Dialetto di Manfredonia

PASQUALE OGNISSANTI

Condrore

Addí ca l’úcchie pose
tótte jí silénziose:
syle nu chene vone
e scioscıe ’a tèrrarone.

Sope ’a vyie bianghe e solë
na carte ce ne vole:
vole, cchiù llà ce pose
sope ’a vyie silénziose.

U chene, appose ’a cote,
vé, annyse, ’a vote:
carte ca porte i nove,
n’a vole, manghe ’a move.

U chene vé e vonë
e scioscıe ’a tèrrarone,
fra i chese bianghe e solë,
addí ca batte u sole.

Controra. Dove l’occhio si posa / tutto è silenzioso: / solo un cane viene / e smuove la sabbia. // Sulla via bianca e sola / una carta se ne vola: / vola, più in là si posa / sulla via silenziosa. // Il cane, coda appesa, / va, annusa, guarda: / carta che porta nuove, / non ne vuole, neanche la smuove. // Il cane va e viene / e smuove la sabbia / fra le case bianche e sole / dove batte il sole.

________

«N. B.: /y/ suona [ü] (vüie, annüse); /o/ in SA (sillaba aperta di parola piana) si legge [ö] (condröre, vöne.

Il testo in dialetto di Manfredonia (Fg) viene trascritto, con adattamenti, in grafia DAM (scarica il manuale) dal volumetto di Pasquale Ognissanti, Favugne, Pellegrini, Cosenza 1968.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...