Dialetto di Trinitapoli (FG)

trinitapoli

Ninnananne

Ninnananne e ninnanannë,
nascì Ggêsü Bbomméne alla capanne.
La nötte de Natöle na nze dörme,
ho fatte u figghie màsquele la Madönne.

Ninnananne e ninnavòulë,
durmisciamille tóu, sanda Necòule.
Sande Necòule vè che mörë
e vvè vestóute da marenöre.

Ninnananne e ninnanannë,
durmisciamille tóu, cara sand’Anne;
ninnananne e ninnanannë,
cüsse ié u tresàure de la mamme.

Ninnananne e ninnaréddë,
u lóupe s’ho mangiöte la pucherédde.
Pucherédda màie, accòume te vedìeste
quanne mmocche ó lóupe te truuìeste?

Madönna màie, tinamille mbrazze,
fine ca vàuche e vénghë dalla chiazze;
Madönna màie, tinamille nzéne,
fine ca vàuche e vénghë do muléne.

Ninnananne e ninnanannë,
l’addàure de li figghie ié la mamme.
Quanne nasciste tóu, nascì la ròuse,
nascì la pambanédde e lla ceröse.

Quanne nasciste tóu, nascibbe iéie,
nasciamme tütt’e ddóu jind’a nna déie.
Ninnananne e ninnanannë,
nescióune te vòule bböne accòume alla mamme.

Ninnananne e ninnavòule,
ho mörte la iaddene sàupe all’òuve;
ho mörte la iaddena cenaréne,
ca te faciave l’ùeve sare e maténë.

Vattinne, vattinne, papönne,
ce ne nde ne vè te rombe i ccörne;
vattinne, vattinne, pezzénde,
ca u meninne dörme mmandenénde.

Ninnavòule e ninnasùennë,
s’honne rotte li camböne a Sand’Andùenië;
ninnavòule e ninnasùennë,
cüsse meninne vòule fè nu sùenne.

Sùenne ngannatàure, ngannaggénde,
na nzi ngannénne a stu figghie, ca ié nucénde.
Sùenne sùenne, accòume na nge vìene?
Vìene alla stess’ àure ca venìeste ajìere.

Ninnavòule e ninnavulessë,
figghie de cavallìere e prengepessë.
Ninnananne e ninnasùenne,
vòule durmì stu figghie, ca le töne sùenne.

Ninnananna. Ninna nanna e ninna nanna, / nacque Gesù Bambino nella capanna. / La notte di Natale non si dorme, / ha fatto il figlio maschio la Madonna. // Ninna nanna e ninna vuole, / addormentamelo tu, san Nicola. / San Nicola va per mare / ed è vestito da marinaio. // Ninna nanna e ninna nanna, / addormentamelo tu, cara sant’Anna; ninna nanna e ninna nanna, / questo è il tesoro della mamma. // Ninna nanna e ninnarella, / il lupo ha mangiato la pecorella. / Pecorella mia, come ti vedesti / quando in bocca al lupo ti trovasti? // Madonna mia, tienimelo in braccio, / fintanto che vado e vengo dalla piazza; / Madonna mia, tienimelo in grembo, / fintanto che vado e torno dal mulino. // Ninna nanna e ninna nanna, / l’odore dei figli è la mamma. / Quando nascesti tu nacque la rosa, / nacque la fogliolina e la ciliegia. // Quando nascesti tu nacqui anch’io, / nascemmo tutti e due nello stesso giorno. / Ninna nanna e ninna nanna, / nessuno ti vuole bene come la mamma. // Ninna nanna e ninna vuole, / è morta la gallina sulle uova; / è morta la gallina cenerina / che ti faceva l’uovo sera e mattina. // Vattene, vattene, babau, / se non te ne vai ti rompo le corna; / vattene, vattene, pezzente, / ché il bimbo dorme immantinente. // Ninna vuole e ninna sonno, / si son rotte le campane a Sant’Antonio; / ninna vuole e ninna sonno, / questo bimbo vuol fare un sogno. // Sonno ingannatore, ingannagente, / non ingannare questo figlio, che è innocente. / Sonno sonno, perché non vieni? / Vieni alla stessa ora in cui venisti ieri. // Ninna vuole e ninna volesse, / figlio di cavaliere e principessa; / ninna vuole e ninna sonno, / vuol dormire questo figlio, perché ha sonno.

Tratto, con adattamenti, da Grazia Stella Elia, Il matrimonio e altre tradizioni popolari, presentazione di Manlio Cortelazzo, Bari, Levante editori, 2008, p. 356.

Per la scrittura del dialetto di Trinitapoli consulta il manuale Scrivere la lingua madre

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...