Richard Berengarten

Richard 4, Skye, 2003

Richard Berengarten

Strusce

… mo che la pòleve chéde…
                              
Rrè sòule, sccacche a u uise, stambe riéle dlu júrne,
m’attúcche, e lla pedde devende na pedducce d’úcchie,
la spine nu níreve d’úcchie, e u cúrpe mije trèmele
mídze ngecalute da la pisca d’òure che tu spicce
sòup’a ssu mere e a ssa cità, e i’ sò cechetë.
Cqua na vòlete stèvene felere – e angore sacce ca stanne –
de chese e strete, ch’appartenèvene a nn’àleta cità,
nò quéssë c’ha’ ndutte strafurmete.

Nuie cammeneme pla banghine lu púrte. La notte
varche de marnere stanne prónde p’abbeiàrece,
moture sbruffande, lume parafine nde li pprue,
e tutte la cità sté fore a fé lu strusce,
amande a braccíre, e giùvene che fanne i spaccune,
mamme e patre, vagnune che ce màngene u gelete,
vícchie che tremèndene da i taulin’i barre sòupe u cchianghettete,
e i ccoppe scurande che ce mòvene strétte, cume mandre.

Lustròure gendile de la sèire, spannute sòupe a coppe e trasetòure de coste,
u vrazze tue tocche e ne ndocche u mie mo, cume pe scange,
cume a ssa giòvene che me strisce cammenenne de vanne,
fianghe pesande, passe curte e cammenatura ndandeluscjande,
capidde nérie a lla ndrete, vòula delechete e spadde
belle abbrunzete, e ll’aulive brune de l’úcchie sue che rìrene.
Ije te vèive, lustra spascjeddande, cume vine, cume mùseche,
cume i nunnàscjene sue t’hanne vìvete a tè mille e mill’anne.

Cità ch’assurpìsce, u nòume de iésse ièie Eleftheria,
e sepure i mírche tue sonne macchie cecerine nda l’úcchie sue,
angore, a ss’òure che la lustre e i ccadenze la lustre
scjòchene nzuttile mbacce a iésse cume paròule o cande,
sue è lu pussesse andiche de cammené pe ssa banghine
accume stigghie e uardeiene de la lùcia tòue
arrecugghiènnele nd’i puzze de li zzite de l’úcchie,
e sòu, la libbértà predzeiòuse de purtàrete accume na ballarine.

Sèire nemunne amete, lustra andiche de megghiere d’anne,
candande vòucia chiere, amàbbele cume a ssa fémmene,
cume fazze i’ a nn-aduré la iradzie che tu mine
a ssa cità e a ssa gende, na forme
ch’aggarbèisce tutte quédde ch’attocche, lu munne sene?
Ije, se nò citadinë, u schieve tue sò devendetë.
E assarsete da vevìrete tutta quande, ije m’aienghiarrije
ogni vuccuccë de la pedde plu sbiannòure tue, libbértà de iésse. (*)

PASSEGGIATA … ora che la polvere cade… (Seferis) Re sole, gote rosee, conio sovrano del giorno, / mi tocchi, e la pelle diventa pellicola d’occhio, / la spina dorsale nervo ottico, e il mio corpo tremola / mezzo abbagliato dalla pozza d’oro che riversi / su questo mare e su questa città, e io sono accecato. / Qui una volta c’erano file – e ancora so che ci sono – / di case e strade, appartenenti a un’altra città, / non questa che hai completamente trasformato. // Noi camminiamo per la banchina del porto. La notte / barche di pescatori sono pronte per partire, / motori sbuffanti, lumi di paraffina nelle prue, / e tutta la città è fuori per la passeggiata, / amanti sottobraccio, e giovani che fanno gli spavaldi, / madri e padri, bambini che mangiano il gelato, / vecchi che guardano dai tavoli dei caffé sul marciapiede, / e le colline che oscurandosi si avvicinano, come animali amichevoli. // Dolce bagliore della sera, disteso su colline e rientri di costa, / il tuo braccio tocca e non tocca il mio ora, come per sbaglio, / come questa giovane che mi sfiora camminandomi accanto, / fianchi pesanti, passi piccoli e andatura oscillante, capelli neri pettinati all’indietro, gola delicata e spalle / molto abbronzate, e le olive brune dei suoi occhi che ridono. / Io ti bevo, luce sfavillante, come vino, come musica, / come i suoi avi hanno bevuto te mille e mille anni. // Città che assorbi, il nome di lei è Eleftheria, / e sebbene le tue cicatrici siano macchie grigie nei suoi occhi, / ancora, in  quest’ora in cui la luce e le cadenze della luce / giocano sottilmente in faccia a lei come parola o canto, / suo è l’antico possesso di camminare per questa banchina / come strumento e guardiano della tua luce / raccogliendola nei pozzi delle sue pupille, / e sua, la libertà preziosa di condurti come fa una ballerina. // Amatissima sera, luce antica di migliaia di anni, / cantante dalla voce chiara, amabile come questa donna, / come faccio io a non adorare la grazia che infondi / in questa città e in questa gente, una forma / che modella tutto ciò che tocca, il mondo intero? / Io, se non tuo cittadino, lo schiavo tuo son diventato. / E assetato da berti tutta quanta, mi riempirei / ogni boccuccia della pelle con il tuo splendore, libertà di lei. (trad. Francesco Granatiero)

Da Volta
di Richard Berengarten

… now that dusk falls …

King sun, rosy cheeked, day’s sovereign coin,
you touch me, and my skin becomes a cornea,
my spine an optic nerve, and my body trembles
half dazzled by the pool of gold you pour
over this sea and city, and I’m blinded.
Here once stood rows – and still I know they stand –
of houses and streets, belonging to another city,
not this one you have utterly transformed.

We walk along the waterfront. The night
fishermen’s boats are ready to set out,
motors chugging, paraffin lamps in the bows,
and the whole town’s out for the promenade,
lovers arm in arm, and young men swaggering,
mothers and fathers, children eating ice‐cream,
old men watching from tables at pavement cafés,
and the darkening hills move closer, like friendly animals.

Sweet evening skyglow, spread on hills and bay,
your arm grazes mine now, as if by accident,
like the touch of this young woman who walks beside me
with heavy hips, small steps and swinging gait,
jet hair swept back, delicate throat and shoulders
deep summer bronzed, and her olive brown eyes laughing.
I drink you, shimmering light, like wine, like music,
as her ancestors have drunk you thousands of years.

Porous city, her name is Eleftheria,
and though your scars are grey flecks in her eyes,
still, at this hour when light and light’s inflections
play subtly in her face as speech or song,
hers is the ancient right to walk this quayside
as instrument and guardian of your light
collecting it in the wells of her deep pupils,
and hers, the darling freedom, to tread you like a dancer.

Darling evening, light thousands of years old,
clear throated singer, lovely as this woman,
how can I not adore the grace you cast
this city and its people in, a mould
that sculptures all it touches, the whole world?
I have become your slave, if not your citizen.
And thirsting to drink you wholly, I would fill
every pore with your radiance, her freedom.

(*) Trascrizione in grafia DAM. Scarica il manuale (Scrivere la lingua madre).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...