Claudio Damiani

fico-fortezza-light-688x1024

Una poesia di Claudio Damiani (poeta nato a San Giovanni Rotondo) tradotta nel dialetto garganico di Mattinata

Nuie avime abbesúgne de mangiàrece
i cùerpe de l’àlete, cúrpe che jèvene vive
nuie l’accetime e cë li mangéme,
l’àreuele mmèce nn·accìtene a nesciunë
lore càmbene šchitte d’àreje e dë luce,
d’acque e dë séle minéràle
che pìgghiene da la terre.
Ne nvojje dice plu sendemende
ca lore fanne búne e nuië mmalamende,
ne mbot’esse ca tutte lu regne anneméle
sté ndlu·ttúrte (e allòure ce putarrije capiscie
ca propie pe quéssë la morte
ne nn·èi na còsa mmalamende).
Pérò li·cchiande che càmbene d’àreje
d’acque e dë sòule
ne nde fanne maravigghie?

Noi abbiamo bisogno di mangiare
i corpi degli altri, corpi che erano vivi
noi li uccidiamo e li mangiamo,
l’albero invece non uccide nessuno
lui si nutre solo di aria e di luce,
d’acqua e di sali minerali
che prende dalla terra.
Non voglio dire romanticamente
che lui è nel giusto e noi nel torto,
infatti non può tutto il mondo animale
essere nel torto (e da qui se ne potrebbe dedurre
che proprio per questo la morte
non è qualcosa di negativo).
Però le piante che si nutrono d’aria
d’acqua e di sole
non sono meravigliose?

(Da Claudio Damiani, Il fico sulla fortezza, Fazi Editore, 2012, pag. 73)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...