Dialetto francoprovenzale di Faeto

Lla mùseche dde llu paravije

(Novella nel francoprovenzale di Faeto, raccolta da Michele Melillo [1])

Na vaje ajave un-n muén-n e na ffénne. I sevante marì e meglije. Un mattin-ne sa meglije i saglitte chi allave pechian-ne ’n pue de pane. Demménteche i cemmenave i vaje ntère na ffafe; la prénte e la pòrete a ciallaue, che s’arretire. Cumme i arrive la fate vetaje a ssu marì. La pprénte e ssu marì e la piante devan-ne la ppòrete de ciallaue; dappoje vitte giúore lla ffafe gli éve già nescì, e ssa ffénne e ssi muén-n, chi sevante marì e meglije e chi tenevante rréne l’assestevante tutte lò giúore, l’addaquevante, i mettevante llu terine bun-n daccante pe la fà purtà lle ffafe sùbbete, dappoje de n’ate pu de giúore lla ffafe i cacciatte lò fiure pe ppurtà lle ffafe. Sùbbete dappoje lle ffafe s’imprunte, e marì e meglije ttutte lò mattine i cheglievante lle ffafe e i mangevante pan-ne e ffafe. Dappoje na múorre de tténe a cchitre ttutte lò giúore lle ffafe. Ma i cunghievante maje. Se mantenive tuttuaje vérde. Dappoje bunaríelle de ttén-ne lla ffafe se jauzave ttutte lò giúore, se cannelejave ppa, e un-n giúore ssa meglije i discitte a ssu marì, demménteche i stevante mengian-ne deccante a lla ffafe, ch’o sare sta bun-ne de vedaje andoe i arrevave lla ffafe. Pe ttan-ne che gli éve féje ciòttele i putive nchianà cumme o fisse stà n’àrbele: e nchianatte e succeditte chi statte vitte giúore p’arrevà andoe i cunchjive. Come i arrevatte illé i truvatte llu síere, i tuzzelatte pe vedaje tóch gli ajéve illé, pecché gli éve arrevà u ssíere. Tuttenzéne i víette avrije na ppòrete de n’àngele e intratte, e i addummannatte tóch vulive; i descitte ché vulive parlà ddò Debbenaje pecché se jéve avvesà chillé ajave llu paravije; l’àngele l’accumpagnatte andoe ajéve intrà e si allatte. Demménteche ssu marì gli éve nchianà illé e i stave na múorre de ttén-ne, sa meglije se scpandave pecché o sevante passà chiénze giúore e ancore se veìve ppa; ssu marì, cumme n’àun-ne ddì, chi gli éve allan-ne a pparlà ddò Debbenaje, decchire i fitte devan-ne a ije gli addummannatte tóch i vulive; i allatte ije e pechiatte chi jòre vulive na case, ’n pue de terin-n pe fatejà; e i descitte: « Vattén-n che decchire ti h’a arrevà ntère te trove ttutte cciúose. E abbejatte a descênnë pe arrevà ntère. Jore i statte n’ate ssinche giúore. Decchire se truvatte ntère e i veìtte c’a llo poste c’ajave lla casarelle llàue i truvatte na casa rose, na versire de terrin-n e a ssa meglije. Allatte ssa meglije e addummannatte andoe gli éve arrevà, cumme jave féje, tóch jave truvà: addummannave, che vulive savaje tóch jave vejaue; ssu marì i accuntatte ttutte lu cunte, cumme i allave, che gli éve arrevà u ssíere, jave tuzzelà, jave saglì n’àngele, jave avère lla ppòrete, jave addummannà tóch vulive, e ije jave pechià ché vulive parlà ddò Debbenaje, e i descitte avoje che decchire se truvatte ddevan-ne a Ddebbenaje gli jave addummannà tóch i vulive, e ije glie descitte che jare vulì na case, llu terrin-ne e se putive allà. Ssa meglije i descitte: « Pe ttóch t’an-ne ppa pechià lò solde? ». Allatte ije e descitte c’ajave inùtele, jave allan-e n’atarrije a sse fà avaje lò solde. Pe tenije cuntén-ne a ssa meglije, s’abbejatte n’atarrije a se ngarpenà nfacce lla ffafe; i fescitte lla stéssa vije, tale qualë cumme i à féje lla premmíere vaje, e i arrevatte illé e i addummannatte tóch i vulive; ije i descitte che jare vulì lò solde, pecché senza solde se putive ppa allan-ne devan-ne a ssa meglije. E i fitte accuntantà avoje de lo solde. Decchire descinnitte i truvatte a ssa meglije ttutte cunténte pecché ssu marì jave avì na casse de càrete de mila llire, e i stevante bun-ne cundéne senza fatejà. Mengevante e i bjivante e fescivante ttutte lò giúore fféte e i descitte a ssu marì: « Te ssa ppa tóch ngi penzà? ». E i addummannatte ssu marì: « Tóch t’ha’ penzà? » i descitte: « G’é penzane che nusse ne stran-ne ancore mmé bune se ne teneram ’m pu de mùseche dde llu paravije. Pecché te la va ppa pechiane?» Ssu marì ca jéve babbiun-n, i penzatte ppa, e cumme un píezze de ciatéje i allatte n’atarrije, e decchire i arrevatte illé u paravije addummannatte n’atarrije tóch i vulive. «T’abbaste ppa?» a ije descitte Debbenaje. « T’an-ne vulì lla case e gi l’é denà, t’an-ne vulì llu terrin-ne e gi te l’é denà, t’an-ne vulì lò solde e gi te l’éje denà ». I respunnitte: «Ma meglije i vúote ’m pue dde lla mùseche de lò ssàngele dde llu paravije». Dappoje ddì sta parole o tremejatte ttutte cciúose; i abbejatte a ssentì remmàue, a sdellampije, e ssi muén-n se truatte ntère, e se truatte ppa cumme gli éve, ma se truatte trascfurman-ne ’n scéje. Lla case che jave avì se truatte cchiù; lla ffafe che jave piantà manche se truatte. A sélle pposte se truatte ttutte boe, e un giúore dappoje un munne de ttén-ne se truatte ije nghiocche a n’àrbele trascfurmane a ccucule e ssa meglije nghiocche a n’ate àrbele trascfurmà da ffénne a ppicche de boe, e ssu marì i cantatte decchire i veìtte a sélle scéje: « Piche de boe derembette nghiocche a nn’ate àrbele, cucù, chi t’éje ti? cucù, cumme te troe icchì?». «Cucù», n’atarrije. I rescpunne ssa meglije: « Tóch é succetì illé nghiocche? ». Ddónch t’ha’ vejaue tóch o succeditte: che ssi muén-n e ssa fénne chi sevante marì e meglije lla premmíera vaje i tenevante rrén-ne, poe i avrunte ssi piascije che i truverunte lla ffafe e i mangevante ttutte lò giúore; poe lla ffafe gli éve fétte ttan-ne rrose che gli éve arrevà u ssíere; ije ssi muén-n i allatte nghiocche e vvetaie andoe i cunghjive, poe i avitte lla raze che i avitte lla case, llu terrin-ne; lla seconde vaje i avitte lla càsce de solde e manche gli éve cundén-ne, i vulive sta quase cumme a Ddebbenaje, e accussì Debbenaje le punitte che le luatte tutte cciúose. De sélla maníere che le fescitte addeventà a ssu marì cucule e a ssa meglije piche de boe e pe ssu se ditte: chi na mmúore i uótte, rrén-ne i atte.

La musica del Paradiso. Una volta, c’era un uomo e una donna. Essi erano marito e moglie. Un mattino la moglie uscì per andare a cercare un po’ di pane. Mentre camminava, vede per terra una fava. La prende e la porta a casa, giacché si ritirava. Appena arriva, la fa vedere a suo marito. Suo marito la prende e la pianta dinanzi alla porta di casa. Dopo otto giorni, la fava era già nata e questa donna e quest’uomo, che erano marito e moglie e non avevano nulla, la assistevano ogni giorno. L’innaffiavano, mettevano il terreno buono vicino per farle produrre subito le fave. Dopo altri pochi giorni, la fava mise fuori i fiori per portare le fave. Subito dopo i baccelli si empirono e il marito e la moglie tutte le mattine raccoglievano le fave e mangiavano pane e fave. Dopo parecchio tempo (ebbero da) raccogliere tutti i giorni le fave. Ma non finivano mai. (La fava) si manteneva sempre verde. Dopo parecchio tempo la fava si alzava di giorno in giorno, non si vedeva più, e un giorno la moglie disse al marito, mentre stavano mangiando accanto alla fava, che sarebbe stato bello vedere dove arrivasse la fava. Era diventata così grande che si poteva salire su come se fosse un albero. Vi salì e gli capitò di inpiegare otto giorni per arrivare là dove finiva. Appena vi arrivò, trovò il cielo, bussò per vedere cosa vi fosse lì, giacché oramai era arrivato al cielo. Tutto ad un tratto vide aprire una porta da un angelo ed entrò.  E (l’angelo) domandò che cosa volesse. (Quell’uomo) disse che voleva parlare con il Padreterno, giacché si era accorto che lì si trovava il Paradiso. L’angelo l’accompagnò là dove sarebbe dovuto entrare e se ne andò. Mentre il marito era salito fin là e si era trattenuto parecchio tempo, la moglie si disperava giacché erano passati quindici giorni e non si vedeva ancora. Il marito, come abbiamo detto, era andato a parlare con il Padreterno (e) quando si fece dinanzi a Lui, (il Padreterno) gli domandò che cosa volesse. E quello domandò che per il momento avrebbe voluto una casa, (e) un po’ di terreno da lavorare. E (il Padreterno) gli disse: « Vattene (subito di qua) perché, appena sarai arrivato a terra, troverai ogni cosa ». E (quell’uomo) cominciò a scendere per arrivare a terra. (Ed) ora impiegò altri cinque giorni. Quando si è trovato a terra ha visto che, al posto dov’era la casetta loro, si trovava una grande casa, (e trovò) una versura di terreno e sua moglie. La moglie gli domandò dove fosse arrivato, come avesse fatto, che cosa avesse trovato. Domandava, perché voleva sapere che cosa avesse visto.Il marito le raccontò tutto il fatto, così come era andato, (e le disse) che era arrivato al cielo, che (aveva bussato ed) era uscito un angelo, (che) aveva aperto la porta (e) gli aveva domandato che cosa volesse. Ed egli aveva chiesto di voler parlare con Dio, e disse pure che quando si trovò dinanzi a Dio, (questi) gli domandò che cosa volesse, ed egli disse che avrebbe voluto una casa, del terreno e che se ne sarebbe potuto andare. La moglie gli disse: « Perché non hai chiesto i soldi? ». E quello disse che sarebbe bastato ciò che aveva avuto. Ma la moglie gli stava sempre dietro. Disse che (tutto) era inutile, (e che) sarebbe dovuto andare un’altra volta per farsi dare i soldi. Per accontentare la moglie, si arrampicò di nuovo per arrampicarsi sulla fava. Fece la stessa strada, la stessa che aveva fatta la prima volta. Arrivò là (in cielo) e (il Padreterno) gli domandò che cosa volesse. Disse che avrebbe voluto i soldi, giacché senza soldi non sarebbe potuto andare dinanzi a sua moglie. E fu accontentato anche in quanto a soldi. Quando discese (a terra), trovò sua moglie tutta contenta, giacché il marito aveva ottenuto una cassa di biglietti da mille lire. E stavano molto contenti senza lavorare. Mangiavano e bevevano e facevano festa ogni giorno. Non avevano figli.  Dopo parecchi anni alla moglie venne in testa (qualcosa) e disse al marito: « Sai che cosa ho pensato? ». E il marito disse: « Che cosa hai pensato? ». (E quella) disse: « Io ho pensato che noi staremmo ancora meglio, se tenessimo un po’ di musida del Paradiso. Perché non la vai a chiedere? ». Il marito, che era un babbeo, non vi pensò molto e come un pezzo di “castello” andò di nuovo (in cielo), e quando arrivò là in Paradiso, di nuovo il Padreterno gli domandò che cosa volesse. E il Padreterno gli disse: « Non ti basta? Hai voluto la casa e te l’ho data, hai voluto il terreno e te l’ho dato, hai voluto i soldi e te li ho dati ». E quegli rispose: « Mia moglie vuole un po’ di musica degli Angeli del Paradiso ». Appena (ebbe) pronunciato questa parola, tremò ogni cosa. Cominciò a sentir(si) un frastuono, a lampeggiare, e quest’uomo si trovò a terra. E non si trovò più com’era, ma si trovò trasformato in uccello. La casa che aveva avuto non si trovò più. Non si trovò più neppure la fava che era stata piantata. A quel posto si trovò tutto un bosco, e un giorno, dopo parecchio tempo, venne a trovarsi su di un albero, trasformato in un cuculo, la moglie (venne a trovarsi) sopra un altro albero trasformata da donna in gazza di bosco. E il marito appena vide quell’uccello cantò: « Gazza di bosco (che stai) dirimpetto sopra a un altro albero, cucù, chi sei tu? Cucù, come ti trovi qui? ». E (cantò) ancora: « Cucù ». La moglie rispose: « Che cosa è successo lì sopra? ». Dunque hai visto che cosa è successo: che quest’uomo e questa donna, che erano marito e moglie, prima non avevano nulla, poi ebbero il piacere di trovare la fava e mangiavano ogni giorno. La fava era diventata tanto grande che era arrivata fino al cielo. L’uomo andò sopra a vedere dove finisse, ed ebbe la grazia di ricevere la casa, (e) il terreno. La volta successiva ottenne la cassa di soldi. E neanche era contento. Egli voleva stare quasi come Dio benedetto, e così Dio benedetto lo punì e gli tolse ogni cosa. Li punì in tal modo che fece diventare il marito cuculo e la moglie gazza di bosco. E perciò si dice che chi vuole assai non ottiene niente. (M. Melillo)

[1] Trascrizione in grafia DAM (scarica il manuale) di una novella recitata (oltre una settantina di anni fa) da tal G. A., un giovane di rara intelligenza (che da sarto diventò bibliotecario e poi impiegato di banca), dalla scrittura fonetica del dialettologo prof. Michele Melillo, in “Lingua e storia in Puglia”, n. 3, 1974: 97-101 e in Storia e cultura dei francoprovenzali di Celle e Faeto, a cura di Armistizio Matteo Melillo, Atlantica, Manfredonia 1978: 104-8.

Nella necessità di dover scegliere, in caso di grafia intermedia tra t e d postnasale si è optato per t, mentre la s sonora postnasale è stata resa con z (penzà ‘pensato’) e il suono di [š] con scj (cfr. il Dizionario francoprovenzale-italiano : italiano-francoprovenzale di Faeto, edito a cura dello Sportello Linguistico Francoprovenzale nel 2007 ).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...