Dialetto di Lanciano

MARCELLO MARCIANI

Nato nel 1947 a Lanciano (Ch), dove lavora come farmacista. Ha pubblicato sette raccolte in lingua, tra cui Body movements, con traduzione inglese a fronte di Amelia Rosselli (Gradiva Publications, Stony Brook-New York 1988). La sua produzione in dialetto è racchiusa in due titoli: La Ninnille (I libri del “Quartino”, Albenga 2007) e Rasulanne (Cofine, Roma 2012). Di lui hanno scritto, tra gli altri, N. Fiorentino, G. Tesio, N. Di Monte, A. De Simone.

Sonne [1]

Pe pizzë e pë pendunë me te sonne
ca tu me sunne mbizze a la sctaggiòne
nghe na ciarfelle ngalecate ngape
che të sonne ca valechije e pessë
lu piangate e la vite a passettillë
struscjate gné la rizze a la serene
che ss’annàzzeche e sonë a mmé sctu sonne
appummésse a garbinë.

Sonne ca t’aresbije e nön ce scténghe
pecché è ssu sonne te’ che më fa sctrèuse
m’accoppe na fatture a cavaciullë
nu catrafosse scì nu vurra vurre
na culate che scòzzeche lu sanghe
me l’arrevólle gné scta curatélle
che ttu te megne nzonne e nge aretruve
cchiù a mmé se mmo m’assucce.

Nu caucemónie mbacce a mmé è ssu sonne
iettate da nu cele sbiangacciate
addó tu vule gné la rennelelle
che vvé nghe la pazzije de la sctaggiòne
e vva se ss’è sctutate lume e sciusce…
Ché ielene de vàsce m’arefrésche
pe sctu sonne cesctunie c’ha scucchiate
li scénne a ssa ciarfelle!

Sogno. Per angoli e cantucci mi ti sogno / che tu mi sogni all’uscio dell’estate / con un cappellaccio calcato in testa / che ti sogna oscillare e passare / l’impiantito e la vita a passettini / strusciati come il reticolo allo scoperto / che si dondola e a me suona questo sogno / rimboccato a garbino. // Sogno che ti risvegli e non ci sono / perché è questo sogno tuo che mi fa strambo / mi mena una fattura a cavalluccio / un precipizio sì un corri corri / una rannata che sgrassa il sangue / me lo ribolle come questa coratella / che tu ti mangi in sogno e non ci trovi / più me se ora mi divori. // Un calcinaccio in faccia a me è questo sogno / buttato da un cielo sbiancato / dove tu voli come la rondinella / che viene con i giochi dell’estate / e va se si è spenta luce e sbornia… / Che brinata di baci mi rinfresca / per questo sogno testuggine che ha sgusciato / le ali a questo cappellaccio! (Trad. dell’autore)

[1] Da «Poesia», n. 266, dic. 2011, rivisto seguendo una lettura fatta a Ischitella:

Alcuni dubbi sono stati chiariti intervistando telefonicamente l’Autore.
__________
Da F. Granatiero, Per una grafia unitaria della poesia nei dialetti alto meridionali, in “incroci”, 31, 2015, pp. 62-3

Trascrizione in grafia DAM. Scarica il manuale.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...