Giuseppe Rosato

giuseppe-rosatoGiuseppe Rosato

GIUSEPPE ROSATO (Lanciano Ch 1932) è poeta in lingua e in dialetto, narratore, giornalista e critico letterario. Ha insegnato Lettere e lavorato ai servizi culturali della RAI. In lingua ha dato alle stampe una decina di libri in versi, tra cui L’acqua felice (Schwarz, 1957), La vergogna del mondo (Manni, 2003) e Le cose dell’assenza (Book, 2012), e una decina in prosa, tra cui Vedere la neve (Carabba, 2011), La neve al cancelletto di partenza (Manni, 2008) e Piccolo dizionario di Babele (Stilo, 2009). In dialetto ha pubblicato: La cajola d’ore (CET, 1956), Ecche lu fredde (Riccitelli, 1986), Ugn’addó (Grafica Campioli, 1991), L’ùtema lune, pref. F. Loi (Mobydick, 2002), E mó stém’accuscì (I libri del Quartino, 2003), La ‘ddòre de la neve, pref. G. Tesio (Interlinea, 2006), Lu scure che s’attònne (Raffaelli, 2009), La nève (Carabba, 2010), È tempe (Raffaelli, 2013).
Le traduzioni sono dell’autore. Il dialetto viene trascritto direttamente dalla sua voce, seguendo la grafia DAM (cfr. Scrivere la lingua madre).

(Da La cajola d’ore)

Tré filë

Ce šta nu file chiare all’oridzónne
ma ’ccuscì chiarë e lendë, stammatine,
’ccuscì bianghe ca pare se cunfónne
céle e mundagnë, senza cchiù cunfinë.

Nu file de recorde, assópre a quellë,
se sturcine e·ss’areturcine, strétte
a na feneštra aperte, a n’ora belle
de chi sa quande, ch’arenascie mbette.

Nu tétte a n’atru tétte e a n’atre štenne
nu fume lende che·ss’uniscie e pijë
la vije de lu cele; e·vva tremenne
pecché è nu file de malincunije.

Tre fili. Ci sta un filo chiaro all’orizzonte / ma così chiaro e lento, stamattina, / così bianco che pare si confondano cielo e montagne, senza più confini. // Un filo di ricordo, sopra a quello, si svolge e si riavvolge, stretto / a una finestra aperta, a un’ora bella / di chi sa quando, che rinasce in petto. // Un tetto a un altro tetto e a un altro stende / un fumo lento che si unisce e piglia  / la via del cielo; e va tremando / perché è un filo di malinconia.

(Da La ’ddòre de la nève)

Nu spròvele de nève, che gné quandë
se vulé fà assendì t’ha resbejate
a·nnotta fónne (e·ttu gné a na chiamate
si’ ite a·gguardà ’rréte a la persiane),
vé a dàretë lu salute: è marzë,
già té spuppà le piande – te vò dice –
e le sacce ca tuttanome penze
sole ca è primavérë.
Ma tu, alméne tu me sò penzate
ca me vulive dice addije, addije
pe na lùtema vote…
Nu spròvele de nève, c’ha durate
·scì e·nnò medzz’ore. I’, mbacce a lu vétre,
lu core a pizzë le sò vište a ìrsene.

Una spolverata di neve, che come / se ti si volesse far sentire t’ha svegliato / a notte fonda (e tu come ad una chiamata / sei andato a guardare dietro la persiana), / viene a darti il saluto: è marzo, / già le piante germogliano – ti vuole dire – / e lo so che tutti pensano / solo ch’è primavera: / ma tu, almeno tu ho creduto / che mi volessi dire addio, addio / per un’ultima volta… / Una spolverata di neve, ch’è durata / sì e no mezz’ora. Io, la faccia sul vetro, / con il cuore a pezzi l’ho vista andarsene.

Le rènele, le rènele… Na botte
mbette a·vvedé c’ha remenute, a dìretë
ca la staggiòne ch’ome dice belle
ha già ’rrevate. A nu mumende tutte
quelle che t’avé fatte cumpagnije
pe na mmernate, céle chiuse e bianghe,
foche de fuculare e·gguardà fore
ugné tandë a·vvedé se vulé néngue,
duvende cose che se n’areparle
chi sa quande. N’ha da passà de tembe.
E·cchi s’afide cchiù a·vvussà le jurne
de la cošte de magge, e·ppò l’éštàte,
lu sole che ne ngale maie, lu calle,
la luce che s’aàpre e së spalanghe
sópr’a tuttë la terre com’a dicë:
ma ne le vide quand’è belle, e·ttu
l’hi da landà… Le rènele, le rènele
gna fa a·ssapé ché cosë te se porte…

Le rondini, le rondini… Un colpo / al cuore vedere che sono tornate, a dirti / che la stagione che dicono bella / è già arrivata. In un momento tutto / ciò che ti aveva fatto compagnia / durante l’inverno, cielo chiuso e bianco, / fuoco di camino e guardar fuori / ogni tanto per vedere se volesse nevicare, / diventano cose di cui si riparlerà / chissà quando. Ne dovrà passare di tempo. / E chi ce la fa più a spingere i giorni / della salita di maggio, e poi l’estate, / il sole che non tramonta mai, il caldo, / la luce che si apre e si spalanca / sopra tutta la terra come a dire: / ma non lo vedi quant’è bella, e tu / la devi lasciare… Le rondini, le rondini / come fanno a sapere che cosa ti si portano via.

Ne nge šta cchiù nescjunë, s’è sciambate
case e quartèrë, l’àngele de ddije
ha segnate le porte a une a une
e·cchi ne nge s’è mortë se n’è ite.
Fa paùre ssu passe c’aresòne
abballe pe le ruve:
gna t’è menutë mmende? T’arevute
a·vvedé chi ce šta, chi te vé ’ppresse:
ma chi pò esse, se nge šta nescjune?
Chi te vulésse arivedé mbò ’prì
cchiù la feneštre e në ndé cchiù la voce
chi te chiamé da lloche sópre. E·ttu
gna ce pu’ métte mane a·rreppiccià
na spérèlle de vite
mmedzz’a tuttë šta morte…

Non c’è più nessuno, si sono vuotati / case e quartiere, l’angelo di dio / ha segnato le porte ad una ad una / e chi non ci è morto se n’è andato. / Fa paura codesto passo che risuona / giù per i vicoli: / come t’è venuto in mente ? Ti volti / per vedere chi c’è, chi ti viene dietro: / ma chi può essere, se non c’è nessuno? / Chi vorrebbe rivederti non può più aprire / la finestra e non ha più la voce / chi ti chiamava da lassù. / E tu / come puoi metterci mano a riaccendere / un lumicino di vita / in mezzo a tutta questa morte…

(Da Via terra, antologia a cura di Achille Serrao, Campanotto, 1992)

Coma pò èsse ca vu štete aèsse
notte e jórnë, ma nge šta cchiù né jórne
pe·vvu’, né nottë, e mmerne e štate passe
e passë l’anne e sembrë aèsse štete,
mendre i’ ugné jórne me ne vaie
camenenne senza fermarme maie
e caminë e caminë e parlë e parlë
quanda vu’ ne ndecéte na parole
e la luce, šta luce, quanda luce
da la matine a ndrarme déndre all’ucchie
e·vvu’ déndre a lu scure, a ucchie chiuse,
a·vvócca chiuse, chiuse aèsse déndre…

Come può essere che voi state lì / notte e giorno, ma non c’è più né giorno / per voi, né notte, e inverno ed estate passano / e passano gli anni e sempre lì state, / mentre io ogni giorno me ne vado / camminando senza fermarmi mai , / e cammino e cammino e parlo e parlo / quando voi non dite una parola / e la luce, questa luce, quanta luce / dalla mattina a entrarmi dentro gli occhi / e voi dentro il buio, a occhi chiusi, / a bocca chiusa, chiusi lì dentro…

(Da Lu scure che s’attónne)

Mo la salite, e già na saletelle
štucche lu fiate e piéghë le jenócchie,
arrevà ngime è nu trauarde addó
la štracchetà te lande medzze morte.
Quésse è la vite, quande t’acredive
ch’avì fenite a sàjë
pe fàretë purtà vijatamende
’bballe pe la desciése.

Adesso la salita, e già una salitella / spezza il respiro e piega le ginocchia, / giungere in cima è un traguardo dove / la stanchezza ti lascia mezzo morto. / Questa è la vita, quando credevi / di aver finito di salire / per farti portare beatamente / giù per la discesa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...