Il francoprovenzale di Celle di San Vito

Giovanni Boccaccio, Il Decamerone, Edizione accurata con note del Prof. L. Giavardi, Centro di Diffusione Cultura, Milano, s. d. [ma posteriore al 1985], Novella nona, Giornata prima, p. 71-2.
Progetto1

Progetto2

Il « dialetto provenzale » dell’Avv. Francesco Alfonso Perrini, Provincia di Capitanata. Celle San Vito, in I parlari italiani in Certaldo alla festa del V centenario di Messer Giovanni Boccacci, omaggio di Giovanni Papanti, Livorno, Tipi di Francesco Vigo, 1875.

iparlariitalian00villgoog_0014

combine_images

Si riporta anche il testo, più leggibile, di una recente edizione della novella:

Traduzione nel «provenzale» di Celle della Novella IX del Decamerone

Traduzione letterale dalla versione del Perrini

Io dico dunque che al tempo del primo Re di Cipro, dopo che fu presa la Terra Santa da Goffredo di Buglione, avvenne che una gentil donna di Guascogna andò pellegrina al Sepolcro. Di qui tornando, arrivata che fu a Cipro, da così matti uomini fu molto malamente ingiuriata. Perciò lei ne prese tanto e tanto dolore, che pensò di andare a ricorrere dal Re; ma qualcuno le disse che era tempo perduto, perché lui era di cuore troppo piccolo e troppo cattivo, tanto che non solamente non prendeva con giustizia la vendetta dell’ingiuria degli altri, ma quelle che assai assai facevano a lui, se le prendeva con tanto vile vituperio; tanto è vero che tutti quelli che tenevano da dire qualcosa di lui, si sfogavano per dargli  dispiacere e per svergognarlo. Sentendo questa cosa quella donna si persuase che non poteva avere la vendetta. Per avere un po’ di consolazione al dispiacere suo, si mise in testa di mordere un po’ la miseria di questo Re; e piangendo se n’andò davanti a lui, e gli disse: « Signore mio, io non vengo davanti a te per la vendetta che io m’aspetto dell’ingiuria che mi è stata fatta, ma per avere un po’ di piacere da ciò, io ti prego di insegnarmi come tu tieni tanta pazienza da sopportare quelle ingiurie che io sento che loro fanno a te, perché io anche imparando da te, potessi pure con pazienza sopportare la mia; che lo sa Dio benedetto, se lo potessi fare, di buon amore io te la donerei, perché tu (la) sai tanto bene portare sul collo.»

Il Re, che sino ad allora non si mosse e non fece nulla, come se fosse risvegliato dal sonno, cominciò primamente dall’ingiuria fatta a questa donna, che lui vendicò con rabbia, poi si fece troppo duro persecutore di tutti quelli che facevano male dietro qualcosa contro l’onore della corona sua.

Trascrizione DAM (*) della stessa novella secondo la pronuncia cellese odierna

Celle de Sante Uite. Gge dìsce ddunche, che a lu ttén-ne de lu premmije Raie de Cipre, dappóie che i fi ppraie la Terra sante da Guttefrè de Bbuglione, avvenitte che na ggentile fénne de Guascogne iallatte pellerine a lu Subbùleche, d’icchì turnanne, arrevà che i fitte a Ciprë, da un paraie de mammuén i fitte namurre tri bbrì ngerejà: pessù iglie ne pregnitte tan e tan delaue, che i penzatte allà a reccurdre a lu Rraie; ma cacun le descjitte che aiéve tén-ne perdì, pettoche ije gliéve de cuòre tri pettìje e tri pabbún-ne, tan che nun sulammén i pregnive pa dò ggiustizie la vendétte de le ngiurie de lo s-ate, ma sellé tri namurre che i faciavante a ije, se le pregnive dò ttan vije vetupèrie; tanluvaie che ttutte selloue che i tenavante da dire cache ceuose de ije, i sfugavante pe le denà despiascîje e pe lu svergugnà. Sentanne sta ceuose selà fénne, se persuadì che i putive pa avàire la vendétte, p’avaire un pue de cunsulazziun a lu despiascîje sin, se mettitte ntete de mmùrdere un pue de le mesèrie de sti Rraie; e piaranne se n’allatte devan a ije, e le descîtte: « Segnaue min, gi gge vínne pa devan a tti pe la vendétte che ggi m’attante de la ngiùrie che m’é stà féie, ma p’avaire un pue de piascîje da sellé, gge te praie de me mparà come ti te ttin-ne tanne de pasiènze de pattì sèlle ngiùrie, che ggi gge ssinte che i fascjunte a tti, pettoche ggi avoie mparanne da tti, gge putisse pure dò pasienze suppurtà la mià; che i sa Diabbenaie, se gge lu putisse fà, bbun anamurre gge te la dunare, pettoche ti te sa tanbun-ne purtà u coue. »

Lu Rraie, nzi addunche che se muuive pa e ppa rrèn i facive, come se i fisse ruviglià da lu suonne, abbiatte primammén de la ngiuria féie a sètta fénne, che i vennecà dò rragge, poie se facitte tri ddije persecuttaue de ttutte selloue che i faciavante méje a préje ccache cceuóse cuntre l’unnaue de la curona sià.

Fonte orale: Silvano Tangi

________

Trascrizione DAM. Scarica il manuale.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...