Dialetto di Vasto

LUIGI ANELLI

Fujje ammëscke

Du’ fujje ammëscke ajje accungiate aèsse,
cirche e dumannë, scta a ssa grembetelle:
cascjëgne, panarazze e ciucurellë,
cionne de pèchere e halline gresse!

Mo te ce truve, prúvele e ppò resse
ca te piace; la sete vë’ scta aèlle;
assíttete, ca si ssò puvurellë
pe lu bbonghéure doppe ne më pesse!

Véite ca ne n-è rròbba perlebbate;
è ièreve che cräsce gna vè vè,
che solamende Crëscte l’ha ’ddacquate!

Ne l’aripajjudësce?!… e chë vù cchjì?
quässe te pozze dà, fraticce mè:
esse lu morte e piàgnetelë ti! (*)

Foglie miste. Un misto di verdure ho pulito costà, / ciò che vuoi sta in codesta scodella di creta: / crespigni, rosolacci e cicorielle, / ‘vulve di pecora’ (viperine) e gallinelle! // Ora ti ci trovi, assaggiali e può essere / che ti piacciano; la sedia, vedi, sta lì; / siediti, perché se sono poveretto / per il buon cuore poi non mi passi! // Vedi che non è roba prelibata; / è erba che cresce come viene viene, / che solamente Cristo l’ha adacquata! // Non la digerisci?!… e che vuoi più? / questo io posso darti, caro mio: / costà sta il morto e piangitelo tu!

(*) Trascrizione in grafia DAM (manuale).

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...