Giacomo Strizzi

embossed_line_frameGIACOMO STRIZZI, nato ad Alberona (Fg) nel 1888, morì a Torino nel 1961. Si arruolò come volontario nella Guardia di Finanza. Poi si diplomò e insegnò come maestro elementare.

Ha pubblicato: Cusareddhe pajesane («Coserelle paesane»), Lucera, Scepi, 1933; Scerpetédde («Cianciafruscole»), Foggia, Leone, 1953; Vécchie e nove scerpetédde («Vecchie e nuove cianciafruscole»), ivi, 1957; Frónne e frusce («Ramoscelli e arbusti»), ivi, 1958; L’arche-vérie («L’arcobaleno»), Roma, «Il Nuovo Belli», 1959; Fattaredde e quatrette («Fattarelli e quadretti»), ivi, 1959; U pagghiaredde («Il piccolo pagliaio»), ivi, 1960.

La sua opera in dialetto è ora raccolta in Giacomo Strizzi. Poesie dialettali a cura di Giuseppe De Matteis e Michele Urrasio, Foggia, Bastogi, 1992.

Figura in: M. Dell’Aquila (a cura di), Puglia, Brescia, La Scuola, 1986; G. Spagnoletti – C. Vivaldi (a cura di), Poesia dialettale dal Rinascimento a oggi, Milano, Garzanti, 1991; S. D’Amaro – M. Di Sabato – C. Siani (a cura di), Poesia dialettale della Capitanata, Tavoliere – Subappennino – Gargano, Roma, Cofine, 1997; G. De Matteis (a cura di), Antologia dei poeti dialettali pugliesi, in Aa. Vv., La poesia dialettale pugliese del Novecento, Atti del Convegno di San Marco in Lamis, 18 gennaio 1999, Foggia, Edizioni del Rosone, 2000; F. Granatiero (a cura di), La memoria delle parole, Apulia: storia, lingua e poesia, Foggia, Grenzi, 2004; D. M. Pegorari (a cura di), Puglia in versi, i luoghi della poesia, la poesia dei luoghi, Bari, Gelsorosso, 2009; F. Granatiero (a cura di), Dal Gargano all’Appennino. Le voci in dialetto, III volume di La poesia del ’900 Dauno, Foggia, Sentieri Meridiani, 2012.

Di lui si sono occupati, tra gli altri, F. Fichera, F. M. Pugliese, N. Vernieri, E. Perrotta, B. Marniti, B. Pento, C. Serricchio, T. Fiore, G. De Matteis, M. Dell’Aquila, M. Urrasio, F. Brevini, G. Spagnoletti, H. W. Haller, C. Siani.

Trascrizione in grafia DAM (vedi il manuale Scrivere la lingua madre). Le traduzioni sono dell’autore.

U ciucce meie

Stu mio segnore è ciucce, abbaramende
ciucce: nde vérne nfacce ’a magnatore
starrije nghiuvate; u púrte a forzë fore?
l’hi vogghie a mmenà bbotte, ché nde sende!

Va musce; vote ’a cocce ogni mumendë;
stracche, de turnà tterre nvede l’ore;
ce mitte ’a varde? e p’allerijë ze more
d’esse carcate a pagghië e saraméndë.

Pérò, nde maje, è n’aute: a l’arianove,
iégne de rragghie tòppere e vaddocchië,
coma se fússe u rré d’i pare seie.

Nziamaie sfrónde na ciucce! Ndo ze trove,
ze mbónde e, spalazzenne tande d’ócchie,
’ddore, grescigne, zómbe e… strummetteie!

Il mio ciuccio. Questo mio signore è asino, veramente asino; d’inverno, starebbe inchiodato alla greppia; lo conduci a forza in campagna? quanto più lo bastoni, tanto più non ti dà retta. Va lento; ad ogni passo volge indietro la testa; stanco, non vede l’ora di tornarsene in paese; gli rimetti il basto?, e muore d’allegrezza, certo d’esser caricato con sacchi di paglia e fasci di sarmenti. Ma, di maggio, è un altro: all’aria primaverile, riempie di ragli monti e vallate, come se fosse il re dei suoi pari. Guai se incontra un’asina! Ovunque la trovi, s’impunta, e, spalancando tanto d’occhi, fiuta per terra, digrigna, saltella e fa… trombetta! (Da Vècchie e nóve scerpetédde)

U pane nóstre

U pane nóstre nire è u megghie pane,
po’ ch’è mbastate sckitte de farine;
cchiù megghië se, squagghiate a luuatine,
ce ammiscke, sfracanate, duie patane.

Sciute do furne, e missë a defreddanë
sope ’arcone, oie, ché ’ddore nd’a cucine!;
na palate è na rote de trajine,
che pó bbastà na settemana sane.

Friscke, pare na spógne; è speceiale
s’è sedeticce; stuzzareddhe e tuttë,
ce faie nu panecótte o n’acquasale.

Pe mmé s’hi fame assaie, nu cuzzettéddhe,
tóste o cenete, m’u rresele asciutte:
pane e curtéddhë, u paste d’i puréddhe!

Il pane nostro. Il pane nostro nero è il miglior pane, poi ch’è impastato di schietta farina; meglio se, squagliato il lievito, vi mescoli, ridotte a poltiglia, alcune patate. Uscito dal forno, e messo a raffreddare sul cassone, oh, che odore spande in cucina!; ogni pagnotta è una ruota di tràino, e può bastare un’intera settimana. Fresco, sembra una spugna; è speciale risecchito; con gli stessi rimasugli puoi fare pancotto, oppure pane inzuppato e condito con olio, sale e aceto. Per me, se proprio ho fame, un orliccio, duro o morbido, me lo divoro senza companatico: pane e coltello, il pasto dei poverelli! (Da Frónne e frusce)

’A cunigghiere

Pare na cunigghiere
’a case de cummare
Bundanzië, ’a panettere:

tré cìtelë rampèiene
nd’a nache; tré zurlèiene
p’u cane mbócche ’a porte;

duie fanne a mucciareddhë
sótte ó létte; e Bundanzië,
sembe p’u beniaminë

’ppezzecate ’a vunneddhe,
trutteie p’a trippa nnanze.

La conigliera. Pare una conigliera la casa di comare Abbondanza, la panettiera: tre bimbi dimenano le manine nella culla; tre ruzzano col cane sull’uscio; due giocano a capo nascondere sotto il letto; e Abbondanza, sempre col beniamino appiccicato alla gonnella, trotta (per la casa) col ventre gonfio avanti. (Da Fattaredde e quatrette)

’A pisciateddhe

Nude nnanze ’a purtéddhe
p’u sole, ze fa u bbagne
nd’a cónghe u quatraréddhe;

mò z’a ride; sbrufféie;
p’i manéddhe, nda l’acqua
tupèddhe, sguazzaréie;

po’, mendre ’a mamme u sciuche
p’a tuvagghie, u bbreccone
’llende na pisciateddhe

dritte, nfacce a Barbonë,
ch’atturne a cónghe abbàie.

La pisciatella. Nudo, davanti la portella col sole, nella conca il ragazzotto si fa il bagno; ora se la ride; sbuffa; con le manine nell’acqua tiepida diguazza; poi, mentre la mamma con la tovaglia lo asciuga, allenta il briccone una pisciatina dritto in faccia a Barbone, che attorno alla conca abbaia. (Da U pagghiaredde)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...