Dialetto di Vasto

GAETANO MUROLO
(Vasto, Ch, 1858-1903)

Trasferitosi ad Ancona, fu impiegato presso le ferrovie. Poeta in lingua e in dialetto vastese, scrisse anche di narrativa e di teatro. Tra cose edite e inedite, ha scritto Ciamarèlle, cinquantatré sonetti (Anelli e Manzitti, Vasto 1898), ora in Sonetti dialettali (1886-98), a cura di T. Spinelli (Cannarsa, Vasto 1979). Di lui si sono occupati O. Giannangeli, G. Oliva, C. De Matteis, V. Moretti, F. Brevini.

Da Ciamarèlle

Ciamarelle

Facètele vulà ssi ciamarelle
pla terre addó li më’ repose l’osse:
pe cambë e vègne e p’ogne ruvuarellë,
d’addó scta Rille addónna scta Palosse.

Bardà che tti’ nnascoscte lu quappelle,
va’ a fà a ngenecchie e ne m-me fà li mosse:
t’acrite ca sò lùcenéccappèllë
nate da lu fumire de nu fosse?

N-avascte ca lu cèle ha desctenate
falle cambà nu jurne solamende?
li lète acchiappà prùprie a sccuppettate?

Facètele vulà libberamende
ssi ciamarelle më’ pe na jurnate:
dumane?… Sarrà murte tutte quende!

Farfalle. Fatele volar coteste farfalle per la terra dove i miei riposan l’ossa: per campi e vigne e per ogni viottolo, da dove sta Rulli fin dove sta Palosse. Ragazzo, che tieni nascosto il cappello, va’ a fare a ngenecchie [gioco] e non farmi smorfie: ti credi che siano lucciole nate dal letame di un fosso? Non basta che il cielo abbia destinato farle campare un giorno solamente? le volete prendere proprio a schioppettate? Fatele volare liberamente coteste farfalle mie per una giornata… domani?… saran morte tutte quante! (Trad. dell’autore)

Prima vodde

Dendre a la capparelle abberretète
jave na säire pe li Varvachène:
nengàive e medzze a tanda scurutète
addre n-zendèive ch’abbajà li chène.

Cande a medzze a la piazze ajje arruvuète,
chi väitë? Azzecche… Dëiche, me vú bène?
Nderre la cocce ha sìbbete acciucquète
e pe resposcte m’ha date la mène.

Ne m-me le scorde mà chilu mumende
che pë la prima vodde m’ha parlate:
e cande nänghe, pièuve e tire vende,

sende a lu chèure gne na curtullate,
e m’arepasse sembre pe la mende
cla cara giuvenette assutturrate!

Prima volta. Dentro al mantelletto avvoltolato andava una sera per i Barbacani: nevicava e in mezzo a tanta oscurità altro non sentivi che abbaiare i cani. Quando in mezzo alla piazza sono arrivato, chi vedo? Indovina… Dico, mi vuoi bene? In terra la testa ha subito abbassata e per risposta mi ha dato la mano. Non me lo scordo mai quel momento che per la prima volta mi ha parlato: e quando nevica, piove e tira vento, sento al cuore come una coltellata, e mi ripassa sempre per la mente quella cara giovanetta sotterrata! (Trad. dell’autore)

__________

Testi trascritti in grafia DAM (scarica il manuale) secondo la pronuncia vastese di Pino Jubatti: http://www.youtube.com/watch?v=JrZyi9yF3Yc

Annunci

2 pensieri riguardo “Dialetto di Vasto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...