Giovanni Tesio, «Sonèt» XXXII

Giovanni Tesio-797409

Da G. TESIO, Stantesèt Sonèt, pref. di Lorenzo Mondo, postfaz. di Albina Malerba, Torino, Centro Studi Piemontesi / Ca dë Studi Piemontèis, 2015

[’D santor ch’a spatara la prima]

’D santor ch’a spatara la prima
se la tera as dëscàussa e as dësbogia
a s’arneuvo ’d cassin-a ’n cassin-a
mës-cià al condiment ëd la drugia.

Ij trator ch’a përfondo ant la tera
e ch’ampasto la mòrt con la vita
a smija squasi ch’a fasso la guera
a la tëppa antramentre ch’a gita.

Përfum fros con ëd fianta vachin-a
a së spantio dantorn bin bondos
ant la sèira da comba ’d colin-a.

E mi ’n gòdo an cost’ora molsin-a
tut ël bon ëd j’arson pì fiairos
ch’a s’ëncontro për l’aria anfantin-a.

Sentori che la primavera spande/ se la terra viene scalzata e smossa/ si rinnovano di cascina in cascina/ rimescolati al condimento del letame.// I trattori che affondano nella terra/ e impastano la morte con la vita/ sembra quasi che facciano la guerra/ alle zolle nel momento in cui cominciano a germogliare.// Profumi truci con fatte di vacca/ si spandono tutt’intorno abbondanti/ nella sera da valletta di collina.// E io godo in quest’ora tenera/ tutto il buono delle risonanze più puzzolenti/ che s’incontrano per l’aria che richiama l’infanzia.

Versione in dialetto apulo-foggiano

[La iere de la primavere]

La iere de la primavere
se la terre ce spacche e revòlete
tórre tórre ce spanne e retorne
ammescchete allu cúnze u fumíere.

I tratture affunnenne ndla terre
e mbastenne la vite pla morte
assemigghie ca fanne la huerre
a lli ttappe de terre che spòrchiene.

Iere turde e presete de vacche
mo ce spànnene atturne nu sccacche
nde la sèire da conghe pendune.

E m’audèisce nd’a ss’òra cenete
tutt’u búne de l’ecche appestete
de quédd’arie che ièume uagnune. (*)

Il sentore della primavera/ se la terra è spaccata e rivoltata/ di cascina in cascina si spande e ritorna/ mescolata al condimento del letame.// I trattori affondando nella terra/ e impastando la vita con la morte/ sembra che facciano la guerra/ con le zolle di terra che germogliano.// Profumi truci e fatte di vacca/ si spandono intorno un bel po’/ nella sera da conca di colline.// E mi godo in quest’ora morbida/ tutto il buono dell’eco puzzolente/ di quell’aria ch’eravamo bambini. (Francesco Granatiero)

____

(*) Trascrizione in grafia DAM. Scarica il manuale Scrivere la lingua madre.

Annunci

One thought on “Giovanni Tesio, «Sonèt» XXXII

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...