Dialetto di Roseto Capo Spulico

DANTE MAFFIA

Nato a Roseto Capo Spulico (Cs) nel 1946, vive a Roma. Poeta, narratore e saggista dai molteplici interessi. Ha fondato varie riviste. Collabora alla rubrica dei libri per RAI 2. Ha pubblicato una trentina di raccolte di poesia in italiano, molte tradotte anche all’estero.
In dialetto ha dato alle stampe: A vite i tutte i júrne, Carte Segrete, Roma 1987; U Ddìje poverìlle, Scheiwiller, Milano 1990; I rúspe cannarute, ivi 1995; Papaciòmme, Marsilio, Venezia 2000.
Come critico si è occupato anche di poesia in dialetto: La barriera semantica, scritti sulla poesia in dialetto del Novecento, Scettro del Re, Roma, 1996. Dalla vasta bibliografia critica si citano i nomi di C. Bo, M. Cucchi, G. Ferroni, A. Piromalli, G. Raboni, G. Spagnoletti, L. Reina, F. Loi, C. Magris, A. Stella.
Le traduzioni sono dell’autore.
I testi vengono trascritti seguendo la pronuncia dell’ins. Anna Maria Perla, originaria di Roseto Capo Spulico, ma vivente a Trebisacce (CS).

I cunte menute

Non jède u scùreche dâ sère,
non jède u tarle
che s’è ncazzète,
ch’è spapazzète
gh-inne e cervílle; pure ji
me ne stèghe mpauruse
a parlè d’i cunte cchiù mmenute:
singhe supe all’acque ca càngede
i meràcue, i capille mie
sscìnnene duce duce
nt’u piatte, i pèrghe,
o a nn’èta bbanne jède u vúscke
che fè sapè de na vurracchie
che s’è spusète cu gghiìlle.

I particolari. Non è l’oscurità della sera, non è il tarlo che s’è arrabbiato, che ha spappolato legna e cervello; pure io me ne sto pauroso a parlare di particolari: sono sull’acqua che muta i miracoli, i miei capelli scendono piano piano nel piatto, li perdo, o in un altro luogo è il bosco che fa sapere di una rana che si è sposata con lui. (Da A vite i tutte i júrne)

’A storie arrubbète

Oimmène, an tròve cchiù
’a storia mèie,
s’ane frechète i saracine,
è rrumaste ntâ cantine
a se fè cite?
O mpàreche chè n-ce sune
storie pe nnesciune e tutte
sime vínte i na sère,
segliuzze i nive
rùjete i primavère.

La storia rubata. Ohimè, non trovo più la mia storia, se la sono fregata i saraceni, è rimasta in cantina a farsi aceto? O forse non ci sono storie per nessuno e tutti siamo vento di una sera, singhiozzo di neve, rumore di sottofondo della primavera. (Da I rúspe cannarute)

Carusílle

U prime ammucce ammucce
pétrecílle i mère cug-uerète
che s’i mettìje nt’all’acque
repegliàvene bbellizze, se nò
stévìne pòvere testemonie
a cannejè. Còme doppe
ègge addeventète quilli pètre
ann u sacce chèpìsce:
se ce si’, se si’ g-acque
ji singhe curre ’a vite, se nò,
scùreche, respire curte, chiatre.

Salvadanaio. La prima collezione pietruzze di mare colorate che se le mettevo nell’acqua ripigliavano bellezza, se no stavano poveri testimoni a languire. Come poi io sia diventato quelle pietre non riesco a spiegarmelo: se ci sei, se sei acqua io sento fluire la vita, se no, buio, respiro corto, ghiaccio. (Da I rúspe cannarute)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...