Dialetto di Fossalto

EUGENIO CIRESE

Camina

Da ngoppa all’úorte
sembrava na furmica
pe ru tratture.
Annanze e arräte
matina e ssera:
a scégne la matina,
a rrenghianà la sera
sudate e sctanghe,
la zappa ngúolle
e pädë nnanze päde, tranghe tranghe.

– Ze Minghe, è callë.
– Frische è ru scjume.
– Ze Minghe, è friddë.
– Zappe e më scalle.
D’estate e déndrë a víernë,
sempre la stéssa via,
isse, la zappa e lla fatìa.

Na vòta l’anne
ngoppa a le spalle
nu sacchitte de grane:
lu túozze de pane.
La zappa pe mmagnà.
lu pane pe zzappà.

Puó na bbella matina
ze Minghe sbagliatte la via,
pigliatte chélla de Sanda Lucia
purtate a quattrë.

Cammina. Da in cima all’orto / sembrava una formica / per il tratturo. / Avanti e indietro / mattina e sera: / a scendere la mattina, / a risalire la sera / sudato e stanco, / la zappa in spalla / e piede avanti piede, piano piano. / – Zio Menico, fa caldo. / – Fresco è il fiume. / – Zio Menico, fa freddo. / – Zappo e mi scaldo. / D’estate e d’inverno, / sempre la stessa via, / lui, la zappa e la fatica. // Una volta all’anno / sulle spalle / un sacchetto di grano: / il tozzo di pane. / La zappa per mangiare, / il pane per zappare. // Poi una bella mattina / zio Menico sbagliò la via, / pigliò quella di Santa Lucia / portato da quattro. (da Lucecabbelle, 1951)

Dialetto di Fossalto (Cb). Il testo viene trascritto in grafia DAM (scarica il manuale) sulla pronuncia di Domenichina Piedimonte.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...