chiesa_di_san_cirillo
Chiesa di San Cirillo. Foto di Domenico Sergio Antonacci

Non-de l’é ditte na parola male

Non-de l’é ditte na parola male,
i’ te l’éi ditte si vuòi fà l’amore
eh ma pìjete la palelle e vattinne pe ffoche

eh ma va’ lla case de lu nnammurate,
ma pìgghiete doie ore de spasse e gioche.
Ah si màmmete ce n’addone de chisti gioche,
ha’ dice ché sonne state i fajelle de foche e la,
vole e la, uéi li uéi la.

Eh ma bbella ive tu
e me l’ha fatte annammurà,
me l’ha fatte ’nnammurà
la cammenature e lu parlà.

Ah se bbella tu non-gnive
annammurà non me facive.
Lu surge sotte la tine
e sotte la tine sta,
ma la gatta malandrine
ngappe lu surge sotte la tine.

Lu surge sotte lu lette
e sotte lu lette sta,
ma la gatta maledette
ngappe lu surge sotte lu lette.

Lu surge nde la casce
e nde la casce sta,
ma la gatta vàscia vasce
ngappe lu surge nde la casce.

Cummare Ẓẓichetẹnnosse
quanne ha chiòvete addove si mmisse,
sotte na chiande de ẓẓichetẹnnosse
e jéve chiòvete e non-ẓi’ nfosse.

E vule e la
quidde ché vvú la fèmmene fa,
e se vú li maccarune
de farine n-ge ne sta,

e se vú li maccarune
te li magne a une a une,
se vú li strascenéte
te li magne appappeléte.

Li fèmmene de Monde
e tenne li scarpe a doie ponde,
une annanẓe e n’àvete addréte
ponne jì’ ccavà li préte.

E li fèmmene de Viche
sàpene coce li ciammariche,
e li mèttene allu sole
fanne ascì li corne da fore.

E cume bbelle ha ffatte jesse
pe mmè nen vò cummatte,
quanne màmete va alla messe
e ce recréie nghiane suse.

Te si’ ffatte la carejole
vaie vennenne la capesciole.
Uh mmadonne se nghianghe suse
ché ppaùre t-hê fà pejà,
t’éja rombe la frijarole
dove ce frije lu bbaccalà.

Lassàteli bballà ssi bbelle zetelle
ché tenne la tarande sotta lu péde.
Oi tu ca vai e véni oi da Caserte,
non-ẓai la bbella sua si è vvive o morta?

Ma jére séra l’haie lasciate a lette,
ma pe nna fréva d’amore ca sbarijave,
e nna mane ce tenéve oi li cummitte
n’àvita mane ci trascina morte.

La mamme ce ne vaie lundane da lu lette:
Pòvera figghia mia che d’amore è mmorta!
E vaie bbelle e vatte víste munachelle,
si mmònica te faie isse remite ce farà.

De prime amore te véne a salutaie
de nove amande, bbelle, stàteme a sentire:
S’isse ave lu piacére li voglie servire,
dagli lu vende e pò dave navigaie;
questa barchette al porte ché avéve ascije,
quanne pe nnande a vuie véne a passaie
famme nu segne d’amore e mìttete a ride.
E vaie, bbelle, e vatte víste munachelle,
si mmònica te faie isse remite ce farà
e tu diciarraie la messe e isse la servarrà.

Non ti ho detto una parola cattiva, / ti ho detto se vuoi fare l’amore / e prendi la paletta e vai per fuoco / e vai alla casa dell’innamorato, / e prenditi due ore di spasso e giochi. E se tua madre si accorge di questi giochi, / dirai che sono state le faville di fuoco ellà, / vole ellà uéi lì uéi là. // E bella eri tu / e mi ha fatto innamorare, / mi ha fatto innamorare / la camminatura e il modo di parlare. / E se bella non eri / innamorare non mi facevi. // Il sorcio sotto il tino / e sotto il tino sta, / ma la gatta malandrina / acchiappa il sorcio sotto il tino. // Il sorcio sotto il letto / e sotto il letto sta, / ma la gatta maledetta / acchiappa il sorcio sotto il letto. // Il sorcio nella cassa / e nella cassa sta, / ma la gatta bassa bassa / acchiappa il sorcio nella cassa. // Comare Sicut-et-nos / quando ha piovuto dove ti sei messa, / sotto una pianta di sicut-et-nos / e ha piovuto e non sei bagnata. // E vule ellà / quello che vuoi la donna fa, / se vuoi i maccheroni / di farina non ce n’è, / e se vuoi i maccheroni / te li mangi a uno a uno, / se vuoi le strascinate (sorta di grosse orecchiette) / te le mangi appiccicate. // Le donne di Monte / hanno le scarpe a due punte, / una davanti e una dietro / possono andare a cavare le pietre. // E le donne di Vico / sanno cuocere le lumache, / le mettono al sole / fanno uscire le corna fuori. // E come bello ha fatto lei / con me non vuole avere a che fare, / quando la mamma va a messa / si ricrea sale su. // Ti sei fatta la carretta / vai vendendo nastri e fettuccine. / Oh madonna se salgo su, / che paura ti faccio prendere, / devo romperti la padella / dove si frigge il baccalà. // Lasciatele ballare queste belle signorine / ché hanno la tarantola sotto il piede. // O tu che vai e vieni da Caserta, / non sai se la sua bella è viva o morta? / Ieri sera l’ho lasciata a letto / con una febbre d’amore che delirava, / in una mano teneva i confetti (?) / con l’altra mano si trascinava come morta. / La madre si allontana allora dal letto: / Povera figlia mia che d’amore è morta! / Vai, bella, e vai a vestirti da monachella, / se monaca ti fai lui eremita si farà. // Da primo amore ti viene a salutare / da nuovo amante bene statemi a sentire: / Se lui ha piacere lo voglio servire, / dategli il vento e poi deve navigare; / questa barchetta dal porto doveva uscire, / quando davanti a voi si trova a passare / mi farà un segno d’amore, mi sorriderà. / E vai bella a farti suora, / se suora ti fai, lui eremita si farà / e tu dirai la messa e lui la servirà.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...