Koinè abruzzese

Pescara_-_foce_del_Fiume_pescara_e_torre_municipio

Pescara

OTTAVIANO GIANNANGELI

È nato a Raiano (L’Aquila) nel 1923. Vive a Pescara, dove ha insegnato Lingua e letteratura italiana presso l’Università “Gabriele D’Annunzio”, occupandosi anche di critica letteraria. Ha fondato e condiretto la rivista “Dimensioni”. È poeta in lingua e in dialetto. Ha pubblicato: Lu libbre d’Ottavie (Sulmona, 1979); Arie de la vecchiaie (Nova Italica, Pescara 1989); Lettera alla posterità in “L’Italia sotto sequestro” (ivi 1990); Litanie per Marin ed altri versi in abruzzese, in “Diverse Lingue” (n. 10, 1991).

Ze Piétre

La mane a scrive
e nna récchie a ssendì, quàsce appundite,
da l’orte nu rendocche,
na canzone senz’arie, lenda lende,
sole nu muvemende
che më vé da lundane:
nu cólpe appress’all’atre de bbidende.
Ecche, è zë Piétre,
lu patre de nanonne che ss’è muortë
che i’ ndeneve n’anne:
ma mo pecché me chiame?

Ha fenite na lésche,
e ll’accorde se férme
(s’acquete pure scta canzona me’),
s’assuche lu sudore,
e rabbassë la schine, e recumenzë
(e purë scta canzone recamine),
e surridë ca m’ha recunusciute…

Zio Pietro. La mano a scrivere / e un orecchio a sentir, quasi appuntito, / un rintocco dall’orto, / senz’aria una canzone, lenta lenta, / soltanto un movimento / che mi vien da lontano: / un colpo dietro all’altro di bidente. / Ecco, è zio Pietro, / il padre di mia nonna che morì / ch’io non avevo un anno: / ma perché ora mi chiama? // Ha ultimato una fetta di terreno, / e l’accordo si ferma / (si acquieta pure questa mia canzone), / si asciuga il sudore, / e riabbassa la schiena, e ricomincia / (e anche questo mio canto ricammina), / e sorride, ché mi ha riconosciuto…

[E i’ penze a nnu sècule]

E i’ penze a nnu sècule,
a mill’annë che angore anna menì,
a nnu nepote che më rechenóSce,
none pe sanguë e manghë parlature,
ma sole pe sct’accorde che remanë
quande s’hanne perdute le parole,
nu dumane lundane…

Ed io penso ad un secolo, / a mille anni che debbono venire, / ad un nipote che mi riconosce, / non per sangue e nemmeno parlatura, / ma solo per questo accordo che rimane / quando si son perdute le parole, / un domani lontano… (Trad. dell’autore)

Mmernate senza neve

Mmernate senza neve, e nn-ha piuvute
pe niendë a primaverë.
Scarze l’annate,
cagnate le staggiune:
ce scta chi ha semendate
e chë nönn ha metute.
La spighe nönn ha mpite
(vedive scta campagne
tutta quanda ngiallite).

E i’ pàggene e pàggenë aje scritte,
aje raccute du’ vierze solamende:
me je recape, me je tienghe stritte,
je lasse a nn’atru tiempe pe semendë…

Invernata senza neve Invernata senza neve, non è piovuto / per niente a primavera. / Scarsa l’annata, / cambiate le stagioni: / ci sta chi ha seminato / e che non ha mietuto. / La spiga non ha empito / (vedevi questa campagna / tutta quanta ingiallita). // Pagine sopra pagine io ho scritto, / ho raccolto due versi solamente: / me li trascelgo, me li tengo stretti, / li lascio a un altro tempo per semente… (Trad. dell’autore)

[A tti che vvú sapéie]

«A tti che vvú sapéie
chéscte frasette fine…»
(Nonne sta ascise alloche
accande allu camine.)
«… p’ammendà le canzune
pe ffà sendì alla ggende…»
(Se sende pe lla cappe
n’adzuneià de viende.)
«… ecche na bbella cose
che m’àjë recurdate…»
(La cose tra la vampe
s’è bbelle che scrijate.)

«A te che vuoi sapere / queste frasette fini…» / (Nonna è seduta lì / a un lato del camino.) // «… per inventar canzoni / da far sentire a gente…» / (Si sente per la cappa / un ronzare di vento.) // «…ecco una bella cosa / che mi sono ricordata…» / (La cosa tra la vampa / bel bello si è screata.) (Trad. dell’autore).

[E caminë camine]

E caminë camine
mmedz’a cchéscta restóppela pundute,
e cchiù nön te recuórde
(tiempe lundane,
dope nu mese appene), tra lu grane,
sótt’a cchél’ora calle,
i fiuritte turchine,
tutte na seta ggialle,
lu papambre che addòpie piane piane.

E cammini cammini / in mezzo a questa stoppia che ti graffia, / e più non ti ricordi / (tempo lontano, / appena dopo un mese), di tra il grano, / sotto a quell’ora calda, / i fioretti turchini, / tutta una seta gialla, / il papavero che ti assonna, piano. (Trad. dell’autore)

__________

I testi vengono trascritti in grafia DAM (scarica il manuale) dalla viva voce dell’autore, che, per sua scelta, non usa il proprio dialetto, quello di Raiano – di cui ha vivida memoria e competenza linguistica –, ma la koinè abruzzese.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...