AlbinoPierro - CopiaALBINO PIERRO

Nato a Tursi (Mt) nel 1916, nel 1939 si trasferì a Roma, dove insegnò storia e filosofia nei licei. È morto a Roma nel 1995.

Dopo otto volumi di poesia in lingua, passò al dialetto del suo paese natale pubblicando con Laterza, Garzanti, Scheiwiller, Mondadori, Einaudi e altri editori una quindicina di libri, ora raccolti in Albino Pierro : Tutte le poesie, edizione critica secondo le stampe a cura di Pasquale Stoppelli, Salerno, 2 voll., Roma 2012.

La poesia ’A Ravatène, con traduzione dell’autore, è tratta da ’A terra d’u ricorde, Il Nuovo Belli, Roma 1960.

’A Ravatène

            Cche ce arrevè ala Ravatène
se nghiànete ’a petrizze
ca pàrete na schè’a appuntellète
anna timpa sciullète.

            Quann’u tempe è ssencíre,
nturne nturne â terra d’i jaramme
ci ’ampìjete alu sóue cum’u specchie,
e quanne se fè nnotte c’è nnu frusce
de vente ca s’ammùccete nd’i fosse
e revìgghiete u cucche e ce fè nnasce
nu mère d’èrve.

            Pòure crestiène!
Ce durmìne cch’i ciucce e cch’i purcelle
nd’a chille chèse nivre com’i forchie;
e pure mo lle chiàmene “bbeduìne”
cc’amore ca su ttriste e fène a sgrògnue
a pisccunète e a lème de curtelle.

            C’è aria fine, allédàvete,                  
quanne vènete ’a stète;
e nun mporte se po’ ce fène ’a fére
e chiàmene u taùte i cuccuuèlle:
ll’avèresa verè chille ca fène
i Ravetanése quanne c’è nna zite;
ve ndeppèrese i ricchie cche nnun sente
catarre manduline e colpesccure,
sccamizze de uagnune e d’urganette
e bbattarije e trone de tammure.

            Ma ié le vogghie bbéne â Ravatène
cc’amore ca c’è mmorte mamma méie:
le purtàrene janche supre ’a segge
cche mmi nd’i fasce com’anna Maronne
cc’u Bbambenelle mbrazze.

            Chi le sàpete u tempe ch’è ppassète…
e nun tòrnete ancore alu paàzze.

La Rabatana. Per arrivarci alla Rabatana si sale la petrizze [strada irta di pietre] che sembra una scala addossata a una timpa [parete argillosa] in rovina. Quando il tempo è limpido, intorno intorno la terra dei burroni ci lampeggia al sole come lo specchio, e quando si fa notte c’è un fruscio di vento che si nasconde nei fossi e sveglia il cuculo e ci fa nascere un mare d’erba. Poveri cristiani! Ci dormivano con gli asini e coi maialetti in quelle case nere come le tane; e anche ora li chiamano “beduini” perché sono violenti e fanno a pugni a sassate e a lame di coltello. C’è aria fina, lassù, quando viene l’estate; e non importa se poi ci fanno la fiera [strepitano] e chiamano la bara le civette: dovresti vederlo quello che fanno i Rabatanesi quando c’è una sposa; vi otturereste le orecchie per non sentire chitarre mandolini e mortaretti, schiamazzo di ragazzi e di organetti e batterie e tuoni di tamburo. Ma io voglio bene alla Rabatana perché c’è morta la mamma mia: la portarono bianca sopra la sedia con me nelle fasce come una Madonna col Bambinello in braccio. Chi lo sa il tempo che è passato… e non torna ancora al palazzo.

__________

La trascrizione è fatta dalla lettura di un filmato di Nicola Crispino su Youtube

Un pensiero riguardo “Dialetto di Tursi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...