Dialetto di San Marco in Lamis

LUIGI IANZANO

Come ce mbizza la cèreva

Come ce mbizza la cèreva all’acqua
l’ànema mia ce accosta assutte a Té:
nétta tè ngórpe na seta surgina.
E recrijata surchia come e ché!
Stizze fréscche li cólene da mmócca.

Tu juste, terne e sande, tutte pu’.
Mo iave ché pruvvidë: quissi vòschera
e cime angora mbussate inde mare,
li pésce pe lli grave. Manghe n’opra
sendive gnàlia: tu e nn’ànema cchiù.

Tu ré! Da té, pe tté e ind’ e té gnengrija.
Ce móndeva ssu fatte ngele stésse:
li stédde avvàndene la grascia tova,
lu ioje prèdeca allu jurne apprésse,
la notte pigghia alla scurda la vija.

Te laudeia, Gnoreddì, chi te tròva,
te pennella avvunite a llu crijate,
sole e luna, vendima e jacquarija,
matra terra e lli fòchera attezzate.
L’òme no mbò hiatà lu nòme tova.

Come s’accosta la cerva alla sorgente / la mia anima si avvicina inaridita a te: / ha pura dentro una sete primordiale. / E con piena goduria si disseta! / Gocce fresche le stillano dal muso. // Tu giusto eterno e santo, tutto puoi. / Da sempre provvedi: queste boscaglie / e alture non erano ancora emerse, / i pesci non ancora fossilizzati. Nessun baccano / udivi nell’aria: tu e nessun altro. // Tu re! Da te, per mezzo di te e in te è ogni cosa. / Lo si narra nei cieli stessi: / le stelle elogiano la tua abbondanza, / l’oggi predica al domani, / la notte s’avvia al buio. // Ti loda, Signore Dio, chi sa riconoscerti, / ti adula assieme al creato, / sole e luna, vento e pioggia, / madre terra e i fuochi ravvivati. / L’uomo non è degno di pronunciare il tuo nome. // …

Da: Luigi Ianzano, Come ce mpizza la cèreva, San Severo (FG), 2007

L’òua scuzzulate vija vija

Locche locche, ngera e sole ind’ e lugghie
Presuttédde ce ne nghianava da ’n Pugghia
cu nna coriera chembrundata pe vvija.
Teneva na vesaccia ngumbagnija
ché cë strigneva com’ e carusédde
chiena chiena de tanda pucenédde.
Cu dda iòpera de cippecì – e scine! –
ha tisë li récchie ze fatturine
l’ha meratë e ll’ha tenutë a mende
e po’ l’ha mmenata: «Bell’ ò» «Présènde!»
«Bell’ ò, tu nno n-lu sa’ ché ll’annemala
no nge ponne purtà culla pustala?
Fu’, mo ascigne a zénna de vija nòua!…»
«Oi cumbà, i’ sò nghianate cu ll’òua!
E sacce si cquéssi – Madonna mija –
vonne scuzzulà própia vija vija!»

Le uova dischiusesi strada facendo. Quatto quatto, di fronte al sole di luglio / Presuttédde ritornava dal Tavoliere / con una corriera incontrata lungo la strada. / Aveva una bisaccia per compagnia / che stringeva come un salvadanaio / piena piena di teneri pulcini. / Con quel baccano di cinguettii – diamine! – / ha aguzzato l’udito zio controllore / lo ha osservato attentamente / e poi si è deciso: «Signore» «Presente!» / «Signore, lei non sa che gli animali / non possono trasportarsi col pullman? / Forza, ora scenda a bordo strada!…» / «Ma compare, io sono salito con le uova! / Come potevo immaginare – Madonna mia – / che si sarebbero dischiuse proprio strada facendo?»

Dialetto di S. Marco in Lamis (Fg), trascritto in grafia DAM (scarica il manuale). Da: L. Ianzano, Taranta mannannéra, Foggia 2005

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...