, oinè!

E mò faccia nu cummite
a tutta ssi signure
ché â case de don Necole ce màngene i maccarune,
pure u cannarute, oinè!

PADRE: Zeza Zeza, ché io ora esco, / stai attenta a questa figliola, / ché tu sei la mamma e dalle una buona scuola, / non farla uscire / e nemmeno frequentare, / ché quello che non sa può imparare, / può imparare, oinè! // MADRE (Zéza): Maritino bello mio, / tu non andare pensando a questo, / ché Vincenzella l’ho cresciuta io / e io sempre glielo sto a dire: / Figliola mia, tu sii onorata, / ché più di un tesoro sarai apprezzata, / sarai stimata, oinè! // PADRE: Ma sono stato avvisato / dalla gente dei dintorni / che qua passeggia un abate notte e giorno, / notte e giorno, oinè! // MADRE: Ma la gente di questa strada / tutta quanta a noi ci vuole male, / ché tutte codeste cose a te viene a raccontare, / e ho da dare una bella bastonata, / da molto tempo ce l’ho preparata, / l’ho preparata, oinè! // PADRE: Sentite, Signori miei, / sentite, che mi succede, / davanti a questa brutta cattiva moglie. / Ieri sera sono andato a casa / e accendo il lume della candela, / l’infame don Nicola sotto il letto stava. / Là che ci faceva, oinè? // MADRE: Che ti possa venire un cancro / dentro a quel brutto naso! / Lo sai che don Necola è il padrone della casa. / È venuto a chiedere i denari / della terza passata. / Se non era per Vincenzella andavi carcerato, / eri arrestato, oinè! // PADRE: Ora che io mo esco, / tu lo sai che sono onorato, / che non mi fai entrare con questa incornata, / pure con le corna in testa, oinè. // MADRE: La voglio far scialare / con cento innamorati, / con principi e marchesi e con l’abate, /  pure con i soldati, oinè! // FIGLIA (Vincenzella) Mamma, mamma, che fai qua fuori? / Sola sola tu stai a lavare. / Perché non entri dentro a cucinare? / Se viene il signor padre / e non trova cucinato, / quello mette in subbuglio tutta sta strada, / tutta sta contrada, oinè! // MADRE: Figlia, figlia, tu dici bene, / entra dentro anche tu, / perché se viene il signor padre ti da le tue, / ché prima ti tosa / e dopo ti buca, / certo è che te la dà, una buona bastonatura, / una buona bastonatura, oinè! // FIGLIA: Mamma, mamma, non so chi viene, / fosse quel don Nicola, / mi pare che ora esca dalla scuola, / ché se lui mi volesse, / io pure me lo prenderei: / davanti a questo malvagio di padre non ci starei, / non ci starei, oinè! // PADRE: Sta’ indietro tu, don Nicola, / ti ho preso alla tagliola. // DON NICOLA: E ora ti farò vedere chi è don Nicola, / e pigliatemi lo schioppettone / e pigliatemi il “cacafuoco”, / ché ora gli sparo in questo luogo, / in questo luogo, oinè! // FIGLIA: Mio caro don Nicola, / non mi ammazzare il padre, / non me la far ricordare questa giornata. / Ti ho detto sì all’andare, / ti ho detto sì al fare, / ché lui per forza a te doveva darmi, / doveva darmi, oinè! // Ma che hai tu, signor padre, / ché non mi vuoi far maritare, / ma poi ti farò vedere che ti so fare, / che ti so fare, oinè! // PADRE: Che devi farmi tu, puttanella! / Giusto da me vuoi essere uccisa! / Qualche diavolo in testa te l’ha insaccato, / te l’ha ficcato, oinè! // DON NICOLA: Quando passi per la casa mia, / se non passi con la creanza, / questo spiedo te lo devo ficcare nella pancia, / nella pancia, oinè! // E ora faccio un convito / con tutti questi signori, / ché a casa di don Nicola si mangiano i maccheroni, / pure le leccornìe, oinè!

Dialetto di Peschici (Fg) trascritto in grafia DAM (manuale). Fonte: Peschici – La Zéza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...