Dialetto di Monte Sant’Angelo

GIOVANNI DI JASIO

Lu pajèse

Matteo Falcone

Propie ngime alla mundagne,
Nu castídde scuffulete;
Lu pajèse ascinne e nghiene
Alli píte accucculete.

Irússe e lúnghe, Sulla curva
Del crinale, nfacce a sòle:
Chese vasce, chese sòle
A casacce, cqua e ddà.

Tutta tufe e maciaredde,
Grigge, sécche la mundagne;
Cqua e ddà na turrecedde;
Nude e triste la cambagne.

Strete córte, storte, strétte:
Une ferme e ll’àte passe;
Se nesciune po’ ce sposte,
Ddà te trúve e addà tu lasse.

Il paese. Proprio in cima alla montagna, un castello diroccato; il paese sul declivio, ai suoi piedi accoccolato. Grande e lungo, sulla curva del crinale, soleggiato: case basse, case sole, a casaccio, qua e là. Tutta tufo e muretti di pietre, grigia, secca, la montagna; qua e là una casupola; nuda e triste, la campagna. Strade corte, storte, strette: uno fermo e l’altro passa; se nessuno poi si sposta, lì ti trovi e lì tu resti.

Stréte strétte: propie a míddse
Strachiandete tanda turse:
È cchiù ffàcele ce scoste
Nu pesule o nu tramíddse.

Na vetture a chepe adàlete,
Na vetture a chepe abbasce:
Nenn é’ cchiù-j adóue scì,
Sté’ cchiù allarie nde na casce.

Quatte mote: cché ffrajasse!
Bbattarije de cannune.
Ecche cqua Pinghe Palline
Che retorne dalla lune!

Tu sé’ sckitte u fatte tue.
Ije sckitte u fatte mije.
Accussì tu scúndse a mmè,
Ije scondse a segnurije.

Strade strette: proprio in mezzo, trapiantati come torsoli: è più facile che si sposti un paracarro o un muro a secco. Una vettura verso su, una vettura verso giù: non hai più tu dove andare, c’è più spazio in una cassa. Quattro moto: che fracasso! Batteria di cannoni. Ecco qua Pinco Pallino che ritorna dalla luna! Tu sai solo il fatto tuo. Io solo il fatto mio. Così tu disturbi me, io disturbo vossignoria.

Propie tutte nò, nu picche
De passete Mèdioève:
Nu palazze, tanda irótte,
Tanda povre e poca ricche.

E nen manghe, cché ffurtune,
Cheché avandse de bbaròne:
Senza fèuede, ce sepe,
Sckitte vòrie a cechelòne.

Sonne poche poche poche
– Pure quésse è na furtune –
Ma tu sé’ mo quande vele
Na parigghie de bbarune?

Pure míddse. Ce pazzije?
– Maledétte ’a vocca mèie –
Chi ce sté sope a ssa terre
Nnandse a jisse? Manghe Ddije.

Proprio tutto no, un pochino del passato Medioevo: un palazzo, tante grotte, tanti poveri e pochi ricchi. E non manca, che fortuna, qualche avanzo di barone: senza feudo, si sa, solo boria in quantità. Sono pochi pochi pochi – pure questa è una fortuna – ma sai ora quanto vale una coppia di baroni? Pure mezzo. Che, ci scherzi? – Maledetta la mia bocca – Chi può stare sulla terra al suo cospetto? Manco Iddio.

Sonne poche poche poche
– Propie cqua sté la sturture –
’Mmíddse a tanda bbona gende,
Sò lla macchie, la bbrutture.

Uéh, cché ccrite ce vo mo
P’èsse nòbbele bbaròne?
Duje sòlete, li fésse,
Na pretèse e llu bbastòne.

Pérò ué, sté n’àta còse:
Se nen dsi’ nu furfandòne,
Se nen dsi’ na meddsa repe,
Tu nen dsi’ nu gran bbaròne.

Mogghiaddije se da juse
Cheché schele óu anghianete:
Cchiù vvecciòne, cchiù vvavuse,
Cchiù smargiasse e screjanzete.

Sono pochi pochi pochi – proprio qui è la stortura – in mezzo a tanta buona gente sono la macchia, la bruttura. Ehi, che credi che ci voglia ora per esser nobile barone? Due soldi, i fessi, una pretesa ed il bastone. Però ehi, c’è un’altra cosa: se non sei un furfantone, se non sei una mezza rapa, tu non sei un gran barone. Non voglia Iddio dal basso qualche gradino abbia salito: (è ancora) più vanitoso, più bavoso, più smargiasso e screanzato.

Irannezzuse sendsa mèrete,
Ce la ndosce lu vavòne!
Valla trúve la sustandse!
Fra li pprete lu chiangòne.

Ma tu vite cché ppretenne
Ogni ppízze de baròne:
T’adda fótte, t’adda mbenne
E lli mmene l’â vasé.

Nò, nen de scandaleddsé.
È la legge lu bbaròne:
Cchiù jè turse e mascaldsòne
E cchiù l’à’ da respetté.

Lu vurrisse desprezzé?
Mére a tè, cumbé Calù!
Scètte vambe, scètte féle
È na bbelve, nu ddsulù.

Altezzoso senza merito, si gongola il bavoso! Va’ a cercarla la sostanza! Fra i sassi il sasso grande. Ma tu vedi che pretende ogni pezzo di barone: deve fotterti, impiccarti e le mani hai da baciargli. No, non scandalizzarti. È la legge del barone: più è stupido e mascalzone e più devi rispettarlo. Vorresti disprezzarlo? Povero te, compar Michele! Butta fuoco, butta fiele, è una belva, uno zulù.

Arrogande e preputende
Pe li bbúne e lli pezzínde;
Serve unduse, cumbiacende
Pe li triste e lli putínde.

Ca te fé’ li fatte tue?
T’adda sembe tazzeché:
«L’ú’ capisce, sì o nò,
Allu munne chi ce sté?»

Pigghie mo ssu don Pipicchie!
Cché vvassale! cché mmarchèse!
Jisse sbatte lu bbastòne,
C’è zelete lu pajèse!

Te scappídde a don Papagne.
– Píndse accome â saluté –
Se nn-è jogge sarà cré,
Sótte a jisse â capeté.

Arrogante e prepotente con i buoni ed i pezzenti; servo viscido, compiacente con i malvagi ed i potenti. Tu ti fai i fatti tuoi? Deve sempre stuzzicarti: «Lo vuoi capire, sì o no, al mondo chi comanda?» Prendi ora questo don Pipicchio. Che vassallo, che marchese! Lui batte il bastone, se la fa sotto tutto il paese! Ti scappelli a don Papagno. – Pensa a come salutare – Se non è oggi sarà domani, sotto di lui capiterai.

Jàlete o vasce u pustecídde,
Ce la pigghie da padròne:
Favurime lu cappídde
E frechéme lu cafòne.

Ggire, passe, torne… Scandse
Fine a quanne pú’ scandsé;
Strete strétte: sembe nnandse.
Cume pú’ nen dsaluté?

Nu salute sendse inghine,
Nu salute che nen fé’,
Se nen dsi’ pure baròne,
Quanda uuéie te pó ddé!

Fosse sckitte plu salute,
Tande mele nen dsarrije!
Ce sté spisse u cundrebbute…
Ma cché bbrutta malatije!

Alto o basso il posticino, si comporta da padrone: aiutiamo il galantuomo e freghiamo il contadino. Gira, passa, torna… Scansa fino a quando puoi scansare; strada stretta: sempre davanti. Come puoi non salutare? Un saluto senza inchino, un saluto che non fai, se non sei anche tu barone, quanti guai ti può dare! Fosse solo per il saluto, tanto male non sarebbe! Ci sta spesso il contributo… Ma che brutta malattia!

Statte attínde a don Pasticce.
N-ge sté mostre cchiù ffetende,
Cchiù te scazze e tu pezzende,
Cchiù alli píte l’â strescié.

Vite a cudde quand’è bbúne
N-dsine a cché sté ngenucchiete?
Nen de fé troppe vecine,
Se ce jàleze si’ ffrechete!

Falezòne nnandse a Ddije?
Prevelegge de baròne!
Pó arrubbé, tradì, accite…
Prima còse: releggiòne!

Ecche belle e assecurete
Poste nderre e poste ngíle:
Cché ppendseme e cché ffacime,
Sime assòlete e perdunete.

Stai attento a don Pasticcio. Non c’è mostro più malvagio, più ti schiaccia e più impotente ai suoi piedi hai da strisciare. Vedi quello quanto è buono fino a quando è inginocchiato? Non gli stare assai vicino, se si alza sei fregato! Ipocrita innanzi a Dio? Privilegio di barone! Può rubare, tradire, uccidere… Prima cosa: religione! Ecco bello e assicurato posto in terra e posto in cielo: qualunque cosa pensiamo o facciamo, siamo assolti e perdonati.

Propie nen ge credarrisse!
Clu rusarie fra li dite
– Lu surrise, lu salute –
Cove surde li pendite.

Ce cunfesse, ce cummòneche,
Sembe prónde allu precette;
E cché l’àneme, la tene?
Sembe sporche, sembe nfette!

E aspette aspette aspette
Se te pote muzzuqué:
L’aspre surde, se ce mitte
Na pedete adóue sté.

Vite adóue pó arrevé
Mo na vèstia fursennete:
A servìrece de la fède,
Pe pputì megghie nganné!

Proprio non ci crederesti. Con il rosario tra le mani – il sorriso, il saluto – cova sordo la vendetta. Si confessa, si comunica, sempre pronto al precetto. E che, l’anima, ce l’ha? Sempre sporco, sempre infetto! E aspetta, aspetta, aspetta il momento per morsicarti, come l’aspide sordo, se metti il piede dove egli sta. Ora vedi a cosa arriva una bestia forsennata: a servirsi della fede per poter meglio ingannare!

Trúve quallu satanasse
Quissi ccòse sepe fé:
Sepe tanda cattevèrie
Surredenne vumeté.

Ce sté nghiastre cchiù abbiette?
Ce vernice a sandetà
E te léve ogni ssuspette.
Tende la… Devenetà!

Ggésù! quanda nera fógne
Ngúrpe ammócce ssu sajette!
Chi lu pote puleddsé!
Buddsecòne arceperfette!

Ih cché tterre ricche e irasse
Quéssa terre ch’è la nostre,
Se preduce, se nutrisce
Ssi carúfele accussì mmostre!

Trova quale satanasso queste cose sappia fare: lui sa tante cattiverie sorridendo vomitare. C’è un essere più abietto? Si vernicia di bontà e ti toglie ogni sospetto. Tenta la… Divinità! Gesù, quanta nera fogna cela in corpo questo diavolo! Chi pulirlo potrà mai? Bacchettone arciperfetto! Oh che humus ricco e grasso questa bella terra nostra, se produce ed alimenta bellimbusti sì malvagi!

Bbaste sckitte ss’annemele
Tanda ggende a screstianì:
Quanne more ss’annemele
Nd’a cché nfírne avradda scì?

Mo chi è nu don Menuzze?
Na sckefije, ddsère, nínde.
Ehi demonie, senza dínde,
Pure sepe muzzuqué.

E quíss’ati bbarunastre,
Don Pipì e don Purcè?
Sembe a cacce de na frùsckule
Da spenné o da scurcé.

Tutte ngúdde a cussu ciucce:
Cussu pòpele pacejendsuse,
Fatiatòre, temuruse,
Fatte apposte p’abbusckué.

Basta solo questo animale a scristianizzare tanta gente: quando muore questo animale in quale inferno egli andrà? Or cos’è un don Minuzzolo? Un bruscolo, zero, nulla. Ehi demonio!, senza denti, eppur riesce a morsicare. E codesti baronastri, don Pipì e don Porcello? Sempre a caccia di una preda da spennare o da scuoiare. Tutti addosso a questo ciuco: questo popolo paziente, laborioso, timoroso, fatto apposta per buscarle.

Ma pecché Segnòre Ddije,
Tanda iradsie ce vulève?
Cudde sótte a san Mechele
Nn-avastève e ce avandsève?

Sande, artéfece, poète…
Tu despíndse, ggeneruse;
Sckitte acquà sembe bbarune!
Patratè, si’ ddespettuse.

Gnune pendse cèrtamènde:
Tutte quissi bbarunune,
Sembe ndsímbre cullejete,
Nen li pó ’ttucqué nesciune.

È nu bbelle scjuquarídde!
Ce devèrtene i bbarune!
O sò ffésse o sò ccechete
Ind’a ssi chiere de lune!

Ma perché, Signor Iddio, tanta grazia? Quello sotto san Michele non bastava o ne restava? Santi, artisti, poeti… tu dispensi, generoso; solo qua sempre baroni! Padreterno, sei dispettoso. Ognuno pensa certamente: tutti questi gran baroni, sempre insieme congregati, non li può toccar nessuno. È un bel divertimento! Se la spassano i baroni. Faccio il fesso oppure il cieco in questi bei chiari di luna!

Mbè, decime ’a veretà:
U bbaròne, ch’è bbaròne,
Troppe fine nem bó jèsse;
Nen gapisce ’a lezzejòne.

Sckitte c’allu ndrétepéte,
Cché sckefézze li bbarune!
«Ma chi à ffatte mé nu mele?!
Chi à ttenute mé bbastune?!»

Cché tte pére u scjuquarídde?
Ss’ajenucce de bbarune
T’ànne accise, puuerídde!
Vonne fótte allammecciune!

Fèudalìsme, Mèdioève!
Cché ddesdétte! cché ppucquete!
Nu pajèse accussì irússe
È rumese tande ndrete!

Bbe’, diciamo la verità: il barone, che è barone, troppo fino non può essere; non capisce la lezione. Solo in quanto a voltafaccia, bello schifo sti baroni! «Ma chi ha fatto mai del male?! Chi ha tenuto mai bastone?!» Che ti pare il giocherello? Questi agnelli di baroni ti hanno ucciso, poveretti, di nascosto voglion fottere! Feudalesimo, Medioevo! Che disdetta! che peccato! Un paese così grande è rimasto tanto indietro!

Povre a ttè. Quísse sò cchiéje,
Vedatille a vune a vune:
La mesèrie, l’ignorandse,
La pavure e lli bbarune.

Mala chiande quéssa chiande!
Mere addòu alligne e sté!
È l’indsidie, la jatture,
È la vite che nen vé.

La fregnete è ca ssi prise,
Che vonn’esse sckitte mbise,
Ssu paèse sendsa nese
L’accarézze e ce li vese.

La mesèrie, l’ignorandse,
Tanda povre e poca ricche,
La pavure, li bbarune:
L’asenídde de Zelicche!

Povero te. Queste son piaghe da curare a una a una: la miseria, l’ignoranza, la paura e i baroni. Mala stirpe questa pianta! Guai dove alligna e sta! È l’insidia, la iattura, è la vita che non va. La stoltezza è che i fetenti, buoni solo da impiccare, questo paese senza naso li accarezza e se li bacia. La miseria, l’ignoranza, tanti poveri e pochi ricchi, la paura ed i baroni: l’asinello che smagrisce!

Jàleze l’úcchie. Cché nne vite?
Dal Gran Sasso al Salentino
Qua l’Adriatico lucente,
Là la Puglia e l’Appennino!

Tanda terre e tanda mere
Te li uarde da segnòre:
Tíne tutte sótte a ttè;
È nu plàsteche a chelòre!

E te sínde ann’atu munne
Ch’ogni mmele fé scurdé:
Pece, altézze, libbértà…
Si’ ffelice e nne llu sé’.

Ngradsie a Ddije ca ce sté
Tanda cíle e tanda viste!
Quanne propie ne rresiste,
Uarde atturne e pú’ ccambé.

Alza gli occhi. Cosa vedi? Dal Gran Sasso al Salentino, qua l’Adriatico lucente, là la Puglia e l’Appennino! Tanta terra e tanto mare, te li guardi da signore: tieni tutto sotto gli occhi; è un plastico variopinto! E ti credi in un bel mondo che ogni male fa scordare: pace, altezza, libertà… Sei felice e non lo sai. Grazie a Dio che ci stanno tanto cielo e tanta vista! Quando proprio non resisti guardi attorno e sopravvivi.

_____

Tratto, con adattamenti, da Giovanni Di Jasio, Li ccummere, Monte Sant’Angelo (Fg), La Favola, 1961, 2ª ed. accresciuta, priva di traduzione.

Annunci

Un pensiero riguardo “Dialetto di Monte Sant’Angelo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...