Dialetto di Campobasso

GIUSEPPE ALTOBELLO

Minghe A Peppa, XX

La massarìe, z’arrecanósce, è chélle
ch’appare a-la sulagne gghianghejate,
che té nd’a ll’uócchie de la rumanelle
na cócchie de pecciune apparegliate.

Na preülàte d’uva sangenelle
scórre ngoppa lu puzze maretate
a nnu ciéuze gghianghe e a nna prunelle
ddo vanne ciélle tutte la jurnate.

Na specanarde a mure mbacce a sole,
chiéne de mille spiche a primavére
scta llà pe ffà addurende le lenzole,

e ngoppe a-la funesctre vide dritte
le meglie chiande róppie de vejole
nate e cresciute dénde a du marmitte.

La masseria, si riconosce, è quella / che appare a solatìo imbiancata, / che ha dentro l’occhio del cornicione / una coppia di colombi apparigliata. // Un pergolato d’uva sanginella / scorre sopra al pozzo maritata / a un gelso bianco e a un pruno / dove vanno uccelli per tutta la giornata. // Uno spigonardo a muro sotto il sole, / pieno di mille spighe a primavera / sta lì per profumare le lenzuola, // e in cima alla finestra vedi dritte / le più belle violacciocche / nate e cresciute dentro due marmitte.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...