Dialetto di Bugnara (Aq)

VITTORIO CLEMENTE

(Bugnara 1895 – Roma 1975)

76b6239ab3d59e8abf27801967772898_M

Poeta e scrittore di teatro. Durante la Prima guerra mondiale Ardengo Soffici gli affidò la redazione di un foglio di trincea. Fu insegnante elementare e successivamente ispettore didattico. Si occupò di folclore e di letteratura dialettale, in particolare di poesia romanesca e abruzzese.

Opere: Prime canzône, Tip. Abruzzese, Roma 1924; La Madonna Addulerate, Tip. Angeletti, Sulmona 1925; Sia benedetta Roma, in “Strenna dei Romanisti”, Staderini, Roma 1945; Sclocchitte, Gastaldi, Milano 1949; Acqua de Magge, pref. Pier Paolo Pasolini, Edizioni Siciliane, Roma 1952; Tiempe de sole e fiure, Ed. Salvatore Sciascia, Caltanissetta 1955; La Passione di N. S. Gesù Cristo, dai Canti abruzzesi, in “Piazza di Spagna”, Roma 1958; Canzune ad allegrie, Edizioni Quadrivio, Lanciano 1960; Serenatelle Abruzzesi, Edizioni La Carovana, Roma 1965. La sua opera è ora quasi integralmente raccolta in Canzune de tutte tiempe, intr. e trad. di O. Giannangeli, Itinerari, Lanciano 1970.

Oltre a Pasolini, hanno scritto di lui, tra gli altri, G. Caproni, G. Pischedda, E. Giammarco, O. Giannangeli (1958, 1959, 1969, 1970, 1995, 2002), G. Oliva, C. De Matteis, F. Brevini, G. Spagnoletti. È antologizzato da Pasolini-Dell’Arco (Guanda 1952; ora, con prefazione di Giovanni Tesio, Einaudi 1995), Chiesa-Tesio (Mondadori 1984), Spagnoletti-Vivaldi (Garzanti 1991), Brevini (Einaudi 1987, Mondadori 1999).

Per la pronuncia viene intervistato Romeo Colangelo di Bugnara (L’Aquila).

Da Prime canzône

Mmatine d’autunne

Quanda malengunije chéscta mmatine
pe llu ciéle bianghicce, senza cande!
I lla cambagne è trisctë ’mm’a nnu piande,
cumm’a nnu piande doce senza fine…

Càschene lle foglie da le piande
chiane chiane nghe nnu frùsce de trine…
De tande belle rose allu ciardine
o quande spine sò remasctë, quande!

Sò sfiurite lle rose, i chianë chiane
svanìscene glie suónne; éndr’allu core
de la bella sctaggione ce remane

nu recúorde nghe nn’ómbre de dulore…
Na vocia chiara canda da lundane:
Povere amore më’, povere amore!
 
Mattino d’autunno. Quanta malinconia questa mattina / per il cielo bianchiccio, senza canti! / E la campagna è triste come un pianto, / è come un pianto dolce senza fine… // E cadono dagli alberi le foglie / piano piano con un fruscio di trine… / Di tante belle rose nel giardino / oh quante spine son rimaste, quante! // Son sfiorite le rose, e piano piano / anche i sogni svaniscono; entro il cuore / della bella stagione ci rimane // un ricordo, ed un’ombra di dolore… / Canta una voce chiara da lontano: / Povero amore mio, povero amore! // (Trad. di Ottaviano Giannangeli)

Da Sclocchitte

Lu paisitte më’

Ammónde pe lla coscte scta agguattate
lu pajisitte më’ (1) tra gli vignete;
n’atre cchiù biéglie (2) ji ne nn-aje trevate (3)
gerenne pe sctu múnne annanze i arrete.

Tra le vérde (4) de vigne i d’ulivetë
s’affacce a huardà abballe alla vallate
ddó lu fiume se fa tande candate
tra ddu file de piúoppe (5) i dë cannete.

Cande lu Seggettarie (6) frésche i chiarë
i lle uagliune càndene d’amore
mmedzze alla jerve nfiore de lu prate.

Lu pajisitte më’ è biéglie (7) i carë:
ce scta mamma, la casa, lu mio core;
lu cchiù biéglie è dë tutta la vallata.
 
Il paesetto mio. Ammonte per la costa sta agguattato / il paesetto mio di tra i vigneti; /uno più bello non ne ho mai trovato / in giro per il mondo avanti e dietro. // Tra il verde delle vigne e degli ulivi / s’affaccia a guardar giù per la vallata / dove il fiume si fa tante cantate / tra due file di pioppi e di canneti. // Il Sagittario canta, fresco e chiaro, / e le fanciulle cantano d’amore / in mezzo all’erba in fiore delle prata. // Il paesetto mio è bello e caro: / ci sta mamma, la casa ed il mio amore; / il più bello è di tutta la vallata. // (Trad. di Ottaviano Giannangeli)

Nell’originale: 1. mi’; 2. bielle; 3. truvate; 4. lu verde; 5. pioppe; 6. Saggittarie; 7. belle.

Da Tiémbe de sole e fiure

Autunne

A calate de sere
nu fúoche a arde a nna campagna sctese
fine alla fenetòre de lu munne.
I quiglië riglie (1), mbunde d’angunije,
a chiamà da nu funne
de liétte pe scta vije.
Nu filhe (2), appéne, de fiate: cri, cri;
a quanne a quanne.
Ma chi l’o’ sendì?
S’ha fenite lu munne, a luna scite.
 
Autunno. Al calar della sera / un fuoco ad ardere in una campagna / distesa fino alla fine del mondo. / E quei grilli là, in punto di agonia, /a chiamare da un fondo / di letto a questa via. / Un filo, appena, di fiato: cri, cri; / a quando a quando. / Ma chi vuole udirlo? / Il mondo s’è finito, a luna uscita. (Trad. di Ottaviano Giannangeli)

Nell’originale: 1. quille grille. 2. lh = gli di grado tenue.

__________

La trascrizione del poemetto Acqua de magge, capolavoro di Vittorio Clemente, è contenuta in F. Granatiero, Altro volgare. Per una grafia unitaria della poesia nei dialetti alto-meridionali, Milano, La Vita Felice, 2015.

Trascrizione del dialetto di Bugnara secondo la grafia DAM. Scarica il manuale Scrivere la lingua madre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...