Dialetto di Casacalenda (Cb)

GIOSE RIMANELLI

Molisèide

U Munne d’u Molise sonne i cose
che fanne ’a vite chiéne d’aria fine.
’A ggente èrrìve e magne, ze repose
penzanne: «Tenne u doce scti mètìne!»
’A Chiazze guarde sembe chi ze spose
pecché te vò vedé se puó chèmpà.

I Juórne d’u Molise so bbrescjate
d’u sole che ppèzzéje ni resctucce.
D’u frische passe chiane nè jernate:
u suónne è ccom’e quille d’i cellucce.
Tié l’uócchie miéZZe èpiérte e miéZZe chiuse
pecché tu vuó vedé cché zze pò fà.

U Tiémpe d’u Molise va c’u hiume
ch’èscégne ngiallenite fin’u mare.
Ze sperde mmiéZZe i prete d’i vèllùne:
ne pporte cchiù quettore, ne ttè spare.
Uelìe de fètìje è nu pertuse
pecché tu vuó sèpé cch’èvém-è fà.

Moliseide. Il Mondo del Molise sono le cose / che fanno la vita piena d’aria fina. / La gente arriva e mangia, si riposa / pensando: “Hanno il dolce queste mattine!”/ La Piazza guarda sempre chi si sposa / perché vuole vederti se puoi campare. / I Giorni del Molise sono bruciati / dal sole che giocherella nelle stoppie. / Dal fresco passa piano una giornata: / il sonno è come quello degli uccellini. / Hai l’occhio mezzo aperto e mezzo chiuso / perché tu vuoi vedere che si può fare. / Il Tempo del Molise va col fiume / che scende ingiallito fino al mare. / Si disperde in mezzo alle pietre dei valloni: / non porta più anfore, non ha la spara./ Voglia di lavorare è un forellino / perché tu vuoi sapere che dobbiamo fare.
_________

Il testo viene trascritto dalla lettura dell’Autore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...