Dialetto di Foggia

distributori-umica-foggiaGIANNI RUGGIERO

Giornalaio foggiano dotato di passione e amore per le tradizioni della sua città, scrive poesie e canzoni e si diletta come attore e regista di teatro. Collabora a “Il Mattino di Foggia e Provincia”. Ha pubblicato: Mè Giuà, accunde accunde (“Dài Giovanni, racconta racconta”, Foggia, L’Editrice Srl, 2006), munito di cd con poesie recitate da attori vari; M’é mìise l’ucchie ngulle (“Mi hai messo gli occhi addosso”, ivi 2007); U sole garde i titte (“Il sole brucia i tetti”, Foggia, Arti Grafiche Gitto, 2010); Pe’ chi nen tene memorije (“Per chi non ha memoria”, ivi 2010); e successivamente Un viaggio nei ricordi e nelle tradizioni foggiane. Modernamente libero da canoni metrici, se non per l’irregolare presenza di rime e assonanze, segue il suo pensiero di amorevole figlio della sua terra, attingendo alla memoria e abbandonandosi a una disinvolta vena narrativa. Si riporta, da U sole garde i titte, la poesia sui bombardamenti di Foggia.

Estate 1943

Nu trúnele forte forte
scummogghie ’a terre da sotte.
Nò, ne nn-èi u tarramote, ammaghëre,
sò bombe ché càdene, a cendenëre.
E pòrtene destruzzione e morte,
accussì cumme càpete,
andò cogghia cogghie.
Càdene i bombe e tande,
pàrene menëte a despítte
andò nge accocchie nínde,
vecine i Marcelline, a via Arpe,
accúste i Trè Arche,
piazza Battiste fatte a granöne,
u Tiatre se salve a stende,
pure l’Arche de Sammechele
pe meràchelë ne nghëde nderre.
N’ata mëne cchiù döpë ce ha penzëtë
e ha fenütë l’òpere
ché ’a guerre avève accummenzëte.
Mmídze e’ viche stritte,
arrete u Munecipie,
sole meserie e fëme
l’ha lassëtë múrte e accise.
’A Ville ch’i chelonne spezzëte,
piazza Lanze che cchiù de nu palazze scuffulëte,
via Nàpele, via San Lorenze
e tand’ati poste ché mò n’i tenghe a mende.
D-a Stazzione i’ ne mbarle e se capisce
e manghe d’u cambe d’aviazzione.
’A guerre èie guerre,
fëce u mestíre suie,
te vole ch’i röte nderre,
ma quanda múrte sotte ê macerie…
e l’ate sperze p’i cambagne,
múrte sotte ’a metraglie.

Si aviva murì, si’ múrtë.
Se si’ remastë vive
t’u púrte apprísse stu recorde
nzine ê lùteme júrne.

Estate 1943. Un tuono forte scopre la terra da sotto. No, non è un terremoto, magari, sono bombe che cadono, a centinaia. E portano distruzione e morte, così dove capita, a casaccio. Cadono le bombe, e tante, sembrano lanciate per dispetto, anche dove non c’entra niente, vicino alle Marcelline, a via Arpi, di fianco ai Tre Archi, piazza Battisti ridotta in briciole, il Teatro si salva a stento, anche l’Arco di San Michele per miracolo si salva. Un’altra mano in seguito ci ha pensato e ha finito l’opera che la guerra avava cominciato. In mezzo ai vicoli stretti, dietro il Municipio, solo miseria e fame li ha lasciati morti uccisi. La Villa con le colonne spezzate, piazza Lanza con più di un palazzo caduto, via Napoli, via San Lorenzo e tanti altri posti che ora non mi vengono in mente. Della stazione non parlo, e si capisce, e nemmeno del campo d’aviazione. La guerra è guerra, fa il suo mestiere, ti vuole con le ruote a terra, ma quanti morti sotto le macerie… e gli altri dispersi per le campagne, morti sotto la mitraglia. Se dovevi morire, sei morto. Se sei rimasto vivo, te lo porti appresso questo ricordo fino all’ultimo giorno.

______

La trascrizione in grafia DAM (scarica il manuale) è fatta dalla voce dell’autore, in Estate 1943, che presenta qualche variante rispetto al testo di U sole garde i titte (pp. 10-11).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...