Dialetto di Ruvo di Puglia (BA)

13a-ruvo

VINCENZO MASTROPIRRO

U deiarie

Sò prevòtë a tenaie u deiarie (*)
quanne ère uagnàune.

Guardaie re ppàgene numéròte
ma nan arresciaie a scrive nudde.

Cchiù passaië u tímbe
cchiù re ppàgene geràine vacande.

U vúte du deiarie pérò
iegne la véite de súnne
ed è inùtele scrive illuseiòne.

Le súnne ne nvonne mè scritte.

Le súnne, chire ca addavère le vè apprisse,
quande mmène tu u’aspitte stonne nnanze a tàiche. Ahuàndele.

Il diario. Ho provato a tenere un diario/ quando ero ragazzo.// Guardavo le pagine numerate/ ma non riuscivo a scrivere niente.// Più passava il tempo/ più le pagine giravano vuote.// Il vuoto del diario, però/ riempie la vita di sogni/ ed è inutile scrivere illusioni.// I sogni non vanno mai scritti.// I sogni, quelli che davvero insegui, quando meno te lo aspetti sono vicino a te. Prendili.

La ruòscjeue e u arrepízze

Òsce, ce addemanne a le uagnìune:
ccè d-è na ruòscjeue? ccè d-è nu arrepízze?
Te pìgghiene pe fàtuë.

Na vuolte, re ruòscjeue e l’arrepízze
servàine a fò derò cchiù a lúnghe
scarpe e vestéite.

Mò nàune. Mò, se scjette tutte.
Se scjèttene scarpe e vestéite núve núve
se scjette finanghe l’àneme ca tíne mbítte.

Ma l’àneme ne nvè mè scjettòte
l’àneme vè arrepezzòte sièmbe
vonne púste ruòscjeue ìune, cínde, mille vuolte.

L’àneme è iune e ne nze pòte accattò cchjìue.

La risuolatura e il rammendo. Oggi se chiedi ai ragazzi:/ cos’è una risuolatura? cos’è un rammendo?/ Ti prendono per scemo.// Una volta, le risuolature e i rammendi/ servivano a far durare più a lungo/ vestiti e scarpe.// Ora no. Ora, si butta tutto./ Si buttano scarpe e vestiti nuovi nuovi/ si butta pure l’anima che hai nel petto.// Ma l’anima non va mai buttata/ l’anima va rattoppata sempre/ vanno messe suole una, cento, mille volte.// L’anima è una e non si può comprare più.
__________

Testi tratti da Poèsìa sparse e sparpagghiote (CFR Edizioni, 2013) trascritti in grafia DAM dalla voce dell’autore:
[https://www.youtube.com/watch?v=OroiLroFRCI]
[https://www.youtube.com/watch?v=jx9PmuR_NYQ]

(*) Il rafforzamento fonosintattico è sottinteso solo dopo “a” preposizione ed “e” congiunzione non seguite dall’articolo e dopo le parole in .

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...