Cesare De Titta

CdeTitta

Sacerdote, nacque a Sant’Eusanio del Sangro (Ch) nel 1862 e vi morì nel 1933. Studioso di letteratura classica e di filosofia, fu poeta in lingua, in latino e in dialetto abruzzese. Autore di una Grammatica della lingua viva (Carabba) e di una Grammatica della lingua latina, in dialetto pubblicò: Canzoni abruzzesi (1919), Nuove canzoni abruzzesi (1923), Gente d’Abruzzo (1923), Terra d’oro (1925), Acqua, foco e vento (1929). Tradusse in abruzzese la Figlia di Iorio e Le elegie romane di Gabriele D’Annunzio, del quale fu amico.

La trascrizione DAM (scarica il manuale) è fatta su lettura della prof.ssa Adelia Mancini, San Vito Chietino, che è anche un’attenta studiosa dell’opera di Cesare De Titta. Le poesie sono tratte da Terra d’Oro. Le traduzioni sono dell’autore.

Piove e fere lu sole

Piove e fere lu sole, e ma’ gné ogge
s’è visctë, pe lu Colle de la Live,
la cambagne accuscî fiuritë e vive,
tra lu vele settile de la piogge.

Piove e fere lu sole, e la culline
piagne e ride tra l’ómbre che caminë,
gna fa cavvote pe la tenerézze
la faccia belle de la giuvenézze.

Piove e risplende il sole. Piove e risplende il sole, e mai com’oggi / s’è vista, per il Colle de l’Ulivo, / la campagna così fiorita e viva, / sotto il velo sottile de la pioggia. // Piove e risplende il sole, e la collina / piange e ride tra l’ombra che cammina, // come talor fa per la tenerezza / la faccia bella de la giovinezza.

Lu cande de Terra d’Ore

I

S’è cupertë de neve la Maielle,
s’è cupertë de neve Mondecorne,
o Terra d’Ore, e tu come nu giorne
de primavere all’uócchie mié scî belle.

Nghe le frónne u la neve pe li rame,
scî belle déndre all’àneme che chiamë:

nghe lu ciele serene u l’ómbre nire,
scî belle éndre a lu core che suspirë.

II

O Terra d’Ore, quande sone e cande,
e speranze e recuórde! Ne ng’è state
nu giorne màie che nde so candate
nghe lu rise a la voce u nghe lu piande.

Te so candate a tutte le staggiune,
te so candate tutte le canzune,

quande fiurive e quande t’hi sfiurite,
e sctu cande ne n-è, ne n-è fenitë!

Il canto di Terra d’Oro. I. S’è coperta di neve la Maiella, / s’è coperto di neve Montecorno, / o Terra d’Oro, e tu come in un giorno / di primavera a gli occhi miei sei bella. // Con le fronde o la neve per i rami, / sei bella dentro l’anima che chiama: // con l’ombre nere o il cielo di zaffiro, / sei bella dentro il cuore che sospira. // II. O Terra d’Oro, quanto suono e canto, / e speranze e ricordi! Non c’è stato / un giorno solo che non t’ho cantata / con il riso a la voce o con il pianto. // Ti ho cantata in tutte le stagioni, / ti ho cantato tutte le canzoni, // quando fiorivi e quando sei sfiorita, / e il mio canto non è, non è finito!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...