Dialetto di Tursi

AlbinoPierro - CopiaALBINO PIERRO

Nato a Tursi (Mt) nel 1916, nel 1939 si trasferì a Roma, dove insegnò storia e filosofia nei licei. È morto a Roma nel 1995.

Dopo otto volumi di poesia in lingua, passò al dialetto del suo paese natale pubblicando con Laterza, Garzanti, Scheiwiller, Mondadori, Einaudi e altri editori una quindicina di libri, ora raccolti in Albino Pierro : Tutte le poesie, edizione critica secondo le stampe a cura di Pasquale Stoppelli, Salerno, 2 voll., Roma 2012.

La poesia ’A Ravatène, con traduzione dell’autore, è tratta da ’A terra d’u ricorde, Il Nuovo Belli, Roma 1960.

’A Ravatène

            Cche ce arrevè a la Ravatène
se nghiànete ’a petrizze
ca pàrete na schèha appuntellète
anna timpa sciullète.

            Quann’u tempe è ssencíre,
nturne nturne ’a terra d’i jaramme
ce ’ampìjete a lu sóue cum’u specchie,
e quanne se fè nnotte c’è nnu frusce
de vente ca s’ammùccete nd’i fosse
e revìgghiete u cucche e ce fè nnasce
nu mère d’èrve.

            Pòure crestiène!
Ce durmìne cch’i ciucce e cch’i purcelle
nd’a chille chèse nivre com’i forchie;
e pure mo lle chiàmene “beduìne”
cc’amore ca su’ ttriste e fène a sgrògnue
a pisccunète e a lème de curtelle.

            C’è aria fine, allèdàvete,                  
quanne vènete ’a stète;
e nun mporte se po’ ce fène ’a fere
e chiàmene u taùte i cuccuuelle:
ll’avèresa verè chille ca fène
i Ravetanese quanne c’è nna zite;
ve ndeppèrese i ricchie cche nnun dsente
catarre manduline e colpescure,
sccamizze de uagnune e d’urganette
e battarije e trone de tammure.

            Ma ié le vogghie bene a’ Ravatène
cc’amore ca c’è mmorte mamma méie:
le purtàrene janche supre ’a segge
cche mmi nd’i fasce com’a nna Maronne
cc’u Bambenelle mbrazze.

            Chi le sàpete u tempe ch’è ppassète…
e nun tòrnete ancore a lu paàzze.

La Rabatana. Per arrivarci alla Rabatana si sale la petrizze [strada irta di pietre] che sembra una scala addossata a una timpa [parete argillosa] in rovina. Quando il tempo è limpido, intorno intorno la terra dei burroni ci lampeggia al sole come lo specchio, e quando si fa notte c’è un fruscio di vento che si nasconde nei fossi e sveglia il cuculo e ci fa nascere un mare d’erba. Poveri cristiani! Ci dormivano con gli asini e coi maialetti in quelle case nere come le tane; e anche ora li chiamano “beduini” perché sono violenti e fanno a pugni a sassate e a lame di coltello. C’è aria fina, lassù, quando viene l’estate; e non importa se poi ci fanno la fiera [strepitano] e chiamano la bara le civette: dovresti vederlo quello che fanno i Rabatanesi quando c’è una sposa; vi otturereste le orecchie per non sentire chitarre mandolini e mortaretti, schiamazzo di ragazzi e di organetti e batterie e tuoni di tamburo. Ma io voglio bene alla Rabatana perché c’è morta la mamma mia: la portarono bianca sopra la sedia con me nelle fasce come una Madonna col Bambinello in braccio. Chi lo sa il tempo che è passato… e non torna ancora al palazzo.

__________

La trascrizione (vedi Scrivere il dialetto) è fatta dalla lettura di un filmato di Nicola Crispino su Youtube

Annunci

Un pensiero riguardo “Dialetto di Tursi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...