La vadda de Stignane

Un canto autoctono di San Marco in Lamis

La vadda de Stignane chiena de ròse,
passa lu ninne mija e ce repòsa.

La vadda de Stignane chiena d’amenda,
passa lu ninne mija e ce allamenda.

La vadda de Stignane chiena de hiure,
passa lu ninne mia a cavadde lu mule.

La vadda de Stignane chiena de spine,
passa lu ninne mia, canda e suspira.

La vadda de Stignane chiena d’ardica,
passa lu ninne mija e dice: Arrive.

Lu ninne mia iè tandë nu giaiande,
porta li saccuccine sembe vacande.

Lu ninne mia iè tandë nu spaccone,
porta li pezze ngule allu cavezone.

Lu ninne mia ce chiama Sanacòre…
sana stu còre mia ché sta ferite.

Uh ché mm’ha fattë giugne tradetore!
Lu ninne mia ’n Pugghia ce lu jode.

Ne l’héi mannate gghianghe come lu latte,
me l’ha mannatë tutte cótte de sole.

Mena la vureietta e mena fréscca,
refréscca lu ninne mia inde la pezza.

Lu patrone sta sembe arrajate,
dice ché iè stata córta la jurnata.

Vurrìa sapé adova iara cu lla jumenda,
mo ne lu mannarrìa nu mazze d’amenda.

Sembe la via la Pugghia tégne a mende,
da ddà adda menì lu mio care amande.

Isse me pare e ghjisse no më pare,
isse me pare dalla cammenatura.

Lu vi’, lu vi’, lu vi’, spónda lu sole,
spónda lu ninne mia, chelonna d’òre.

La valle di Stignano. La valle di Stignano piena di rose, / passa il mio ragazzo e si riposa. // La valle di Stignano piena di menta, / passa il mio ragazzo e si lamenta. // La valle di Stignano piena di fiori, / passa il mio ragazzo sopra il mulo. // La valle di Stignano piena di spine, / passa il mio ragazzo, canta e sospira. // La valle di Stignano piena di ortica, / passa il mio ragazzo e dice: Arrivo. // Il mio ragazzo sembra un gigante, / porta le tasche sempre vuote. // Il mio ragazzo è proprio uno spaccone, / porta le toppe al culo dei pantaloni. / … // Il mio ragazzo si chiama Sanacuore… / sana questo mio cuore che è ferito. // Ah che mi ha fatto giugno traditore! / Il mio ragazzo nella piana se lo gode. / … // Gliel’ho mandato bianco come il latte, / me lo ha rimandato cotto dal sole. / … // Soffia il borino e porta la frescura, / rinfresca il mio ragazzo nella pianura. / … // Il padrone sta sempre arrabbiato, / dice ch’è stata corta la giornata. / … // Vorrei sapere dove ara con la giumenta, / ora gli manderei un mazzo di menta. / … // Sempre verso la piana sto a guardare, / di là ritornerà il mio amore. / … // Mi sembra lui e non mi sembra lui, / dall’andatura mi sembra proprio lui. / … // Eccolo, eccolo, eccolo, spunta il sole, / appare il mio ragazzo, colonna d’oro. // …
___________
Il canto, trascritto in grafia DAM (scarica il manuale), viene tradotto e riportato solo in parte. Per la versione integrale si rinvia a: Grazia Galante, “La vadda de Stignane” e altri canti popolari di San Marco in Lamis, prefazione di Raffaele Nigro, trascrizione musicale di Michelangelo Martino, mastering AMP Studio di Ciro Iannacone, Bari, Levante editori, 2015.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...