Dialetto di Castelmauro

GIUSEPPE JOVINE

Chicchirichì

Addò sendive llu chicchirichì
na matina d’estate?
Ché bbella matina d’estate!
Tutte le munne candava
chìcchiri chìcchiri chì!…
E hiurìvenë jenestre e gerasulë
e velë ghianghë de paranze
come a scenne de palómme.

E mmò?
Nön càndene cchiù galle?
Ma se penze allu chicchirichì
z’arràprene le logge a matutinë
e z’appiccë a cquillu svegliarine
na rosa de sole nna sctanza
e nnu mare na vela de paranza.

Chicchirichì. Dove ho sentito il chicchirichì / una mattina d’estate? / Che bella mattina d’estate! / Tutto il mondo cantava / chìcchiri chìcchiri chì!… / E fiorivano ginestre e girasoli / e vele bianche di paranze / come ali di colombe. / E ora? / Non cantano più galli? // Ma se penso al chicchirichì / si riaprono le logge a mattutino / e si accende a quello svegliarino / una rosa di sole nella stanza / e nel mare una vela di paranza.

Dialetto di Castelmauro (Cb) trascritto in grafia DAM (scarica il manuale).

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...