DSCN2939cGIOVANNI DE CRISTOFARO
(Monte Sant’Angelo 1883 – Aosta 1967)

Lu scundende

Nfra végghie e súnne stamatine a chése
Spatelle m’à ppurtéte ssu cartídde;
me penze proprie ch’è na nova spèse
pe mmétte nganne ad ome lu curtídde.

È nùtele, cumbé… da quéssa ndèse
ce salve ognune; ma lu puuerídde
è terra bbone scchitte a fé macıèse,
è corie pe ccrecıule e pe ccannídde.

Pozz’essa mbise chi ce lamendève
de Frangeschílle… A quiddi tímbe, tanne
nu réne, nu carrine o nu turnèse

éra recchézze pe nda ssu paèse.
L’ascriscemunne? E chi lu canuscève…
E mo ssi chécazàppe tutte sanne.

Il malcontento. [Mentre ero] fra veglia e sonno stamattina Spatella mi ha portato questa cartella; penso proprio che sia una nuova spesa per mettere in canna ad uomo il coltello. È inutile, compare, da questa intesa si salva ognuno, ma il poveretto è terra buona solo a far maggese, è cuoio per corregge e per ditali. Sia impiccato chi si lamentava di Franceschiello. A quei tempi, allora, un grano, un carlino o un tornese era ricchezza in questo paese. Il  contributo? E chi lo conosceva?! E adesso questi trogloditi tutto sanno! (Da A cor’a core)

__________

La poesia viene trascritta, con adattamenti, dall’antologia Dal Gargano all’Appennino. Le voci in dialetto, a cura di F. Granatiero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...