distributori-umica-foggiaGIANNI RUGGIERO

Giornalaio foggiano dotato di passione e amore per le tradizioni della sua città, scrive poesie e canzoni e si diletta come attore e regista di teatro. Collabora a “Il Mattino di Foggia e Provincia”. Ha pubblicato: Mè Giuà, accunde accunde (“Dài Giovanni, racconta racconta”, Foggia, L’Editrice Srl, 2006), munito di cd con poesie recitate da attori vari; M’é mìise l’ucchie ngulle (“Mi hai messo gli occhi addosso”, ivi 2007); U sole garde i titte (“Il sole brucia i tetti”, Foggia, Arti Grafiche Gitto, 2010); Pe’ chi nen tene memorije (“Per chi non ha memoria”, ivi 2010); e successivamente Un viaggio nei ricordi e nelle tradizioni foggiane. Immune da norme grammaticali e libero da canoni metrici, se non per l’irregolare presenza di rime e assonanze, segue il suo pensiero di amorevole figlio della sua terra, attingendo alla memoria e abbandonandosi a una disinvolta vena narrativa. Si riporta, da U sole garde i titte, riscrivendola, la poesia sui bombardamenti di Foggia.

Estate 1943 (*)

Nu trúnele forte forte
scummogghie ’a terre da sotte.
Nò, nenn-èi u tarramote, ammagare,
sò bbombe ché càdene, a cendenare.
E pòrtene destruzzione e morte,
accussì cumme càpete,
andò cogghia cogghie.
Càdene i bbombe, e tande,
pàrene menate a despítte
andò n-ge accocchie nínde,
vecine i Marcelline, a via Arpe,
accúste i Trè Arche,
piazza Bbattiste fatte a granone,
u Tiatre se salve a stende,
pure l’Arche de San Mechéle
pe mmeràchele nen-gade nderre.
N’àta mane cchiù ddope ce à ppenzate
e à ffenüte l’òpere
ché ’a guerre avève accummenzate.
Mmí·z·ze ê viche stritte,
arrét’u Munecipie,
sole mesèrie e fame
l’à ’llassate múrte e accise.
’A Ville ch’i chelonne spezzate,
piazza Lanze che cchiù de nu palazze scuffulate,
via Nàpele, via San Lorenze
e tand’àti poste ché mò n-i tenghe a mende.
Dâ Stazzione i’ nem-barle e se capisce
e manghe d’u cambe d’aviazzione.
’A guerre èje guerre,
face u mestíre suje,
te vole ch’i rote nderre,
ma quanda múrte sott’ê macèrie…
e ll’ate sperze p’i cambagne,
múrte sotte ’a metraglie.

Si aviva murì, si mmúrte.
Se si rremaste vive
t’u púrte apprísse stu recorde
nzin’ê lùteme júrne.

Estate 1943. Un tuono forte scopre la terra da sotto. No, non è un terremoto, magari, sono bombe che cadono, a centinaia. E portano distruzione e morte, così dove capita, a casaccio. Cadono le bombe, e tante, sembrano lanciate per dispetto, anche dove non c’entra niente, vicino alle Marcelline, a via Arpi, di fianco ai Tre Archi, piazza Battisti ridotta in briciole, il Teatro si salva a stento, anche l’Arco di San Michele per miracolo si salva. Un’altra mano in seguito ci ha pensato e ha finito l’opera che la guerra avava cominciato. In mezzo ai vicoli stretti, dietro il Municipio, solo miseria e fame li ha lasciati morti uccisi. La Villa con le colonne spezzate, piazza Lanza con più di un palazzo caduto, via Napoli, via San Lorenzo e tanti altri posti che ora non mi vengono in mente. Della stazione non parlo, e si capisce, e nemmeno del campo d’aviazione. La guerra è guerra, fa il suo mestiere, ti vuole con le ruote a terra, ma quanti morti sotto le macerie… e gli altri dispersi per le campagne, morti sotto la mitraglia. Se dovevi morire, sei morto. Se sei rimasto vivo, te lo porti appresso questo ricordo fino all’ultimo giorno.

(*) La o in sillaba libera di parola piana è alquanto turbata (granöne). La non accentata in sillaba libera di parola piana ha un suono che oscilla tra [ä] e [å].

Il testo, adattato dalla voce dell’autore, si trova in Estate 1943, che presenta qualche variante rispetto al testo di U sole garde i titte (pp. 10-11).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...